Diocesi di Győr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diocesi di Győr
Dioecesis Iaurinensis
Chiesa latina
Gyor Cathedral.JPG
Suffraganea dell' arcidiocesi di Strigonio-Budapest
  Ungheria - Diocesi di Gyor.jpg
Vescovo Lajos Pápai
Sacerdoti 162 di cui 140 secolari e 22 regolari
2.283 battezzati per sacerdote
Religiosi 24 uomini, 25 donne
Diaconi 1 permanenti
Abitanti 530.000
Battezzati 370.000 (69,8% del totale)
Superficie 5.100 km² in Ungheria
Parrocchie 194
Erezione 1009
Rito romano
Indirizzo Egyhazmegyei Hatosag, Kaptalandomb 5/b, H--9021 Győr, Magyarorszag
Sito web www.gyor.egyhazmegye.hu
Dati dall'Annuario Pontificio 2007 * *
Chiesa cattolica in Ungheria

La diocesi di Győr (in latino: Dioecesis Iaurinensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Strigonio-Budapest. Nel 2006 contava 370.000 battezzati su 530.000 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Lajos Pápai.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi comprende la provincia di Győr-Moson-Sopron e la parte occidentale della provincia di Komárom-Esztergom.

Sede vescovile è la città di Győr, dove si trova la cattedrale di San Ladislao.

Il territorio è suddiviso in 194 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi venne eretta da Stefano I d'Ungheria nel 1009.

Dal 1450 al 1733 il vescovo di Győr ebbe il titolo di vescovo-conte (comes perpetuus supremus).

Nel 1526 il vescovo Balázs Paksy morì nella battaglia di Mohács.

Dal 1594 al 1598 la diocesi di Győr fu sotto il dominio dell'Impero Ottomano. Dal 1596 al 1630 la diocesi di Győr e l'arcidiocesi di Kalocsa (oggi arcidiocesi di Kalocsa-Kecskemét) furono amministrate dagli stessi vescovi.

Il 17 giugno 1777 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Szombathely.

Il 18 maggio 1922 cedette la porzione del suo territorio in Austria a vantaggio dell'erezione dell'amministrazione apostolica del Burgenland (oggi diocesi di Eisenstadt).

