Giovan Battista Castello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Battista Castello detto Il Bergamasco (Trescore Balneario, tra il 1525 e il 1526Madrid, 3 giugno 1569) è stato un architetto, pittore e stuccatore italiano.

La vita[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia era oriunda di Gandino in Val Seriana, ma Giovanni Battista nacque a Trescore Balneario e visse poi fino ai dieci anni a Lovere. La famiglia era ritornata poi a Trescore per trasferirsi dal 1541 a Bergamo. G. Battista fece il suo apprendistato a Crema presso la bottega di Aurelio Busso, lo stesso che, allievo di Polidoro da Caravaggio, aveva frequentato a Roma l'Accademia di San Luca e aveva collaborato con Giulio Romano a Mantova.

Dopo un viaggio di studio e aggiornamento a Roma, il Bergamasco si trasferì a Genova (1545 ? circa) dove ebbe importanti rapporti di collaborazione con Luca Cambiaso. A Genova eseguì numerose opere, tra cui il palazzo Carrega-Cataldi (1558-1561) per Tobia Pallavicini nell'odierna Via Garibaldi. Federico Alizeri ci dice in proposito:Il disegno di questo palazzo è di Giambattista Castello; che nel portico e nell'antisala del piano superiore colorì a fresco diverse Deità e bizzarre grottesche, adornando l'una e l'altra con plastiche di sua invenzione.

Nel 1556 venne incaricato di decorare il salone, costruito su suo progetto, della casa di Guido e Paolo Lanzi a Gorlago (vicino a Bergamo) con una serie di affreschi raffiguranti dodici episodi tratti dall'Odissea. Il ciclo è concepito come un elogio delle arti, della pace e dell'intelligenza (Apollo, Minerva e le Muse)contro la violenza della guerra.

Nel 1560 amplia, per conto di Domenico Grillo, l'omonimo palazzo Domenico Grillo, in piazza delle Vigne.

Del 1563 è palazzo Podestà, l'anno successivo palazzo Doria e la villa Grimaldi a Sampierdarena. Nello stesso torno d'anni decora la chiesa dell'Annunziata di Portoria e parte della cattedrale della città.

Nel 1567 fuggì in Spagna per debiti, lavorò al servizio del re Filippo II al monastero dell'Escorial, divenne anche architetto del palazzo reale.

Opere d'architettura[modifica | modifica wikitesto]

Opere di pittura[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni con Luca Cambiaso nell'affresco del salone principale del Palazzo della Meridiana, a Genova. Villa Lanzi, Gorlago (bergamo) - decorazione del salone con episodi tratti dall'Odissea

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Petrò, Giorgio e Giovanni Battista Castello nei documenti bergamaschi, in ATTI DELL'ATENEO DI SCIENZE LETTERE E ARTI DI BERGAMO, Anno accademico 2000–2001, Volume LXIV
  • R. Soprani, Vite (1674); enlarged, ed. C. G. Ratti, i (Genova, 1768), 402–7
  • M. Labò, G. B. Castello (Roma, 1925)
  • E. Poleggi, Strada Nuova: Una lottizzazione del cinquecento a Genova (Genova, 1968, 2/1972)
  • E. Gavazza, La grande decorazione a Genova (Genova, 1974)
  • A. Chastel, "Architettura e cultura nella Francia del cinquecento" (Torino, 1991)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ennio Poleggi, 'L'invenzione dei Rolli, Genova, città di palazzi', Milano, Skirà, 2004

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 62418761 · LCCN: no00035389 · GND: 121997979