Galaxy Evolution Explorer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Galaxy Evolution Explorer
Immagine del veicolo
Galex.jpg
Immagine del Galaxy Evolution Explorer
Dati della missione
Proprietario NASA
Numero di catalogazione 2003-017A
Esito missione in corso
Nomignolo GALEX
Vettore Pegasus XL
Luogo lancio Cape Canaveral, USA
Lancio 28 aprile 2003
Orbita circolare
Altezza orbita 697 km
Inclinazione orbitale 29 gradi
Explorer
Missione precedente Missione successiva
Explorer 82 (CHIPS) Explorer 84 (Swift)

Il Galaxy Evolution Explorer (a volte abbreviato con GALEX) è un telescopio spaziale operante nella regione dell'ultravioletto, sviluppato dalla NASA. È stato lanciato il 28 aprile 2003 da un razzo Pegasus, ed è stato posto in un'orbita circolare a 697 chilometri di altezza, con un'inclinazione di 29° rispetto al piano equatoriale della Terra.

La prima osservazione fu svolta il 21 maggio 2003, e fu dedicata all'equipaggio dello Space Shuttle Columbia. Riguardò la costellazione di Ercole, che durante l'ultimo contatto con il Mission Control si trovava proprio sopra al Columbia.

Profilo della missione[modifica | modifica wikitesto]

La durata minima era prevista inizialmente in 29 mesi, ma il telescopio è rimasto operativo molto più a lungo. Ha continuato le osservazioni fino al 29 maggio 2009, quando lo strumento per l'ultravioletto lontano ha subìto un guasto dovuto ad un sovraccarico di corrente. I tecnici stanno cercando attualmente (fine 2009) di risolvere il problema.

Durante la sua operatività l'osservatorio ha analizzato le lunghezze d'onda dell'ultravioletto fino ad una distanza dell'80% dell'universo osservabile, per scoprire nuove informazioni sulla formazione delle stelle. Dato che gli scienziati ritengono che il Big Bang si sia verificato circa 13 miliardi di anni fa, il telescopio ha analizzato gli ultimi 10 miliardi di anni di vita dell'universo.

L'osservatorio spaziale ha studiato centinaia di migliaia di galassie al fine di determinare con quale velocità le stelle si siano formate in ogni galassia, e con quale velocità le galassie si stanno allontanando dalla Terra. Le emissioni agli estremi dell'ultravioletto possono indicare la formazione di giovani stelle o la presenza di stelle molto vecchie.

Oltre al Jet Propulsion Laboratory, hanno partecipato allo sviluppo del progetto:

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Programma Explorer
Lancio di explorer 1
1 I 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 (AE-A) | 18 (IMP-A) | 19 (AD-A) | 20 | 21 (IMP-B) | 22 | 23 | 24 (AD-B) | 25 (Injun-4) | 26 | 27 | 28 (IMP-C) | 29 (GEOS A) | 30 (Solrad 8) | 31 | 32 (AE-B) | 33 (IMP-D) | 34 (IMP-F) | 35 (IMP-E) | 36 (GEOS B) | 37 (Solrad 9) | 38 (RAE-A) | 39 (AD-C) | 40 (Injun-5) | 41 (IMP-G) | 42 (Uhuru) | 43 (IMP-I) | 44 (Solrad 10) | 45 | 46 | 47 (IMP-H) | 48 (SAS-2) | 49 (RAE-B) | 50 (IMP-J) | 51 (AE-C) | 52 (Injun-F) | 53 (SAS-3) | 54 (AE-D) | 55 (AE-E) | 56 (ISEE 1) | 57 (IUE) | 58 (AEM-A) | 59 (ICE) | 60 (AEM-B) | 61 (Magsat) | 62 (DE-1) | 63 (DE-2) | 64 (SME) | 65 (CCE) | 66 (COBE) | 67 (EUVE) | 68 (SAMPEX) | 69 (RXTE) | 70 (FAST) | 71 (ACE) | 72 (SNOE) | 73 (TRACE) | 74 (SWAS) | 75 (WIRE) | 76 (TERRIERS) | 77 (FUSE) | 78 (IMAGE) | 79 (HETE-2) | 80 (WMAP) | 81 (RHESSI) | 82 (CHIPS) | 83 (GALEX) | 84 (Swift) | 85-89 (THEMIS) | 90 (AIM) | 91 (IBEX) | 92 (WISE) | 93 (NuSTAR) | 94 (IRIS)
Voci correlate: Esplorazione spaziale
astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica