IBEX (satellite)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IBEX
Emblema missione
IBEX official logo.jpg
Immagine del veicolo
IBEX.jpg
Dati della missione
Proprietario NASA
Destinazione orbita terrestre
Esito sonda funzionante, dismissione nell'ottobre 2010
Vettore razzo Pegasus
Luogo lancio lancio aereo dopo decollo da Kwajalein
Lancio 19 ottobre 2008, 17:47:23 UTC
Massa 80 kg
Programma Explorer
Missione precedente Missione successiva
AIM WISE

IBEX (acronimo inglese per Interstellar Boundary Explorer, ovvero Explorer del confine interstellare), a volte citato anche come Explorer-91, è un satellite artificiale messo in orbita dalla NASA nell'ambito del Programma Explorer.

Immesso su un'orbita terrestre da un razzo Pegasus-XL con lancio aereo da un velivolo Lockheed L-1011 il 19 ottobre 2008[1], è previsto che conduca una missione di 24 mesi dedicata allo studio della regione del termination shock del sistema solare.

La sonda[modifica | modifica wikitesto]

IBEX è equipaggiato con due strumenti di rilevazione per particelle energetiche neutre a diversi livelli di energia: IBEX-Hi (che opera tra valori di 300 eV e 6 keV) e IBEX-Lo (che opera tra 10 eV e 2 keV). Ciascun strumento è costituito da un collimatore, per limitare il campo di osservazione, una superficie di conversione, per trasformare gli atomi di idrogeno e ossigeno in ioni, un analizzatore elettrostatico, per eliminare la luce ultravioletta e selezionare ioni di una specifica fascia energetica, ed un sensore per il conteggio e l'identificazione degli ioni.

Gli strumenti, posti in perpendicolare all'asse di rotazione del satellite e in direzioni opposte fra loro, permetteranno di misurare la quantità e la localizzazione delle collisioni con scambio di carica in tutte le direzioni e si potrà così avere una mappatura del termination shock.

L'alimentazione è fornita da una superficie di pannelli solari che garantiscono una potenza di 116 W a fronte di una necessità di 66.

Lancio e orbita[modifica | modifica wikitesto]

IBEX fu posizionato nel razzo Pegasus alla base aerea di Vandenberg in California e quindi trasportato all'atollo di Kwajalein il 12 ottobre 2008 con un Lockheed L-1011. Da qui decollò il 19 ottobre per essere sganciato dal Lockheed in prossimità dell'equatore[2] alle 17:47:23 UTC[3].

Il satellite è stato posizionato su un'orbita fortemente ellittica caratterizzata da un periasse di 7.000 km e un apoasse di 220886. Questa orbita porta il satellite all'esterno della magnetosfera terrestre rimuovendo una fonte di disturbo che impedirebbe l'osservazione dei fenomeni desiderati. Il satellite sfrutta il tratto di orbita a quota inferiore ai 10 raggi terrestri per effettuare la trasmissione a Terra dei dati raccolti.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Scheda del lancio di IBEX dal sito della NASA. URL consultato il 31 maggio 2009.
  2. ^ Questa scelta ha permesso un aumento del carico utile di circa 15 kg rispetto ad lancio da Cape Canaveral: Dave McComas, IBEX November 2006, Southwest Research Institute. URL consultato il 1º giugno 2009.
  3. ^ Justin Ray, Mission Status Center in Pegasus/IBEX Launch Report, Spaceflight Now, 19 ottobre 2008. URL consultato il 1º giugno 2009.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Programma Explorer
Lancio di explorer 1
1 I 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 (AE-A) | 18 (IMP-A) | 19 (AD-A) | 20 | 21 (IMP-B) | 22 | 23 | 24 (AD-B) | 25 (Injun-4) | 26 | 27 | 28 (IMP-C) | 29 (GEOS A) | 30 (Solrad 8) | 31 | 32 (AE-B) | 33 (IMP-D) | 34 (IMP-F) | 35 (IMP-E) | 36 (GEOS B) | 37 (Solrad 9) | 38 (RAE-A) | 39 (AD-C) | 40 (Injun-5) | 41 (IMP-G) | 42 (Uhuru) | 43 (IMP-I) | 44 (Solrad 10) | 45 | 46 | 47 (IMP-H) | 48 (SAS-2) | 49 (RAE-B) | 50 (IMP-J) | 51 (AE-C) | 52 (Injun-F) | 53 (SAS-3) | 54 (AE-D) | 55 (AE-E) | 56 (ISEE 1) | 57 (IUE) | 58 (AEM-A) | 59 (ICE) | 60 (AEM-B) | 61 (Magsat) | 62 (DE-1) | 63 (DE-2) | 64 (SME) | 65 (CCE) | 66 (COBE) | 67 (EUVE) | 68 (SAMPEX) | 69 (RXTE) | 70 (FAST) | 71 (ACE) | 72 (SNOE) | 73 (TRACE) | 74 (SWAS) | 75 (WIRE) | 76 (TERRIERS) | 77 (FUSE) | 78 (IMAGE) | 79 (HETE-2) | 80 (WMAP) | 81 (RHESSI) | 82 (CHIPS) | 83 (GALEX) | 84 (Swift) | 85-89 (THEMIS) | 90 (AIM) | 91 (IBEX) | 92 (WISE) | 93 (NuSTAR) | 94 (IRIS)
Voci correlate: Esplorazione spaziale
astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica