Classe Bayern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Classe Bayern
La Bayern in una foto del Bundesarchiv del 1915, nel Kaiser-Wilhelm-Kanal durante le prove in mare
La Bayern in una foto del Bundesarchiv del 1915, nel Kaiser-Wilhelm-Kanal durante le prove in mare
Descrizione generale
War Ensign of Germany 1903-1918.svg
Tipo nave da battaglia
Numero unità 4 (2 completate)
Caratteristiche generali
Dislocamento 32.200 t a pieno carico
Lunghezza 180 (totale), 179,5 a pelo d'acqua m
Larghezza 30 m
Pescaggio 9,39 m
Propulsione 3 turbine a vapore su tre eliche per 35.000 shp all'asse complessivi
Velocità 21 nodi
Autonomia 8.000 a 12 nodi
Equipaggio 1,187–1,271
Armamento
Artiglieria * 8 cannoni 38 cm SK L/45 in torri binate
Siluri * 1 tubo lanciasiluri da 600 mm subacqueo
Corazzatura * murata: da 170 a 350 mm
  • Torrette: da 100 a 350 mm
  • Torrione comando: 400 mm
  • Ponte: da 60 a 100 mm

Riferimenti nel corpo della voce.

voci di classi di navi da battaglia presenti su Wikipedia

La classe Bayern era costituita da quattro navi da battaglia, delle quali solo due completate, costruite per la Kaiserliche Marine a ridosso della prima guerra mondiale. La classe si componeva della SMS Bayern, la SMS Baden, SMS Sachsen e SMS Württemberg. Le ultime due non vennero completate per le mutate necessità della guerra che trasferirono la priorità nelle costruzioni agli U-Boot. La Baden non partecipò ad azioni della flotta tedesca, ed entrambe entrarono in servizio dopo la battaglia dello Jutland; la Bayern partecipò alla operazione Albion contro la flotta russa del Baltico. Rimasero in servizio fino alla fine della guerra quando furono internate con il resto della flotta tedesca a Scapa Flow nel novembre 1918. Le due navi della classe si autoaffondarono il 21 giugno 1919 all'ordine del contrammiraglio Ludwig von Reuter insieme al resto della flotta tedesca.

Schema di protezione della classe.

Note[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Siegfried Breyer, Battleships and Battlecruisers 1905–1970: Historical Development of the Capital Ship, Garden City: Doubleday and Company, 1973, ISBN 978-0-385-07247-2.(pubblicato originalmente in tedesco come Schlachtschiffe und Schlachtkreuzer 1905-1970, J.F. Lehmanns, Verlag, Munchen, 1970).
  • R. Gardiner, R. Gray, P. Budzbon in R. Gardiner, (a cura di), Conway's All the World's Fighting Ships: 1906–1922, Annapolis, Naval Institute Press, 1984, ISBN 0-87021-907-3, OCLC 12119866.
  • Paul G. Halpern, A Naval History of World War I, Annapolis, Naval Institute Press, 1995, ISBN 1-55750-352-4.
  • Holger Herwig, "Luxury" Fleet: The Imperial German Navy 1888-1918, Amherst, New York, Humanity Books, 1980, ISBN 978-1-57392-286-9.
  • V. E. Tarrant, Jutland: The German Perspective, Cassell Military Paperbacks, 1995, ISBN 0-304-35848-7.

Fonti on-line

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina