Bobby Fuller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bobby Fuller
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Rock and roll
Pop
Periodo di attività 1960 – 1966
Album pubblicati 2
Studio 2

Bobby Fuller (Baytown, 22 ottobre 1942Los Angeles, 18 luglio 1966) è stato un cantante e chitarrista statunitense, meglio noto per la sua interpretazione del classico di Sonny Curtis I Fought the Law.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi e i primi successi[modifica | modifica sorgente]

Nato a Baytown nel Texas, Robert Gaston Fuller passò la maggior parte della sua gioventù a El Paso, dove sviluppò la sua passione per Buddy Holly. Suonò nei primi anni sessanta in diversi club e bar, e registrò su etichette indipendenti texane, con formazioni che costantemente cambiavano componenti. L'unico componente fisso era lo stesso Bobby Fuller (alla chitarra e voce), e suo fratello più giovane, Randy, al basso. Tutte queste produzioni indipendenti (eccetto due pezzi registrati presso lo studio di Norman Petty a Clovis nel New Mexico) vennero registrate e prodotte da Fuller nel proprio studio casalingo. Realizzò inoltre nel cortile della sua casa una sorta di primitiva camera dell'eco. La qualità delle registrazioni, con l'utilizzo di un paio di microfoni ed un mixer acquistato da una stazione radio locale, era eccellente, ed infatti Fuller offriva il suo studio ad altri musicisti locali.

Fuller si trasferì a Los Angeles nel 1964 con il suo gruppo, The Bobby Fuller Four, e firmò un contratto con la Mustang Records del produttore Bob Keane, noto per aver scoperto Ritchie Valens e per aver prodotto molti gruppi surf.

Nel periodo in cui la British invasion e il folk rock erano i generi preponderanti, Fuller mischiava lo stile di Buddy Holly con venature Tex Mex. Le sue produzioni rivelano le influenze di Eddie Cochran, dei Beatles, di Elvis Presley, di Little Richard e degli Everly Brothers. Meno nota era l'abilità di Fuller di emulare il suono della chitarra surf di Dick Dale and the Ventures. Il primo pezzo che entrò nella Top 40 fu Let Her Dance. A seguire vi fu la hit I Fought the Law, che raggiunse la quarta posizione nella classifica di Billboard. I Fought the Law era una cover di un pezzo di Sonny Curtis, un ex componente del gruppo di Buddy Holly, The Crickets, e fu registrata dalla formazione composta dai fratelli Fuller, James Reese alla chitarra e Dalton Powell alla batteria. Il terzo hit di Bobby Fuller fu la reinterpretazione di Buddy Holly Love's Made a Fool of You.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Proprio mentre I Fought The Law entrava tra le prime dieci posizioni in classifica, Bobby Fuller venne ritrovato morto nella sua auto vicino alla sua casa di Los Angeles. La polizia considerò la morte come apparente suicidio, benché molte persone ritenessero che egli fosse stato ucciso. Il suo corpo infatti riportava molte ferite, ed era inoltre stato cosparso con del gasolio, particolare che fece nascere l'ipotesi che i suoi assassini fossero scappati prima di riuscire a dare fuoco al suo corpo. È sepolto al Forest Lawn Memorial Park di Hollywood Hills,Los Angeles.

Dopo la morte del fratello, Randy Fuller diventò il cantante del gruppo, cambiando il nome di Bobby con il proprio. Visto l'insuccesso, il gruppo si scioglierà pochi mesi dopo la morte di Bobby Fuller.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 66666825

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock