Battaglia di Sadowa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 50°13′32″N 15°47′10″E / 50.225556°N 15.786111°E50.225556; 15.786111

1leftarrow.pngVoce principale: guerra austro-prussiana.

Battaglia di Sadowa
Immagine coeva della battaglia di Sadowa.
Immagine coeva della battaglia di Sadowa.
Data 3 luglio 1866
Luogo Sadová, Boemia (Repubblica Ceca)
Esito Decisiva vittoria prussiana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
221.000 uomini
702 cannoni
184.000 austriaci
22.000 sassoni
650 cannoni
Perdite
1.900 morti
6.800 feriti
275 dispersi
940 cavalli uccisi
5.735 morti
8.440 feriti
7.925 dispersi
22.000 prigionieri
6.000 cavalli uccisi
116 cannoni
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

Nella battaglia di Sadowa o battaglia di Königgrätz (Hradec Králové in ceco) del 3 luglio 1866, la guerra austro-prussiana si decise a favore della Prussia. Fu un eccellente esempio di concentrazione sul campo di battaglia, una convergenza di molteplici unità nella stessa posizione per intrappolare e/o distruggere una forza nemica fra di esse.

Campagna preliminare[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della guerra, in giugno, l'armata prussiana era stanziata lungo il confine prussiano: l'Armata dell'Elba comandata da Karl Herwarth von Bittenfeld a Torgau, la Prima Armata comandata dal Principe Federico Carlo fra Senftenberg e Görlitz, e la Seconda Armata comandata dal principe ereditario Federico nella Slesia ad occidente di Neiße (l'attuale Nysa). L'armata austriaca sotto il controllo di Ludwig von Benedek era concentrata a Olmütz (Olomouc in ceco). La campagna cominciò con l'avanzata di Bittenfeld verso Dresda in Sassonia, dove, dopo aver facilmente sconfitto l'esercito sassone di 25.000 uomini si uni alla Prima Armata. Benedek nel frattempo iniziò a muovere la sua armata verso Josefstadt.

Il 22 giugno, il comandante in capo dell'armata prussiana Helmuth von Moltke ordinò ad alcune armate sotto il suo comando a Gitschin (attualmente Jičín), vicino alle posizione austriache, un'audace manovra decisa per limitare la durata della guerra pur correndo il rischio che un'armata potesse essere sorpresa lungo la strada. Fortunatamente per la Prussia, Benedek era relativamente impreparato, e dal 29 giugno Federico Carlo aveva raggiunto facilmente Gitschin. Intanto il principe ereditario aveva raggiunto Königinhof malgrado una forte resistenza. Il 30 giugno Federico Carlo avanzò fino a un giorno di marcia dal principe ereditario. Comunque, per i successivi due giorni, la cavalleria prussiana non perse mai completamente di vista gli austriaci, anche se la supposizione di Moltke sulle loro azioni - una ritirata sul fiume Elba (Elbe in tedesco) - si dimostrò corretta.

L'inizio della battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Le forze austriache vennero finalmente avvistate il 2 luglio presso Sadová. Federico Carlo pianificò di attaccare la mattina seguente. Moltke ordinò al principe ereditario di avanzare immediatamente, ma le linee del telegrafo verso la posizione della Seconda Armata erano saltate, rendendo necessario un dispaccio di due ufficiali a cavallo nel pieno della notte per percorrere in tempo le venti miglia di distanza. Arrivarono, infatti, alle 4 del mattino.

Benedek, intimidito dalle pesanti perdite che aveva finora subito la sua armata, era incerto sulle proprie capacità. Desiderava la pace, ma l'Imperatore Francesco Giuseppe gli ordinò di portare l'offensiva per primo. Inoltre aveva allontanato il suo aiutante capo e l'ufficiale di campo per incompetenza e scelse una posizione difensiva fra Sadová e Hradec Králové (Königgrätz in tedesco). Pianificò di bloccare i prussiani fino a che non avesse potuto ritirarsi al di là dell'Elba.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa storica della battaglia di Königgrätz.

L'esercito austriaco forte di 184.000 uomini, fronteggiò l'esercito prussiano dell'Elba (39.000) e la Prima Armata (85.000), il 3 luglio. La fanteria austriaca venne parzialmente rafforzata dalla cavalleria sul retro e da unità di artiglieria con raggio di tiro oltre il terreno boscoso e collinare. La battaglia iniziò all'alba, nella nebbia e con la pioggia che stava finendo, quando i prussiani presero posizione a ovest del fiume Bystřice. Poco prima delle otto di mattina, l'artiglieria austriaca aprì il fuoco, e la 7ª Divisione Prussiana comandata dal generale von Fransecky avanzò nella foresta di Swiep, dove venne contrastata da due corpi austriaci. Guglielmo I ordinò alla 1ª Armata di attraversare il fiume per appoggiare von Fransecky. Sadowa venne catturata, ma una feroce battaglia ebbe inizio in una foresta vicina. L'artiglieria austriaca tenne a bada i prussiani, anche se il fiume era facile da guadare, trasportare oltre l'artiglieria si rivelò notevolmente difficile. L'attacco prussiano fu arrestato alle 11:00, ma Benedeck rifiutò di chiamare una carica di cavalleria con la quale si sarebbe potuta vincere la battaglia. Le unità di riserva erano state schierate a mezzogiorno, ma l'esito della battaglia continuava ad essere incerto ed i comandanti prussiani attendevano ansiosamente il principe ereditario.

Alle 14:30 il principe ereditario arrivò finalmente con almeno 100.000 uomini, dopo aver marciato più velocemente possibile tutta la mattina, colpendo il fianco destro degli austriaci che lasciavano la foresta di Swiep mentre l'artiglieria prussiana bombardava la città austriaca. La 2ª Armata ruppe le linee austriache e prese Chlum (oggi parte del comune di Všestary) dietro il centro. Nel frattempo, l'Armata dell'Elba attraversò l'altro schieramento austriaco, intrappolando Problus, e procedette a distruggere lo schieramento di sinistra. Il Re prussiano ordinò un attacco sulla totalità del fronte. Malgrado i valenti sforzi dell'artiglieria austriaca, la superiorità del fucile Dreyse prussiano a retrocarica che poteva essere ricaricato velocemente e funzionare in posizione prona, mentre gli austriaci dovevano levarsi in piedi dopo ciascuno sparo per ricaricare con i loro obsoleti fucili ad avancarica, si rivelò decisivo. Benedek fu costretto a ritirarsi, ordinando un fuoco di copertura sulla cavalleria per ritirare la sua artiglieria e coprire la ritirata. Alla battaglia partecipò, fra gli altri, un giovane Paul von Hindenburg.

Dopo lo scontro[modifica | modifica wikitesto]

La campagna di Königgrätz/Sadowa/Hradec Králové fu l'avvenimento centrale della guerra oltre che della terza guerra di indipendenza italiana: un armistizio fu sottoscritto tre settimane più tardi. Fu una grande vittoria per la Prussia, il cui percorso verso l'unificazione della Germania non aveva più ostacoli militari in seno alla Germania.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Creasy, Sir Edward S., & Mitchell, Joseph B. Twenty Decisive Battles of the World, capitolo 17 (The Battle of Sadowa, A.D. 1866)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]