Eparchia della Sacra Famiglia di Londra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eparchia della Sacra Famiglia di Londra
Eparchia Sanctae Familiae Londiniensis
Chiesa ucraina
London ukrainian greek catholic cathedral.jpg
Eparca Hlib Lonchyna, M.S.U.
Sacerdoti 17 di cui 12 secolari e 5 regolari
588 battezzati per sacerdote
Religiosi 5 uomini, 1 donne
Battezzati 10.000
Parrocchie 12
Erezione 10 giugno 1957
Rito bizantino
Cattedrale Sacra Famiglia
Indirizzo 22 Binney Street, London, W1Y 1YN, England, Great Britain
Dati dall'Annuario Pontificio 2006 * *
Chiesa cattolica in Inghilterra
L'attuale eparca Hlib Borys Sviatoslav Lonchyna

L'eparchia della Sacra Famiglia di Londra (in latino: Eparchia Sanctae Familiae Londiniensis) è una sede della Chiesa greco-cattolica ucraina immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2009 contava 10.000 battezzati. È attualmente retta dall'eparca Hlib Lonchyna, M.S.U.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

L'eparchia esercita la sua giurisdizione su tutti i fedeli della Chiesa greco-cattolica ucraina in Gran Bretagna.

Sede eparchiale è la città di Londra, dove si trova la cattedrale della Sacra Famiglia in Esilio.

Il territorio è suddiviso in 12 parrocchie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fin dalla fine del XIX secolo, molti ucraini emigrarono in Inghilterra, soprattutto a Londra e nella zona di Manchester, venendo in seguito conosciuti come stari emihranty cioè "vecchi immigrati".

Dopo la Seconda guerra mondiale aumentò nelle isole britanniche il numero di immigranti provenienti dall'Europa dell'est: fra questi vi erano numerosi cattolici ucraini, che come la maggior parte dei loro connazionali provenivano dalla parte occidentale dell'Ucraina. Inizialmente molti di questi cattolici orientali tennero i propri riti in stabilimenti industriali e case in affitto, cioè in luoghi pochi costosi dove si erano sistemati. Alcuni praticarono nelle locali chiese di rito latino, ma non secondo la liturgia bizantina.

Alla fine i cattolici ucraini poterono organizzare i culti nella propria liturgia, spesso nelle locali chiese di rito latino. A Coventry, dal 1948, la chiesa di Cristo Re a Coundon cominciò a svolgere celebrazioni di rito bizantino-ucraino, che presto furono trasferite nella chiesa di Santa Elisabetta a Foleshill.

L'esarcato apostolico fu eretto il 10 giugno 1957 con la bolla Quia Christus di papa Pio XII per i fedeli cattolici di rito greco-ucraino d'Inghilterra e Galles ed esteso all'intera Gran Bretagna il 12 maggio 1968 con il decreto Apostolica Constitutione della Congregazione per le Chiese Orientali. È l'unica diocesi di rito orientale del Regno Unito.

Diversamente da molte altre nazioni in cui gli ucraini sono emigrati, come il Canada e l'Australia, la Chiesa cattolica greco-ucraina in Gran Bretagna non gode dello status di eparchia (equivalente alla condizione diocesana nella Chiesa di rito latino), ma piuttosto di quella di esarcato. Inoltre, di fronte ad altre diocesi di rito latino in Gran Bretagna, anche per il relativamente basso numero di fedeli nell'esarcato apostolico, esistono pochi servizi, come scuole o luoghi di cura, collegati ad esso.

Dal 1959 oltre 700 cattolici ucraini si erano registrati a Coventry: nelle Midlands un prete cattolico ucraino celebrava secondo il rito bizantino per i fedeli di Coventry, così come a Rugby, Gloucester, Bristol, Birmingham e Cheltenham.

Con l'aiuto del cardinale John Heenan, il vescovo Augustine Hornyak poté trasformare un'ex cappella metodista in chiesa cattedrale dell'esarcato apostolico, la cattedrale della Sacra Famiglia in esilio a Londra.

Negli anni novanta in Ucraina, dopo l'indipendenza, iniziò un periodo di difficoltà economiche che spinse in molti ad emigrare verso l'occidente: ciò portò ad un incremento nel numero di fedeli cattolico-ucraini in Gran Bretagna.

Recentemente, la Chiesa cattolica ucraina a Wolverhampton è stata inclusa in un documentario facente parte di una serie sugli edifici di culto in Inghilterra.

Il 18 gennaio 2013 l'esarcato apostolico è stato elevato al rango di eparchia in forza della bolla Christi in terris di papa Benedetto XVI ed ha assunto il nome attuale.

Cronotassi degli esarchi[modifica | modifica sorgente]

  • William Godfrey † (10 giugno 1957 - 22 gennaio 1963 deceduto)
  • Augustine Hornyak, O.S.B.M. † (18 aprile 1963 - 29 settembre 1987)
  • Michael Kuchmiak, C.SS.R. † (27 febbraio 1988 - 5 aprile 2002)
  • Paul Patrick Chomnycky, O.S.B.M. (5 aprile 2002 - 3 gennaio 2006 nominato eparca di Stamford)
    • Hlib Borys Sviatoslav Lonchyna, M.S.U. (2 giugno 2009 - 14 giugno 2011 nominato esarca) (amministratore apostolico)
  • Hlib Borys Sviatoslav Lonchyna, M.S.U., dal 14 giugno 2011

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

L'esarcato al termine dell'anno 2009 contava 10.000 battezzati.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1969  ?  ?  ? 17 13 4  ? 4 7 11
1978 25.000  ?  ? 12 9 3 2.083 3 5 13
1990 27.000  ?  ? 16 13 3 1.687 3 4 14
1998 15.000  ?  ? 14 12 2 1.071 2 4 14
1999 15.000  ?  ? 14 12 2 1.071 2 5 14
2000 15.000  ?  ? 14 12 2 1.071 2 4 14
2001 15.000  ?  ? 15 12 3 1.000 3 4 14
2002 15.000  ?  ? 15 12 3 1.000 3 4 14
2005 50.000  ?  ? 19 15 4 2.631 4 15
2009 10.000  ?  ? 17 12 5 588 5 1 12

Fonti[modifica | modifica sorgente]