Autorità di Informazione Finanziaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autorità di Informazione Finanziaria
Emblem of the Holy See usual.svg
Spetta a questo ufficio di esercitare compiti in materia di prevenzione e contrasto del riciclaggio dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo.
(Statuto dell'Autorità di Informazione Finanziaria - Capo 1, Art. 1, Par. 1)
Eretto 30 dicembre 2010
Presidente vescovo Giorgio Corbellini (ad interim)
Emeriti cardinale Attilio Nicora
Sito ufficiale www.aif.va
Santa Sede · Chiesa cattolica
I Dicasteri della Curia Romana
Città del Vaticano

Questa voce è parte della serie:
Politica della Città del Vaticano



Organi giudiziari della Città del Vaticano


Altri stati · Atlante

L'Autorità di Informazione Finanziaria (acronimo: A.I.F.) è l'organismo della Santa Sede che si occupa di prevenire e contrastare il riciclaggio dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo[1], svolgendo le sue funzioni e i suoi compiti nei confronti di tutti i soggetti di cui all'art. 2 della legge dello Stato della Città del Vaticano nº CXXVII, operanti sul territorio dello Stato della Città del Vaticano, oltre che dei Dicasteri della Curia Romana e di tutti gli Organismi ed Enti dipendenti dalla Santa Sede[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Statuto dell'Autorità di Informazione Finanziaria (AIF)
  2. ^ Legge dello Stato della Città del Vaticano concernente la prevenzione ed il contrasto del riciclaggio dei proventi di attività criminose e del finanziamento del terrorismo del 30 dicembre 2010