Marco Annio Vero (console 97)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Annio Vero
Roman SPQR banner.svg Console imperiale romano
Nome originale Marcus Annius verus
Nascita 50 ca.
Morte 138
Consolato 97, 121 e 126

Marco Annio Vero (50 circa – 138) è stato un politico romano della dinastia antoniniana vissuto tra il I e il II secolo d.C.

Biografia e vicende familiari[modifica | modifica sorgente]

Discendeva da una famiglia romana da tempo insediatasi nella Betica, a Ucubi (l'odierna Espejo), nei pressi di Corduba (l'odierna Cordova), e arricchitasi con la produzione e il commercio dell'olio d'oliva. Era figlio di un omonimo Marco Annio Vero, che aveva raggiunto la pretura.

Sposò Rupilia Faustina, da cui ebbe tre figli:

Alla morte del figlio Annio Vero, probabilmente nel 124, adottò i figli di quest'ultimo: Marco Aurelio e sua sorella Annia Cornificia Faustina.

Morì nel 138, all'età di circa 90 anni.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Fu praefectus Urbi e fu nominato patrizio durante la censura degli imperatori Vespasiano e Tito. Ricoprì il consolato tre volte: fu console suffetto nel 97 d.C., e console ordinario nel 121 e nel 126[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Si veda la nota 1 dall'edizione Loeb riprodotta sul sito LacusCurtius, che attribuisce però il primo consolato al regno di Domiziano, quindi al massimo nel 96