Georgij Gongadze

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Georgij Gongadze Ruslanovych (in ucraino: Георгій Русланович Ґонґадзе, Georgiy Gongadze Ruslanovych; georgiano: გიორგი ღონღაძე; 21 maggio 196917 settembre 2000) è stato un giornalista ucraino di origine georgiana, che è stato rapito e assassinato nel 2000.

Le circostanze della sua morte divennero uno scandalo nazionale insieme alle proteste verso il governo del presidente, Leonid Kuchma. Durante lo Scandalo delle casette sono state rinvenute delle audio-cassette incriminanti Kuchma, Volodymyr Lytvyn e altri funzionari dell'amministrazione che avrebbero discusso sulla necessità di far tacere Gongadze per i suoi rapporti di notizie online su corruzione.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Ucraina - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Ucraina
«Per il servizio dedicato al popolo ucraino, per il coraggio civile nel difendere gli ideali di democrazia e libertà e per la fedeltà aziendale al giornalismo»
— 23 agosto 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie