Gordon Northcott

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gordon Stewart Northcott (Saskatchewan, novembre 19062 ottobre 1930) è stato un serial killer canadese.

Gli omicidi[modifica | modifica wikitesto]

Gordon Northcott fu l'autore di una serie di sparizioni ed omicidi di bambini (conosciuti come Wineville Chicken Murders), verificatisi a Los Angeles e a Riverside County, California, dal 1928 al 1930. Il caso ricevette attenzione nazionale e mise in evidenza la corruzione del Dipartimento di Polizia di Los Angeles. Nel 2008 è uscito il film Changeling, di Clint Eastwood, basato su questi fatti.

Nel settembre 1928, la polizia di Los Angeles visitò il ranch di proprietà della famiglia Northcott, a Winewille. Nel 1926, Sanford Clark, il nipote tredicenne del proprietario del ranch, Gordon Stewart Northcott, fu prelevato da quest'ultimo da casa sua, a Saskatchewan in Canada. Northcott abusò sessualmente di lui, prima che un membro della famiglia, scoperta la situazione, avvisasse la polizia. La polizia trovò Clark al ranch e lo prese in custodia. Clark raccontò che Northcott aveva rapito, molestato e ucciso numerosi bambini con l'aiuto della sua presunta madre, Sarah Louise Northcott, e con la partecipazione forzata dello stesso Clark. La polizia tornò ad ispezionare il ranch e trovò parti del corpo ed oggetti personali di bambini scomparsi, e anche alcune asce sporche di sangue. Clark raccontò inoltre che i resti dei bambini venivano cosparsi di calce viva e seppelliti nel deserto. Gordon e la madre, che erano intanto scappati in Canada, vennero arrestati vicino a Vernon.

Il processo[modifica | modifica wikitesto]

Sarah Louise Northcott inizialmente confessò ogni omicidio, incluso quello di Walter Collins, nove anni, figlio di Christine Collins, protagonista peraltro del film Changeling di Clint Eastwood, ma in seguito ritirò ogni confessione, così come Gordon, che aveva precedentemente confessato l'assassinio di cinque bambini. L'8 febbraio 1929, dopo ventisette giorni di processo a Riverside County, il Giudice George R. Freeman, che già aveva accusato Northcott dell'uccisione dei due fratelli Lewis e Nelson Windlow (di 12 e 10 anni), che erano scomparsi da Pomona il 16 maggio 1928, e di un bambino messicano mai identificato, aggiunse che Northcott era il responsabile di circa una ventina di omicidi; venne detto che aveva rapito, molestato, torturato, ucciso e dismembrato questi ed altri bambini nel corso del 1928. Il 13 febbraio 1929, Gordon Northcott venne condannato all'impiccagione e la sentenza venne eseguita il 2 ottobre 1930. Sarah Louise Northcott venne accusata dell'assassinio di Walter Collins. Venne condannata all'ergastolo, da scontare presso la Tehachapi State Prison; venne rilasciata dopo aver scontato meno di dodici anni. Durante il processo Gordon Northcott apprese che Sarah Louise, che aveva creduto essere sua madre, era in verità sua nonna; lei confessò infatti che Gordon era il risultato di un incesto che suo marito, Cyruss George Northcott, aveva commesso nei confronti della loro figlia Winifred.

Walter Collins[modifica | modifica wikitesto]

Walter Collins (9 anni) scomparve da Los Angeles il 10 marzo 1928, mentre era uscito di casa per andare da solo al cinema (diversamente però da come accade nel film, dove il bambino viene lasciato in casa da solo, sotto la custodia di una vicina). Il caso ricevette attenzione nazionale, e la Polizia di Los Angeles risultò totalmente incapace di indagare riguardo alla sua scomparsa, facendosi pubblicità negativa ed aumentando le pressioni pubbliche per tentare di risolvere il caso, finché, cinque mesi dopo la scomparsa di Walter, fu ritrovato un bambino di nome Walter Collins a DeKalb, Illinois. Furono scambiate lettere e fotografie prima che Christine Collins, madre di Walter, pagasse al bambino il viaggio per Los Angeles. La polizia organizzò un incontro pubblico per l'incontro di madre e figlio, sperando in questo modo di cancellare la pubblicità negativa derivante da questo e da altri casi mal risolti; inoltre, sfruttò l'attenzione dedicata a questo fatto per far passare inosservati episodi di corruzione di cui il reparto era stato accusato. Ma nel momento della riunione, la Collins disse che quel bambino non era Walter; il capitano di polizia che si occupava del caso, J. J. Jones, suggerì alla donna di "portare il bambino a casa e provare per un paio di settimane" dal momento che, probabilmente, lo shock subito da Walter era stato tale da farlo mutare d'aspetto e comportamento. Christine accettò.

