Diocesi di Nancy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Nancy
Dioecesis Nanceiensis
Chiesa latina
France Nancy cathedrale 03 2007.jpg
Suffraganea dell' arcidiocesi di Besançon
Provincia ecclesiastica
Provincia ecclesiastica della diocesi
Collocazione geografica
Collocazione geografica della diocesi
Vescovo Jean-Louis Henri Maurice Papin
Sacerdoti 316 di cui 278 secolari e 38 regolari
2.072 battezzati per sacerdote
Religiosi 40 uomini, 500 donne
Diaconi 18 permanenti
Abitanti 713.779
Battezzati 655.000 (91,8% del totale)
Superficie 5.275 km² in Francia
Parrocchie 211
Erezione 19 novembre 1777
Rito romano
Cattedrale Annunciazione
Indirizzo 6 rue Girardet, B.P. 40260, 54005 Nancy CEDEX, France
Sito web catholique-nancy.cef.fr
Dati dall'Annuario Pontificio 2005 * *
Chiesa cattolica in Francia

La diocesi di Nancy (in latino: Dioecesis Nanceiensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Besançon. Nel 2004 contava 655.000 battezzati su 713.779 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Jean-Louis Henri Maurice Papin.

Territorio[modifica | modifica sorgente]

La diocesi comprende il dipartimento francese della Meurthe e Mosella.

Sede vescovile è la città di Nancy, dove si trova la cattedrale dell'Annunciazione. A Toul si trova l'ex cattedrale di Santo Stefano.

Il territorio è suddiviso in 211 parrocchie, raggruppate in 15 decanati.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La diocesi di Nancy fu eretta il 19 novembre 1777 con la bolla Ad universam agri di papa Pio VI, ricavandone il territorio dall'antica diocesi di Toul. Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Treviri.

Già nel 1597 Carlo duca di Lorena chiese a papa Clemente VIII di risolvere la situazione per cui il Ducato di Lorena era soggetto alla giurisdizione ecclesiastica di un vescovo francese mediante l'erezione di una nuova diocesi a Nancy. Tuttavia, il Papa concesse a Nancy la dignità primaziale con bolla del 15 marzo 1602, concedendo al nuovo primate di Lorena le insegne vescovili, ma senza il diritto di esercitare una giurisdizione episcopale.

In seguito al concordato con la bolla Qui Christi Domini di papa Pio VII del 29 novembre 1801 Nancy divenne suffraganea dell'arcidiocesi di Besançon e incorporò il territorio delle soppresse diocesi di Saint-Dié e di Verdun, che furono ristabilite il 6 ottobre 1822; e di Toul, che venne definitivamente soppressa

Il 20 febbraio 1824 i vescovi di Nancy ottennero di aggiungere al proprio titolo quello di vescovi di Toul.

Con un breve del 16 marzo 1865 papa Pio IX concesse ai vescovi di Nancy di continuare ad usare il razionale. Si tratta di una rara insegna episcopale consistente in un rettangolo di stoffa ornato di pietre preziose che si porta sul petto, usata dai vescovi di Toul fin dal 1165.

In seguito alla guerra franco-prussiana, il 10 luglio 1874 la diocesi perse i distretti di Sarrebourg e Château-Salins che divennero tedeschi e furono incorporati nella diocesi di Metz; la diocesi ne fu compensata con l'annessione del distretto di Briey che era rimasto francese e che le fu ceduto dalla stessa diocesi di Metz.

I vescovi di Nancy portano il titolo di "primati di Lorena".

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica sorgente]

  • Louis-Apollinaire de La Tour du Pin-Montauban † (15 dicembre 1777 - 15 luglio 1783 dimesso)
  • François de Fontanges † (18 luglio 1783 - 15 dicembre 1787 dimesso)
  • Anne-Louis-Henri de La Fare † (17 dicembre 1787 - 8 novembre 1816 dimesso)[1]
  • Antoine-Eustache d'Osmond † (9 aprile 1802 - 27 settembre 1823 deceduto)
  • Charles-Auguste-Marie-Joseph Forbin-Janson † (3 maggio 1824 - 11 luglio 1844 deceduto)
  • Alexis-Basile-Alexandre Menjaud † (11 luglio 1844 succeduto - 26 settembre 1859 nominato arcivescovo di Bourges)
  • Georges Darboy † (26 settembre 1859 - 16 marzo 1863 nominato arcivescovo di Parigi)
  • Charles-Martial-Allemand Lavigerie † (16 marzo 1863 - 27 marzo 1867 nominato arcivescovo di Algeri)
  • Joseph-Alfred Foulon † (27 marzo 1867 - 30 marzo 1882 nominato arcivescovo di Besançon)
  • Charles-François Turinaz † (30 marzo 1882 - 19 ottobre 1918 deceduto)
  • Charles-Joseph-Eugène Ruch † (19 ottobre 1918 succeduto - 1º agosto 1919 nominato vescovo di Strasburgo)
  • Hippolyte-Marie de La Celle † (18 dicembre 1919 - 27 agosto 1930 deceduto)
  • Etienne-Joseph Hurault † (23 dicembre 1930 - 7 aprile 1934 deceduto)
  • Marcel Fleury † (24 dicembre 1934 - 16 agosto 1949 deceduto)
  • Marc-Armand Lallier † (26 settembre 1949 - 28 settembre 1956 nominato arcivescovo di Marsiglia)
  • Emile-Charles-Raymond Pirolley † (26 gennaio 1957 - 29 giugno 1971 deceduto)
  • Jean Albert Marie Auguste Bernard † (7 gennaio 1972 - 30 novembre 1991 ritirato)
  • Jean-Paul Maurice Jaeger (30 novembre 1991 succeduto - 12 agosto 1998 nominato vescovo di Arras)
  • Jean-Louis Henri Maurice Papin, dal 3 settembre 1999

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

La diocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 713.779 persone contava 655.000 battezzati, corrispondenti al 91,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1970 650.000 705.413 92,1 699 624 75 929 107 1.279 660
1980 669.000 731.000 91,5 600 540 60 1.115 109 961 644
1990 662.000 726.000 91,2 487 452 35 1.359 2 61 795 646
1999 673.000 736.000 91,4 369 338 31 1.823 12 36 605 356
2000 662.130 712.742 92,9 374 334 40 1.770 12 42 580 358
2001 652.130 712.742 91,5 360 321 39 1.811 11 40 543 241
2002 652.130 713.779 91,4 332 304 28 1.964 13 30 535 211
2003 653.000 713.555 91,5 334 305 29 1.955 18 31 502 211
2004 655.000 713.779 91,8 316 278 38 2.072 18 40 500 211

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Contravvenendo alle disposizioni contenute nella bolla Qui Christi Domini, monsignor de La Fare non diede le dimissioni dalla sede di Nancy, malgrado la nomina, nell'aprile del 1802, del suo successore, monsignor d'Osmond. Ancora nel 1815, in occasione della riesumazione dei resti di Luigi XVI e di Maria Antonietta, si firmerà come vescovo di Nancy. Dopo aver dato le dimissioni, il 1º ottobre 1817 fu nominato arcivescovo di Sens.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi