Colonia del Sacramento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Colonia del Sacramento
città
Colonia del Sacramento – Stemma
Colonia del Sacramento – Veduta
Localizzazione
Stato Uruguay Uruguay
Dipartimento Escudo del Departamento de Colonia.svg Colonia
Territorio
Coordinate 34°28′11″S 57°50′48″W / 34.469722°S 57.846667°W-34.469722; -57.846667 (Colonia del Sacramento)Coordinate: 34°28′11″S 57°50′48″W / 34.469722°S 57.846667°W-34.469722; -57.846667 (Colonia del Sacramento)
Altitudine 23 m s.l.m.
Abitanti 21 714 (2004)
Altre informazioni
Cod. postale 70000
Prefisso 452
Fuso orario UTC-3
Nome abitanti coloniense
Cartografia
Mappa di localizzazione: Uruguay
Colonia del Sacramento
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Quartiere storico della città di Colonia del Sacramento
(EN) Historic Quarter of the City of Colonia del Sacramento
Colonia de Sacramento.jpg
Tipo Culturali
Criterio (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1995
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Colonia del Sacramento è una città dell'Uruguay sud-occidentale, attraversata dal Río de la Plata che la separa da Buenos Aires, Argentina. È la più vecchia città dello Stato nonché capitale del departamento di Colonia. Ha una popolazione di 21.714 abitanti (censiti nel 2004).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Scoperta nel 1680 dai portoghesi, Colonia del Sacramento venne in seguito reclamata dagli spagnoli che avevano fondato colonie sulla riva opposta del fiume a Buenos Aires. La colonia continuò a passare di mano tra le due corone a causa di trattati come il famoso Trattato di Madrid del 1750 ed il Trattato di Sant'Ildefonso del 1777, per poi restare sotto il controllo spagnolo. Ripassò di nuovo al Portogallo e, in seguito, al Brasile a partire dal 1816, quando l'intera Banda Oriental (Uruguay) venne assegnata al governo di Rio de Janeiro.

I Guaraní lottarono nel 1742 nel tentativo di cacciare i portoghesi. Questa città era nota con il nome di Colônia do Sacramento sotto il governo lusitano.

Al giorno d'oggi la città si è espansa ad est, ma la parte originale mantiene lo stile urbano irregolare tipico del tempo, costruito dai portoghesi, che contrasta con lo stile ortogonale importato nei nuovi quartieri dagli spagnoli.

Il centro storico di Colonia del Sacramento è stato inserito dall'UNESCO tra i Patrimoni dell'umanità nel 1995.

Cronologia dei regnanti[modifica | modifica sorgente]

La cronologia dal 1680 ad ora (con la bandiera del momento) è:

Da A Regnante Motivo del termine
1680 1680 Flag Portugal (1667).svg Portogallo Conquistata da José de Garro
1680 1681 Escudo Felipe II.png Spagna Trattato provvisorio di Lisbona
1681 1705 Flag Portugal (1667).svg Portogallo Conquistata nella Guerra di successione spagnola
1705 1713 Escudo Felipe V.png Spagna Trattato di Utrecht
1714 1762 Flag Portugal (1707).svg Portogallo Prima spedizione di Cevallos
1762 1763 Escudo Isabel II.png Spagna Trattato di Parigi (1763)
1763 1777 Flag Portugal (1707).svg Portogallo Guerra ispano-portoghese (1776-1777)
1777 1811 Escudo Jose Bonaparte.png Spagna Rivolta guidata da José Gervasio Artigas
1811 1817 Flag of Artigas.svg Liga Federal Invasione portoghese
1817 1821 Flag United Kingdom Portugal Brazil Algarves.svg Portogallo Dichiarazione di indipendenza brasiliana
1821 1828 Flag of Empire of Brazil (1870-1889).svg Brasile Guerra argentino-brasiliana
1828 oggi Flag of Uruguay.svg Uruguay

Attrazioni[modifica | modifica sorgente]

Il Barrio Histórico (quartiere storico) di Colonia del Sacramento è stato definito patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. È una popolare attrazione turistica per i visitatori che arrivano da Buenos Aires, ed è servita da traghetti che solcano il Río de la Plata tra le due città, con aliscafi che permettono il trasferimento in 50 minuti. La parte storica di Colonia, che ha strade in ciottolato costruite dai portoghesi nel XVII secolo, è raggiungibile a piedi dal molo. Le maggiori mete sono:

  • Portón de Campo - Porta cittadina e ponte levatoio in legno
  • Faro e rovine del secentesco convento di San Francisco
  • Basilica del Sanctísimo Sacramento - Costruita in pietra dai portoghesi bel 1808
  • Museo portoghese - Costruito nel XVIII secolo, espone arredi portoghesi, gioielleria, uniformi e vecchie mappe portoghesi di spedizioni navali
  • Casa de Nacarello - Casa portoghese del XVIII secolo
  • Museo municipale - Ricostruito dagli spagnoli nel 1835 col nome di Casa del Almirante Brown, espone artefatti e documenti di differenti epoche cittadine e culture
  • Casa del Viceré - La Casa del Virrey, ricostruita sopra le rovine dell'originale
  • Iglesia Matriz - La più antica chiesa uruguayana, databile al 1695-99

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Colonia del Sacramento è servita da traghetti da Buenos Aires, Argentina: "Buquebus" e "Colonia Express".

Due principali superstrade arrivano a Colonia: l'highway #1 unisce Colonia a Montevideo e prosegue verso est; l'highway #21 la unisce al nord, tra cui l'Aarón de Anchorena National Park, a 30 km, ed a Fray Bentos.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il 18 ottobre 2010 è stato sottoscritto un patto d'amicizia tra Colonia del Sacramento e la città veneta di Feltre (Italia).

Colonia del Sacramento è la città natale di Mariano Bogliacino, calciatore del Lecce.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità