Bron (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bron / Broen
BronBroen.png
Immagine dalla sigla della serie televisiva
Paese Svezia, Danimarca
Anno 2011 – in produzione
Formato serie TV
Genere poliziesco, thriller
Stagioni 2
Episodi 20
Durata 60 min (episodio)
Lingua originale svedese e danese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Risoluzione 1080i
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore Hans Rosenfeldt
Interpreti e personaggi
Casa di produzione Nimbus Film, Filmlance International
Prima visione
Prima TV Svezia
Dal 21 settembre 2011
Al in corso
Rete televisiva SVT1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 20 giugno 2014
Al 18 luglio 2014
Rete televisiva Sky Atlantic
Opere audiovisive correlate
Remake The Bridge
The Tunnel

Bron, in lingua svedese, o Broen, in danese, è una serie televisiva dano-svedese ideata da Hans Rosenfeldt.

Trasmessa dal 21 settembre 2011 sulla rete televisiva svedese SVT1, e dal seguente 28 settembre su quella danese DR1, la serie è girata in entrambe le lingue dei paesi d'origine: le scene con i dialoghi nella lingua che risulta estera rispetto il paese in cui viene messa in onda vengono quindi trasmesse sottotitolate.

La serie è stata ben accolta sia dalla critica che dal pubblico; i diritti televisivi sono stati venduti in diversi paesi del mondo, e sono in produzione due remake: uno statunitense, The Bridge, e uno franco-britannico, The Tunnel.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Quando i resti di un cadavere vengono ritrovati sul ponte di Øresund, che collega Svezia e Danimarca, le forze di polizia dei rispettivi paesi avviano una collaborazione per identificare il responsabile. Dopo le prime analisi, si scopre che i resti, posizionati esattamente sulla linea di confine tra i due paesi, appartengono ad un politico svedese e ad una prostituta danese. A guidare le indagini sono la detective svedese Saga Norén e l'agente danese Martin Rohde. Il duplice omicidio sarà rivendicato attraverso un giornalista da un presunto terrorista determinato a denunciare cinque problemi della società moderna, in realtà mosso anche da motivi di vendetta personali.

Conclusa l'indagine della prima stagione, Saga e Martin ritornano a lavorare ad un nuovo caso nella seconda.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 10 2011 2014
Seconda stagione 10 2013 inedita

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Sofia Helin, interprete di Saga Norén
  • Saga Norén, interpretata da Sofia Helin.
    È una detective del dipartimento di polizia di Malmö, apparentemente affetta da un disturbo della personalità.
  • Martin Rohde, interpretato da Kim Bodnia.
    È un detective del dipartimento di polizia di Copenhagen.
  • Hans Petterson, interpretato da Dag Malmberg.
    È il dimissionario capo del dipartimento di polizia di Malmö.
  • Mette Rohde, interpretata da Puk Scharbau.
    È la moglie di Martin Rohde.
  • August Rohde, interpretato da Emil Birk Hartman.
    È il figlio di Martin Rohde.
  • Daniel Ferbé, interpretato da Christian Hillborg.
    È il giornalista che il killer sfrutta per rivendicare le sue azioni.
  • Charlotte Söringer, interpretata da Ellen Hillingsø.
    È una donna che cerca di ottenere un trapianto di cuore per il marito, la cui azienda rimane coinvolta nelle indagini.
  • Stefan Lindberg, interpretato da Magnus Krepper.
    È un dipendente di un'agenzia di servizi sociali che finisce per essere coninvolto nell'indagine.
  • Sebastian Sandstrod, interpretato da Lars Simonsen.
    È un uomo che approccia Mette per motivi di lavoro, si rivela poi essere un ex poliziotto danese in cerca di vendetta contro Martin.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

La serie, la cui prima stagione è costata 80 milioni di euro[1], è frutto di una co-produzione internazionale per metà svedese e per metà danese: sia l'aspetto finanziario che quello creativo è gestito nella stessa misura dalla casa di produzione danese Nimbus Film e da quella svedese Filmlance International. Sia il cast tecnico che artistico sono formati da persone di nazionalità svedese e danese, le riprese si svolgono tra Malmö e Copenaghen, e gli attori durante le riprese utilizzano entrambe le lingue[1].

