Darby O'Gill e il re dei folletti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Darby O'Gill e il re dei folletti
Darby o gill and the little people.jpg
Titolo originale Darby O'Gill and the Little People
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1959
Durata 93 min
Colore Technicolor
Audio RCA Sound Recording
Rapporto 1.75:1
Genere fantastico
Regia Robert Stevenson
Soggetto H. T. Kavanagh (autore del personaggio di Darby O'Gill)
Sceneggiatura Lawrence Edward Watkin
Produttore Walt Disney
Fotografia Winton C. Hoch
Montaggio Stanley Johnson
Effetti speciali Peter Ellenshaw, Eustace Lycett
Musiche Oliver Wallace
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Darby O'Gill e il Re dei Folletti è un film del 1959, prodotto da Walt Disney e diretto da Robert Stevenson (che successivamente diresse le produzioni Disney Mary Poppins e Pomi d'ottone e manici di scopa) e ispirato alle storie di H.T. Kavanagh. Il film è stato distribuito negli Stati Uniti dalla Buena Vista Distribution il 26 giugno 1959.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia è ambientata nell'Irlanda del XIX secolo. Darby O'Gill (Albert Sharpe), un anziano custode di una tenuta signorile, sta per perdere il posto di lavoro a causa della sua età. A sostituirlo arriva da Dublino il giovane e aitante Michael McBride (Sean Connery). Il vecchio Darby è ossessionato dai folletti che abitano la collina vicina ed in particolare dal loro re Brian (Jimmy O'Dea), che riuscirà a catturare con un ingegnoso stratagemma per farsi esaudire tre desideri. Alla fine Darby sacrificherà i suoi desideri per il bene della figlia Kathy (Janet Munro) e verrà salvato da morte certa dal re Brian, diventato intanto suo amico. Alla fine la bella Kathy e il giovane Michael si innamorano.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu girato negli studi di Hollywood, in Irlanda e anche a Burbank, in California, nel ranch personale di Walt Disney.

Distribuzione italiana[modifica | modifica sorgente]

Il film non è mai stato distribuito nel circuito cinematografico italiano (forse perché considerato tipicamente irlandese o per la presenza di alcune scene inquietanti non troppo adatte ai minorenni, come l'arrivo del carro della morte), ma è andato in onda in prima visione TV su Rai Uno nel 1988 (il film era stato appositamente doppiato un anno prima)[1]. Nell'edizione italiana ci sono degli errori di traduzione: per esempio, "il Banshee" (che in realtà dovrebbe essere femminile) è usato anche per indicare il cocchiere del "cocchio della morte" (che dovrebbe essere il Dullahan).

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La canzone My Pretty Irish Girl, cantata da Sean Connery e Janet Munro, vendette un gran numero di dischi solo nel 1959.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ dalla scheda sul film de Il mondo dei doppiatori

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema