Fadilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Annia Aurelia Fadilla, meglio nota semplicemente come Fadilla (Roma, 159192 post), è stata una dei tredici figli dell'imperatore Marco Aurelio e di sua moglie Faustina Minore.

Nata e cresciuta a Roma, durante il regno del padre, Fadilla sposò il senatore Marco Peduceo Plauzio Quintillo, nipote dell'imperatore Lucio Vero. Ebbero due figli: (Plauzio) Quintillo e Plauzia Servilla.

Durante il regno del fratello Commodo, la famiglia di Fadilla abitò sul Campidoglio che fu più tardi concesso all'imperatore Elagabalo come una delle residenze preferite dalla madre. Suo marito Plauzio Quintillo fu uno dei maggiori consiglieri di Commodo.

Secondo Erodiano, Fadilla avvertì Commodo del pericolo costituito da Marco Aurelio Cleandro, un prefetto del pretorio, divenuto troppo potente[1]. Nel 189, insieme ad una delle sue sorelle, Fadilla scoprì e rivelò una cospirazione di palazzo tesa alla rimozione dal trono di Commodo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erodiano, Storia dell'impero dopo Marco Aurelio, 1.13.1

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Erodiano, Storia dell'impero dopo Marco Aurelio

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]