Tre settimane dopo tornò dal Capitano, insistendo sul fatto che quel bambino non fosse suo figlio. Pensando che Christine stesse solamente tentando di incastrare in qualche modo la polizia, o più che altro temendo che le insistenze della donna potessero mettere nuovamente in cattiva luce il suo operato, J. J. Jones fece ricoverare la Collins per problemi psichiatrici, mandandola al Los Angeles County Hospital come "Codice 12" - termine tecnico per indicare persone con carenze psichiche, o più propriamente "scomode"-. Durante l'incarceramento di Christine, Jones interrogò il bambino che diceva di essere Walter Collins, che ammise di essere il dodicenne Arthur Hutchins Jr., scappato dall'Illinois e originario dello Iowa. Arthur raccontò di aver sentito della scomparsa di Walter da un barista, in un cafè dell'Illinois, e di aver deciso di impersonarlo dopo aver saputo della provenienza di Walter, ovvero Los Angeles; la sua meta era Hollywood, dove avrebbe potuto incontrare il suo attore preferito, Tom Mix. Christine Collins venne liberata dieci giorni dopo la confessione di Hutchins ed intentò una causa contro il Dipartimento di Polizia di Los Angeles. La Collins vinse la causa, e avrebbe dovuto essere ricompensata con 10.800 $, che Jones non pagò mai. Cinque anni dopo l'esecuzione di Northcott, uno dei bambini da lui rapiti e dunque creduto morto, fece la sua ricomparsa, dicendo di essere riuscito a scappare e con lui altri. Dato che il corpo di Walter non venne ritrovato, Christine continuò a sperare che fosse vivo, e continuò a cercarlo per tutta la vita senza successo, finché morì senza aver saputo nulla della sorte di suo figlio. L'ultima apparizione pubblica di Christine risale al 1941, in cui tentò di raccogliere denaro per intentare una nuova causa contro Jones.

Arthur J. Hutchins, Jro.[modifica | modifica wikitesto]

Arthur J. Hutchins scrisse nel 1933 come e perché prese i panni di Walter Collins. La madre biologica di Hutchins morì quando lui aveva nove anni, e scelse di fingersi Walter Collins per sfuggire dalla sua matrigna, Violet. Arthur viveva oramai per strada da un mese, quando la polizia lo prese, a DeKalb, e cominciò a fargli domande su Walter Collins. Da principio disse di non conoscerlo, ma cambiò versione quando seppe che era californiano. Dopo aver confessato, Hutchins rimase per due anni nel riformatorio Iowa State Training School for Boys a Eldora, Iowa. Comunque espresse il suo pentimento per quello che aveva fatto e per il dolore che aveva causato a Christine Collins, e scrisse: "So che mi devo scusare con Mrs. Collins e con lo stato della California". Diventato adulto, tornò - pare - in California ove lavorò come fantino e domatore di cavalli. Morì per un trombo nel 1954, lasciando moglie e una figlia piccola, Carol, che dice:" La vita di mio padre è stata piena di avventure. Secondo me non ha sbagliato".

Il seguito[modifica | modifica wikitesto]

Gli investigatori trovarono un'ascia e delle ossa, capelli e dita di tre delle vittime seppellite vicino al pollaio nel ranch di Northcott (da qui Wineville Chicken Coop Murders). La località di Wineville cambiò il suo nome in "Mira Loma" il 1º novembre 1930, per via dei fatti spiacevoli qui avvenuti e della cattiva pubblicità. Al contrario però Wineville Avenue si chiama tuttora così e la piccola casa in legno in cui vissero Gordon Northcott e Standford Clark, negli anni ristrutturata e modificata, è tuttora esistente, benché oggi non più in aperta campagna bensì immersa in un quartiere residenziale. Il pollaio non esiste più.

Controllo di autorità VIAF: 49053308 LCCN: no2008155551

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie