Congressional Progressive Caucus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Congressional Progressive Caucus
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Fondazione 1991
Partito Partito Democratico
Ideologia Progressismo
Iscritti 71

Il Congressional Progressive Caucus (CPC) è il più grande Caucus democratico degli Stati Uniti, con 71 membri dichiarati, e lavora per far progredire le questioni e le posizioni progressive.

Il CPC è stato fondato nel 1991, e conta oggi più di settanta iscritti. Il Caucus è co-presieduto dai rappresentanti Raúl Grijalva (D-AZ) e Keith Ellison (D-MN).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Congressional Progressive Caucus, è stato istituito nel 1991 da cinque membri della Camera dei Rappresentanti: i deputati Ron Dellums (D-CA), Lane Evans (D-IL), Peter DeFazio (D-OR), Maxine Waters (D-CA), e Bernie Sanders (I-VT). Bernie Sanders fu il primo organizzatore, il quale fece preoccupare gli altri membri per le difficoltà economiche imposte dalla recessione, e la crescente disuguaglianza indotta dalla timidezza della risposta del Partito Democratico.

Ulteriori membri si sono iscritti in seguito, fra questi: Major Owens (D-NY), Nydia Velázquez (D-NY), David Bonior (D-MI), Bob Filner (D-CA), Barney Frank (D-MA), Maurice Hinchey (D-NY), Jim McDermott (D-WA), Jerrold Nadler (D-NY), Patsy Mink (D-HI), George Miller (D-CA), Pete Stark (D-CA), John Olver (D - MA), Lynn Woolsey (D-CA), e Nancy Pelosi (D-CA).

Ideologia[modifica | modifica sorgente]

L'ideologia del CPC è espressamente dichiarata nel suo sito ufficiale: assistenza sanitaria di alta qualità, il diritto di tutti i lavoratori ad organizzarsi in sindacati e di impegnarsi nella contrattazione collettiva, l'abolizione di porzioni significative dell'USA PATRIOT Act, la legalizzazione del matrimonio omosessuale, un ritiro completo dalla guerra d'Iraq, un aumento delle aliquote fiscali per le persone benestanti, tagli fiscali per gente meno benestante e un aumento della spesa sociale da parte del Governo Federale.

Sostenitori dell'organizzazione[modifica | modifica sorgente]

L'organizzazione no-profit più strettamente connessa al CPC è l'American Progressive Caucus Policy Foundation, la quale opera per collegare il CPC al di fuori del Congresso.

Inoltre, si allacciano al sostenimento del CPC una serie di organizzazioni, tra cui l'Institute for Policy Studies, la rivista Nation, la MoveOn.org, e la National Priorites Project.

Membri[modifica | modifica sorgente]

Di seguito è riportata la lista dei membri per ogni stato:

Arizona[modifica | modifica sorgente]

California[modifica | modifica sorgente]

Carolina del Nord[modifica | modifica sorgente]

Colorado[modifica | modifica sorgente]

Connecticut[modifica | modifica sorgente]

Florida[modifica | modifica sorgente]

Georgia[modifica | modifica sorgente]

Illinois[modifica | modifica sorgente]

Indiana[modifica | modifica sorgente]

Iowa[modifica | modifica sorgente]

Maine[modifica | modifica sorgente]

Maryland[modifica | modifica sorgente]

Massachusetts[modifica | modifica sorgente]

Michigan[modifica | modifica sorgente]

Minnesota[modifica | modifica sorgente]

Mississippi[modifica | modifica sorgente]

Missouri[modifica | modifica sorgente]

New Hampshire[modifica | modifica sorgente]

New Jersey[modifica | modifica sorgente]

New York[modifica | modifica sorgente]

Nuovo Messico[modifica | modifica sorgente]

Ohio[modifica | modifica sorgente]

Oregon[modifica | modifica sorgente]

Pennsylvania[modifica | modifica sorgente]

Rhode Island[modifica | modifica sorgente]

Tennessee[modifica | modifica sorgente]

Texas[modifica | modifica sorgente]

Vermont[modifica | modifica sorgente]

Virginia[modifica | modifica sorgente]

Washington[modifica | modifica sorgente]

Wisconsin[modifica | modifica sorgente]

Non votanti[modifica | modifica sorgente]

Membri senatori[modifica | modifica sorgente]

Membri precedenti[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]