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Modesto † (1009 - 1051 deceduto)
  • Miklós ? † (1052 - 1064)
  • Dezső † (1064 - 1096)
  • Hartvik † (1097 - 1110)
  • György I † (1111 - 1115)
  • Ambrus † (1115 - 1118)
  • Gerváz I † (1119 - 1134)
  • Péter I † (1135 - 1136 deceduto)
  • Pál † (1137 - 1140)
  • Zacheus † (1142 - 1149)
  • Izbég † (1150 - 1155)
  • Gerváz II † (1156 - 1179)
  • Mikud † (1176 o 1181 - 1187)
  • Ugrin Csák † (1188 - 1204 nominato arcivescovo di Strigonio)
  • Péter † (1206 - 1218 deceduto)
  • Kozma † (1219 - 1223)
  • Gergely † (1223 - 1241 deceduto)
  • Benedek I † (11 luglio 1243 - ?)
  • Artolfus † (settembre 1245 - ?)
  • Omodé † (1254 - 1263)
  • György II † (1263 - 1267)
  • Farkas † (1268 - 1270)
  • Dénes † (1271 - 1289 ?)
  • András † (1290 - 1293)
  • Benedek II † (1294 - 1296)
  • Tivadar Tengerdi † (1296 - 1308 deceduto)
  • Miklós Kőszegi † (28 luglio 1309 - 1336 deceduto)
  • Kálmán † (1337 - 1375 deceduto)
  • János De Surdis † (1375 - 23 gennaio 1376 nominato arcivescovo di Strigonio)
  • Péter Siklósi † (23 gennaio 1376 - 2 ottobre 1377 nominato vescovo di Veszprém)
  • Guglielmo Vasco, O.F.M. † (2 ottobre 1377 - 1386 deposto)
  • János Hédervári † (12 giugno 1386 - 1415 deceduto)
  • Kelemen Molnár † (1417 - 1438 deceduto)
  • Benedek Mihályfia † (5 giugno 1439 - 1444 deceduto)
  • Ágoston Salánki † (12 novembre 1445 - 1466 deceduto)
  • Demeter Csupor Monoszlói † (14 aprile 1466 - 1480 deceduto)
  • Orbán Dóczy von Nagylúcse † (5 settembre 1481 - 27 aprile 1487 nominato vescovo di Eger)
  • Tamás Bakócz † (27 aprile 1487 - 9 giugno 1497 nominato vescovo di Eger)
  • Ferenc Szatmári † (9 giugno 1497 - 1509 deceduto)
  • János Gosztony † (10 febbraio 1511 - 1525 nominato vescovo di Transilvania)
  • Balázs Paksy † (1525 - 29 agosto 1526 deceduto)
    • Sede vacante (1526-1550)
  • Ferenc Ujlaky † (2 giugno 1550 - 3 agosto 1554 nominato vescovo di Eger)
  • Pál Gregorianci † (3 agosto 1554 - 21 ottobre 1565 deceduto)
  • Zaccaria Delfino † (1567 - circa 1572 dimesso)
  • János Liszthi † (15 maggio 1573 - 22 febbraio 1578 deceduto)
  • Juraj Drašković von Trakošćan † (25 aprile 1578 - 30 aprile 1582 nominato arcivescovo di Kalocsa)
    • Sede vacante (1582-1587)
  • Petar Herešinec † (26 ottobre 1587 - 10 giugno 1590 deceduto)
  • János Kuthassy † (23 settembre 1592 - 4 giugno 1599 nominato arcivescovo di Strigonio)[1]
  • Márton Pethe de Hetes † (15 dicembre 1600 - 3 ottobre 1605 deceduto)
  • Demeter Náprágyi † (27 gennaio 1610 - 1619 deceduto)
    • Bálint Lépes † (1619 - 1623 deceduto) (non confermato)
  • Miklós Dallos † (25 giugno 1629[2] - 23 marzo 1630 deceduto)
    • István Sennyey Kissennyei † (24 marzo 1630 - 22 ottobre 1635 deceduto) (non confermato)
    • Juraj Drašković † (22 ottobre 1635 - 1650) (non confermato)
    • János Püsky † (1651 - 1657) (non confermato)
  • György Szécsényi † (7 dicembre 1665[3] - 18 aprile 1678[4] nominato arcivescovo di Kalocsa)
    • Sede vacante (1678-1685)
  • Leopold Karl von Kollonitsch † (16 settembre 1685 - 6 marzo 1690 nominato arcivescovo di Kalocsa)
  • Christian August von Sachsen-Zeitz † (18 luglio 1696 - 23 agosto 1725 deceduto)
  • Philipp Ludwig von Sinzendorf † (11 settembre 1726 - 3 settembre 1732 nominato arcivescovo di Breslavia)
  • Adolf Groll, B. † (1º ottobre 1733 - 24 novembre 1743 deceduto)
  • Ferenc Zichy † (16 marzo 1744 - 18 giugno 1783 deceduto)
    • Sede vacante (1783-1788)
  • József Fengler, B. † (10 marzo 1788 - 4 febbraio 1802 deceduto)
    • Sede vacante (1802-1806)
  • Jozef Ignác Wilt † (26 agosto 1806 - 5 ottobre 1813 deceduto)
    • Sede vacante (1813-1818)
  • Ernst von Schwarzenberg † (21 dicembre 1818 - 14 marzo 1821 deceduto)
    • Sede vacante (1821-1825)
  • Antal Juranits † (27 giugno 1825 - 26 agosto 1837 deceduto)
  • János Sztankovits † (13 settembre 1838 - 1848 deceduto)
    • Antal Karner † (27 ottobre 1849 - 30 settembre 1856 deceduto) (non confermato)
  • János Simor † (19 marzo 1857 - 22 febbraio 1867 nominato arcivescovo di Strigonio)
  • János Zalka † (27 marzo 1867 - 1901 deceduto)
  • Miklós Széchenyi de Salvar-Felsovidék (16 dicembre 1901 - 20 aprile 1911 nominato vescovo di Gran Varadino dei Latini)
  • Árpád Lipót Várady † (22 aprile 1911 - 25 maggio 1914 nominato arcivescovo di Kalocsa)
  • Antal Fetser † (22 gennaio 1915 - 6 ottobre 1933 deceduto)
  • István Breyer † (13 dicembre 1933 - 28 settembre 1940 deceduto)
  • Beato Vilmos Apor † (21 gennaio 1941 - 2 aprile 1945 deceduto)
  • Kálmán Papp † (3 maggio 1946 - 28 luglio 1966 deceduto)
    • József Kacziba (10 gennaio 1969 - 7 gennaio 1975 dimesso) (amministratore apostolico)
  • Kornél Pataky (2 aprile 1976 - 18 marzo 1991 dimesso)
  • Lajos Pápai, dal 18 marzo 1991

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi al termine dell'anno 2006 su una popolazione di 530.000 persone contava 370.000 battezzati, corrispondenti al 69,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1948 369.790 451.218 82,0 392 337 55 943 150 807 180
1969 415.000 590.000 70,3 393 369 24 1.055 24 215
1980 431.000 630.000 68,4 320 320 1.346 211
1990 430.000 600.000 71,7 211 211 2.037 180
1999 460.000 540.000 85,2 164 146 18 2.804 1 21 24 187
2000 450.000 540.000 83,3 158 142 16 2.848 1 19 23 187
2001 370.000 540.000 68,5 161 148 13 2.298 16 21 187
2002 370.000 540.000 68,5 174 145 29 2.126 33 31 195
2003 370.000 540.000 68,5 168 140 28 2.202 32 31 195
2004 365.000 530.000 68,9 169 137 32 2.159 35 29 195
2006 370.000 530.000 69,8 162 140 22 2.283 1 24 25 194

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nel 1596 era stato nominato arcivescovo o amministratore apostolico di Kalocsa, il 29 gennaio 1597 fu nominato arcivescovo di Strigonio dal re d'Ungheria e confermato dalla Santa Sede il 4 giugno 1599.
  2. ^ Era stato nominato dal re d'Ungheria il 5 maggio 1623 e fu confermato dalla Santa Sede il 25 giugno 1629
  3. ^ Era stato nominato dal re d'Ungheria il 2 gennaio 1658 e fu confermato dalla Santa Sede il 7 dicembre 1665
  4. ^ Era stato nominato dal re d'Ungheria nel 1668 e fu confermato dalla Santa Sede il 18 aprile 1678

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi