Olinda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona femminile, vedi Olindo.
Olinda
comune
Olinda – Bandiera
Olinda – Veduta
Localizzazione
Stato Brasile Brasile
Stato federato Bandeira de Pernambuco.svg Pernambuco
Mesoregione Recife
Microregione Recife
Amministrazione
Prefetto Renildo Calheiros
Territorio
Coordinate 8°00′32″S 34°51′18″W / 8.008889°S 34.855°W-8.008889; -34.855 (Olinda)Coordinate: 8°00′32″S 34°51′18″W / 8.008889°S 34.855°W-8.008889; -34.855 (Olinda)
Altitudine 16 m s.l.m.
Superficie 29 km²
Abitanti 397 268 (2009)
Densità 13 698,9 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC-3
Nome abitanti Olindense
Area metropolitana Recife
Cartografia
Mappa di localizzazione: Brasile
Olinda
Sito istituzionale
Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Centro storico della città di Olinda
(EN) View of Olinda
Centro Histórico de Olinda - Pernambuco.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 1982
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda

Olinda è una città dello Stato brasiliano di Pernambuco, situata sulla costa atlantica del Paese, nella parte nord della regione metropolitana della capitale Recife.

Confina a nord con Paulista, a sud e a ovest con Recife, mentre a est è bagnata dall'Oceano Atlantico.

Olinda ha una popolazione di 397.268 abitanti (stima del 2009) ed è una delle città coloniali meglio conservate del Brasile. Circa un terzo del territorio comunale è sotto tombamento (tutela per motivi storici, artistici e culturali) e nel 1982 Olinda è stata inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, per le sue numerose chiese barocche e per il suo centro storico. Nel 2006, quando per la prima volta venne scelta la Capital Brasileira da Cultura ("Capitale brasiliana della cultura"), la scelta cadde su Olinda.

Una festa molto sentita è il carnevale.

Nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una tradizione, il nome Olinda deriverebbe da un'esclamazione del fondatore Duarte Coelho Pereira che, vedendo il luogo dove sarebbe nata la città, avrebbe detto "Oh, linda situação para se construir uma vila!" (Oh, bel posto per costruirci una città!").

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La sagrestia di Monastero São Francisco

L'insediamento di Olinda venne fondato nel 1535 da Duarte Coelho Pereira; divenne poi una città il 12 marzo 1537. Olinda è stata la capitale del capitanato di Pernambuco, ma venne incendiata dagli olandesi che trasferirono successivamente la capitale a Recife. La fortuna della città è legata alla lavorazione della canna da zucchero.

Nel 1637 gli olandesi vengono espulsi dal Brasile e Olinda riguadagna il titolo di capitale dello Stato di Pernambuco, fino al 1837 quando capitale ridiventa definitivamente Recife.

Centro storico[modifica | modifica wikitesto]

Nel Centro Histórico de Olinda, noto anche come Cidade Alta ("Città Alta") sono situate la Sé de Olinda (chiesa cattedrale della diocesi di Olinda e Recife), il monastero di San Benedetto e il convento di San Francesco. Quest'ultimo è il più antico convento francescano del Brasile, risalendo al 1585 l'inizio della sua costruzione.

Il faro[modifica | modifica wikitesto]

Il vecchio faro di Olinda, alto 12 metri e mezzo, fu inaugurato il 18 novembre del 1872.[1] Fu il secondo faro costruito sulle coste pernambucane dopo quello di Recife, eretto mezzo secolo prima.

Il faro attuale è stato inaugurato il 7 settembre del 1941. È una torre di calcestruzzo armato alta 42 metri, dipinta a fasce alternate bianche e nere. La sommità è bianca.

Scienza[modifica | modifica wikitesto]

All'Observatório Astronômico do Alto da Sé, a Olinda, l'astronomo francese Emmanuel Liais scoprì nel febbraio del 1860, nell'area della costellazione del Dorado, una cometa doppia conosciuta con la sigla C/1860 D1 o, in omaggio alla città, con il nome di "cometa Olinda".[2] Fu la prima cometa scoperta nell'America del Sud.

Tradizioni[modifica | modifica wikitesto]

Carnevale[modifica | modifica wikitesto]

L'Homem de meia-noite del carnevale di Olinda

Il carnevale di Olinda è uno dei più importanti e tradizionali del Brasile. Caratteristici delle parate di carnevale della città sono i Bonecos de Olinda, grossi pupazzi, alti oltre due metri, che vengono portati per le vie del paese. Tra questi bonecos, particolare importanza ha l'Homem de meia-noite (Uomo di mezzanotte) che appare per dare l'avvio al carnevale alla mezzanotte tra sabato (Sábado de Zé Pereira) e la domenica.

Persone legate a Olinda[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Olinda era Fernando Santa Cruz (nome completo: Fernando Augusto de Santa Cruz Oliveira, nato il 20 febbraio 1949), attivista del movimento studentesco, desaparecido ai tempi della dittatura, nel 1974.[3]

Nel mondo della musica, Chico Science (nome anagrafico: Francisco de Assis França), leader del gruppo Chico Science & Nação Zumbi, è nato a Olinda il 13 marzo 1966 e nella stessa città è morto in un incidente automobilistico il 2 febbraio 1997. Nativo di Olinda (8 gennaio 1967) è anche Jorge dü Peixe (nome anagrafico Jorge José Carneiro de Lira), cantante dei Nação Zumbi dopo la morte di Chico Science.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Russ Rowlett, Lighthouses of Northeastern Brazil. URL consultato il 7 aprile 2014.
  2. ^ (EN) Gary W. Kronk, Cometography. A Catalog of Comets, vol. 2 (1800-1899), Cambridge Univeristy Press, 2003, pp.281-281.
  3. ^ (PT) Campanha tenta obter informações sobre desaparecidos políticos, No Minuto, 24 ottobre 2009. URL consultato il 9 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Olinda
La veduta aerea del centro città storico
Le bambole gigantesche di carnevale di Olinda