Awake (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Awake
Awake serie TV.png
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale Awake
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2012
Formato serie TV
Genere drammatico, fantascienza, poliziesco
Stagioni 1
Episodi 13
Durata 43 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Risoluzione 1080i
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore Kyle Killen
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche Reinhold Heil, Johnny Klimek
Produttore Jason Isaacs, Keith Redmon, Ed Milkovich, Michael Klick
Produttore esecutivo Kyle Killen, Howard Gordon, Jeffrey Reiner
Casa di produzione Letter Eleven
Teakwood Lane Productions
20th Century Fox Television
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 1º marzo 2012
Al 24 maggio 2012
Rete televisiva NBC
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 13 dicembre 2012
Al 7 marzo 2013
Rete televisiva Fox Crime

Awake è una serie televisiva statunitense creata da Kyle Killen e trasmessa sul network NBC dal 1º marzo 2012, mentre l'episodio pilota era già stato distribuito online dal 16 febbraio 2012.

A causa dei bassi ascolti registrati, l'11 maggio 2012 la NBC annunciò la decisione di cancellare la serie al termine della prima stagione[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il detective della polizia Michael Britten riprende conoscenza dopo un incidente stradale, in cui sono rimasti coinvolti anche la moglie Hannah e suo figlio Rex. Da quel momento Britten vive in due distinte realtà: in una, Rex è sopravvissuto mentre Hannah è morta, nell'altra, Hannah è sopravvissuta mentre Rex è deceduto. Britten inizia a vivere una "doppia vita", spostandosi avanti e indietro tra le due realtà, per stare vicino ai suoi cari, occupandosi delle sue vicende personali e dei quotidiani casi di polizia. In seguito inizia a notare strani legami tra le due realtà.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Realtà rossa
  • Hannah Britten, interpretata da Laura Allen.
    È la moglie del detective Britten, sopravvissuta all'incidente stradale.
  • Detective Efrem Vega, interpretato da Wilmer Valderrama.
    È il partner del detective Britten.
  • Dr. John Lee, interpretato da B. D. Wong.
    È il terapeuta di Britten.
  • Emma, interpretata da Daniela Bobadilla.
    È la ragazza di Rex Britten.
Realtà verde
  • Rex Britten, interpretato da Dylan Minnette.
    È il figlio del detective Britten, sopravvissuto all'incidente stradale.
  • Detective Isaiah "Bird" Freeman, interpretato da Steve Harris.
    È il partner del detective Britten.
  • Dr. Judith Evans, interpretata da Cherry Jones.
    È la terapeuta di Britten
  • Tara, interpretata da Michaela McManus.
    È l'allenatrice di tennis di Rex, da cui suo padre è attratto.
  • Emma, interpretata da Daniela Bobadilla.
    È la ragazza di Rex Britten.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 13 2012 2012-2013

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Kyle Killen, ideatore della serie

La serie fu ideata da Kyle Killen; nel mese di febbraio 2011 la NBC approvò il suo progetto, nato con il titolo di lavorazione REM, ordinando la produzione di un episodio pilota[2]. Nello stesso mese, David Slade fu ingaggiato per dirigere il pilot, mentre Howard Gordon, già produttore di 24 e Homeland - Caccia alla spia, venne designato come produttore esecutivo e showrunner della serie, presentata come un thriller che richiama lo stile del film Inception e incentrato su un poliziotto che vive in due diverse realtà[3].

A febbraio 2011 si aprì anche il casting con Jason Isaacs ingaggiato per interpretare il protagonista, detective Michael Britten[4]. Durante il mese successivo si unirono al cast anche Wilmer Valderrama, per il ruolo di Efrem Vega, collega del protagonista nella realtà rossa; Steve Harris, per il ruolo del detective Isaiah Freeman, collega di Britten nella realtà verde; B.D. Wong, interprete del terapeuta di Michael Britten nella realtà rossa; Cherry Jones, interprete della terapeuta di Michael Britten nella realtà verde; Laura Allen, per il ruolo della moglie del protagonista, Hannah; Dylan Minnette, per il ruolo del figlio del protagonista, Rex; e Michaela McManus, interprete di Tara, allenatrice di Rex nella realtà verde[5][6][7].

Dopo aver visionato il pilot, la rete nel mese di maggio 2011 approvò la produzione di un'intera prima stagione[8], la cui messa in onda fu prevista in midseason dal 1º marzo 2012[9]. Prima del debutto televisivo, il primo episodio venne distribuito online dal 16 febbraio 2012[10].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La NBC cancella Awake, Harry’s Law e altre tre serie in badtv.it, 12 maggio 2012. URL consultato il 12 maggio 2012.
  2. ^ (EN) Cynthia Littleton, NBC orders Killen drama, 3 comedy pilots in Variety, 3 febbraio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  3. ^ (EN) Nellie Andreeva, Several Pilots Get Showrunners in Deadline, 15 febbraio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  4. ^ (EN) Nellie Andreeva, Jason Isaacs To Star In NBC Pilot ‘REM’ in Deadline, 20 febbraio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  5. ^ (EN) Nellie Andreeva, Five Actors Cast In Kyle Killen’s ‘REM’ Pilot in Deadline, 14 marzo 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  6. ^ (EN) Lacey Rose, Laura Allen Cast and Recast in NBC's 'REM' Pilot in The Hollywood Reporter, 21 marzo 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  7. ^ (EN) Nellie Andreeva, Cherry Jones Joins NBC’s Pilot ‘REM’, Natasha Henstridge Cast in ‘Secret Circle’ in Deadline, 21 marzo 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  8. ^ (EN) Lacey Rose, Lesley Goldberg, NBC Adds to Series Orders With 'Awake,' 'Playboy,' 'Grimm'; Rejects 'Wonder Woman,' 'A Mann's World,' More in The Hollywood Reporter, 12 maggio 2011. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  9. ^ (EN) Crystal Bell, NBC Sets 'Awake' Premiere Date For March 1, Moves 'The Firm' To Saturdays in Huffington Post, 3 febbraio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2012.
  10. ^ (EN) Philiana Ng, NBC Releases Full 'Awake' Pilot Two Weeks Before Premiere (Video) in The Hollywood Reporter, 16 febbraio 2012. URL consultato il 26 febbraio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]