Leda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Leda (disambigua).
Leda e il cigno, dipinto cinquecentesco da un originale di Michelangelo, 1530, Londra, National Gallery.
Specchio da toletta del tesoro di Boscoreale. Parigi, Museo del Louvre.

Nella mitologia greca Leda era una donna, figlia di Testio e moglie di Tindaro, dominatore e re di Sparta.

La leggenda narra che Zeus, innamoratosi di lei, si trasformò in un cigno e si accoppiò con Leda, che generò due uova. Da un uovo sarebbero usciti i Dioscuri, Castore e Polluce, mentre dall'altro Elena e Clitennestra.

La tradizione mitica è discordante riguardo a quale fosse la progenie divina; secondo alcune versioni i figli immortali di Zeus non sarebbero stati i Dioscuri ("figli di Zeus"), ma Polluce ed Elena, mentre gli altri due sarebbero figli di Tindaro.[1]

Secondo un'altra versione del mito, Leda trovò l'uovo, frutto dell'unione tra Zeus e Nemesi, dal quale sarebbe uscita Elena.

Arte[modifica | modifica sorgente]

Pittura[modifica | modifica sorgente]

Letteratura[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pseudo-Apollodoro, Biblioteca III, 10,7; Pindaro, Nemee, X, 55

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]