Celebration (Florida)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Celebration
Census-designated place
Downtown di Celebration
Downtown di Celebration
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of Florida.svg Florida
Contea Osceola
Territorio
Coordinate 28°19′12″N 81°32′25″W / 28.32°N 81.540278°W28.32; -81.540278 (Celebration)Coordinate: 28°19′12″N 81°32′25″W / 28.32°N 81.540278°W28.32; -81.540278 (Celebration)
Altitudine 25 m s.l.m.
Superficie 27,7 km²
Abitanti 7 427 (2010)
Densità 268,12 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 34747
Prefisso 321 e 407
Fuso orario UTC-5
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Celebration
Sito istituzionale

Celebration è una census-designated place (CDP) statunitense che sorge nella contea di Osceola, in Florida. Si tratta di una vera e propria città edificata dalla Disney nel 1996, e si estende per circa 27.500 acri. Fu creata per trasformare il regno magico della fantasia disneyana in realtà concreta del vivere quotidiano. Stando al censimento del 2010, conta 7.427 abitanti.

La Disney controlla gran parte della cittadina, infatti alcune unità operative della società occupano diversi edifici pubblici di Celebration. Inoltre due compagnie (Smart City Telecom e Reedy Creek Energy Services) che forniscono servizi alla comunità, operano anche nel vicino parco di Walt Disney World. Anche geograficamente Celebration è connessa alle strutture del parco divertimenti: la sua via principale, la World Drive, inizia infatti nei pressi di Magic Kingdom.

L'ufficio postale di Celebration è stato progettato dall'architetto Michael Graves, e il municipio da Philip Johnson.

Il progetto iniziale[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni Novanta, la Disney Development Company (DDC) fondò la Celebration Company per edificare un centro abitato in un'area di 20km² nel sud del distretto di Reedy Creek. L'investimento complessivo venne stimato all'epoca in 2,5 miliardi di dollari.

Il progetto generale venne preparato dalla società di architettura Cooper, Robertson & Partners e da Robert A. M. Stern, mentre le aree verdi, i paesaggi e i percorsi pedonali vennero disegnati dalla AECOM.

Celebration non è pensata per ospitare una popolazione molto numerosa e nel 2001 è stata nominata "New Community of the Year" dallo Urban Land Institute.

Il programma di Celebration è la riproduzione dei luoghi che caratterizzavano l'età della quiete, della sicurezza e della stabilità, quando la società non era ancora minacciata dai pericoli della modernità. Esso si rivolge all'insicura classe media, ancora nostalgica della vita "tranquilla" vissuta dai propri padri, in luoghi in cui i bambini potevano giocare in sicurezza per strada e in cui i vicini di casa erano tutti amici.

Lo stile[modifica | modifica sorgente]

Celebration si sviluppa a forma di mezza luna fra laghetti, campi da golf e foreste tropicali in miniatura a mezzo miglio dalla vetusta 912, una antica strada di collegamento fra la moderna A4 che attraversa da est a ovest la Florida e finisce a Tampa e la A1 che risale la costa est su fino al nord; sui bordi di essa è cresciuta e proliferata la Florida dell’Outlet, dello sconto, del Motel a 30 dollari, dei Wallgreen, degli House Depot, dei centri commerciali in genere, quel commercio che per ogni dollaro guadagnato dalla Disney ne guadagna due solo seguendo la “scia” dei turisti attratti dalla grande multinazionale dell'intrattenimento. In Celebration sono state costruite abitazioni progettate secondo 6 differenti stili architettonici: classico, vittoriano, coloniale, costiero, mediterraneo e francese. Quando si acquista una casa si può scegliere solo fra questi modelli e in certe zone la scelta si restringe a un modello e basta. La distanza massima fra gli immobili non può superare i nove metri e nelle strade circolano solo automobili elettriche. La città è controllata da un complesso sistema di sicurezza elettronico basato su una rete a fibre ottiche.

La comunità[modifica | modifica sorgente]

In Celebration la Disney ha cercato di creare una vera comunità. Una comunità chiusa, che non può superare le 20.000 unità per non mettere in crisi il progetto di pulizia, ordine, civiltà e patriottismo che deve necessariamente contraddistinguerla. Per questo obiettivo gli abitanti sono costretti a rinunciare ad una parte consistente della propria libertà personale. Ma soprattutto sono gli agenti in borghese e le telecamere nascoste a salvaguardare l'ordine. Più o meno quello che succede nell'artificiale cittadina dov'è ambientato il celebre film "The Truman Show".

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Celebration, città perfetta. Tra Topolinia e il Truman Show.[1]
  • Vanni Codeluppi, Lo spettacolo della merce. I luoghi del consumo dai passages a Disney World, Bompiani editore.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]