Il progetto nasce da un'idea dell'autore svedese Hans Rosenfeld, autore della serie insieme a Måns Mårlin e Nikolai Scherfig. La regista danese Charlotte Sieling è a capo della squadra di regia, di cui fanno parte Lisa Siwe e Henrik Georgsson[1]. La prima stagione fu trasmessa per la prima volta in Svezia dal 21 settembre al 23 novembre 2011; in Danimarca gli episodi furono trasmessi, eccetto il finale andato in onda nello stesso giorno, ad una settimana di distanza. Nell'autunno del 2012 è iniziata la produzione di una seconda stagione[2], trasmessa sia in Svezia che in Danimarca dal 22 settembre 2013.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2013 la serie è stata candidata come miglior serie internazionale ai British Academy Television Awards[3].

Trasmissione internazionale[modifica | modifica sorgente]

In Germania la serie ha debuttato il 18 marzo 2012 sulla rete ZDF[4]. Nel Regno Unito è trasmessa dal 21 aprile 2012 su BBC Four e BBC HD[5]; mentre in Polonia va in onda dal successivo 2 maggio su Ale Kino+. Nel corso del 2012 la serie ha debuttato anche in Brasile, il 13 agosto su Globosat; in Australia, il 5 settembre su SBS Two[6]; e Israele, il 30 settembre su Hot.

In Norvegia è trasmessa da NRK, emittente che partecipa in misura minore alla produzione della serie[7].

Remake[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate del 2012 la rete televisiva statunitense FX annunciò l'avvio della produzione di un primo remake della serie: The Bridge. La produzione del remake statunitense, che vede protagonisti Diane Kruger e Demián Bichir nei panni di una detective texana e un agente messicano impegnati a dare la caccia ad un omicida seriale lungo il confine tra Stati Uniti e Messico, venne confermata ufficialmente il 12 febbraio 2013, quando FX ordinò la produzione di una prima stagione[8]. L'esordio televisivo di The Bridge venne fissato per il 10 luglio 2013.

Nel mese di gennaio 2013 venne annunciato anche l'avvio della produzione di un secondo remake, The Tunnel, o Le Tunnel in francese, una co-produzione franco-britannica per le reti televisive Sky Atlantic e Canal+, incentrata sulle indagini, svolte insieme dalla polizia inglese e francese, sull'omicidio di un politico francese ritrovato morto nel Tunnel della Manica[9]. La serie esordì il 16 ottobre 2013 su Sky Atlantic.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Jorn Rossing Jensen, Danish TV drama makes a killing, cineuropa.org, 28 settembre 2011. URL consultato il 24 maggio 2013.
  2. ^ (NO) Veslemøy Hedvig Østrem, Hva skal vi se på nå?, Aftenposten, 6 marzo 2012. URL consultato il 24 maggio 2013.
  3. ^ (EN) TV Baftas 2013: all the winners in The Guardian, 12 maggio 2013. URL consultato il 24 maggio 2013.
  4. ^ (DE) Sendungen und TV-Programm, ZDF, 21 novembre 2011. URL consultato il 24 maggio 2013.
  5. ^ (EN) Bryony Gordon, Borgen: Sidse Babett Knudsen interview in The Daily Telegraph, 27 gennaio 2012. URL consultato il 24 maggio 2013.
  6. ^ (EN) SBSTWO TV Guide for 5/09/2012, Special Broadcasting Service, 12 settembre 2012. URL consultato il 24 maggio 2013.
  7. ^ (NO) NRK vil ha mer "Broen"-krim, vg.no, 28 febbraio 2012. URL consultato il 24 maggio 2013.
  8. ^ (EN) Nellie Andreeva, FX’s ‘The Bridge’ Picked Up To Series in Deadline, 12 febbraio 2013. URL consultato il 24 maggio 2013.
  9. ^ (EN) Vicky Frost, The Bridge becomes the Tunnel in Anglo-French crime thriller remake in The Guardian, 10 gennaio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione