Estremoz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Estremoz
comune
Estremoz – Stemma Estremoz – Bandiera
Localizzazione
Stato Portogallo Portogallo
Regione Alentejo
Distretto Évora
Territorio
Coordinate 38°51′N 7°39′W / 38.85°N 7.65°W38.85; -7.65 (Estremoz)Coordinate: 38°51′N 7°39′W / 38.85°N 7.65°W38.85; -7.65 (Estremoz)
Altitudine 425 m s.l.m.
Superficie 514 km²
Abitanti 15 672 (2001)
Densità 30,49 ab./km²
Comuni confinanti Arraiolos, Borba, Évora, Fronteira (12), Monforte (12), Redondo, Sousel (12)
Altre informazioni
Cod. postale 7100
Prefisso (+351) 268
Fuso orario UTC+0
Subregione Alentejo Centrale
Cartografia

Estremoz – Localizzazione

Sito istituzionale
Panorama di Estremoz e del castello reale

Estremoz ((ɨ)ʃtɾɨ.moʃ) è un comune portoghese di 15.672 abitanti situato nel distretto di Évora, all'altitudine di 425 metri s.l.m. nell'Alto Alentejo sulla strada diretta fra Lisbona e Madrid a 166 km da Lisbona.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come dimostrano i numerosi dolmen e menhir, la zona fu sede di insediamenti umani già nel neolitico. Fece parte del territorio dei Lusitani, che ebbero contatti con i Cartaginesi della colonizzazione punica sulle coste, ai quali fornirono mercenari durante le guerre puniche contro i Romani, guidati dal loro capo Viriato, si opposero duramente tra il 147 e il 139 a.C. all'occupazione romana.

In età romana si sviluppò come centro legato alle cave del marmo di Estremoz, impiegato come marmo bianco localmente (per esempio nel tempio detto di Diana a Évora, di epoca augustea).

A partire dal 416 la zona fu occupata dai Visigoti e dal 714 dagli Arabi. Nel 1165 i cristiani di Geraldo Sampavor riconquistarono Évora ed Estremoz: quest'ultima fu ripresa dagli Arabi e venne definitivamente riconquistata solo nel XIII secolo dal re di Portogallo Sancho II (1209-1248).

Nel 1258 il re Afonso III (1210-1279), a difesa dai Castigliani costruì castelli a Estremoz, Evoramonte e Veiros e diede il foral, cioè i diritti feudali ad Estremoz. Incominciò allora l'importanza della città nelle lotte fra Portogallo e Castiglia.

Il generale portoghese Nuno Alvares Pereira (1360-1431) stabilì a Estremoz il suo quartier generale e sconfisse i Castigliani nella battaglia di Ateiros. Nel castello visse il re Dionigi I (1261-1325), fondatore dell'università di Coimbra, che vi fece costruire un palazzo reale all'interno; la moglie Isabella d'Aragona (1270-1336), si interporse qui fra gli eserciti di Alfonso VII di Castiglia e del figlio Alfonso IV di Portogallo (1251-1357) per evitare la guerra.

Divenuta residenza reale, Estremoz acquistò importanza e vi soggiornarono diversi re del Portogallo: nel convento dei francescani vi morì nel 1367 il re Pietro I e secondo la tradizione prima di partire per l'India Vasco da Gama vi ricevette dalle mani del re Manuele (1469-1561) lo stendardo reale e i doni per il re di Calcutta.

Nel 1559 presso Estremoz si svolse una battaglia fra Portoghesi e Spagnoli e durante la guerra di restaurazione (1640-1668) da Estremoz si mossero le truppe portoghesi per le battaglie decisive contro gli Spagnoli (battaglia di Ameixal nel 1663 e battaglia dei Montes Claros.

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Popolazione di Estremoz (1801 – 2004)
1801 1849 1900 1930 1960 1981 1991 2001 2004
10722 8504 16238 20550 23201 18073 15461 15672 15064

Luoghi di interesse[modifica | modifica wikitesto]

La città è composta da due parti: una in alto (Cidade alta) entro la cinta muraria, con le bianche antiche case dei secoli XIV-XVI e una in basso (Cidade baixa) con i bastioni delle fortificazioni del XVII secolo.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Si trova al centro di una zona ricca di cave di granito e di marmo bianco e di diversi colori, già sfruttate dai Romani. Le cave forniscono l'85% del marmo esportato dal Portogallo, secondo paese esportatore nel mondo dopo l'Italia. Particolarmente pregiata la qualità rosa detta "Rosa aurora" od anche "Rosa Estremoz".

È un importante nodo stradale e basa la sua economia sull'agricoltura e sull'artigianato, in particolare quello tradizionale delle terrecotte dipinte. Ha un ricco mercato agricolo ogni sabato nella grande spianata del Rossio Marques de Pombal.

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il comune comprende le seguenti frazioni (freguesias):

  • Arcos
  • Évora Monte
  • Glória
  • Santa Maria
  • Santa Vitória do Ameixial
  • Santo André
  • Santo Estêvão
  • São Bento de Ana Loura
  • São Bento do Ameixial
  • São Bento do Cortiço
  • São Domingos de Ana Loura
  • São Lourenço de Mamporcão
  • Veiros

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Frazioni di Estremoz sul sito dell'Associazione nazionale dei comuni portoghesi (Associação Nacional Municípios Portugueses).