Arcidiocesi di Santa Cruz de la Sierra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Santa Cruz de la Sierra
Archidioecesis Sanctae Crucis de Sierra
Chiesa latina
Cattedrale santa cruz.jpg
  Bolivia - Arcidiocesi di Santa Cruz de la Sierra.png
Diocesi suffraganee
San Ignacio de Velasco
Arcivescovo metropolita Sergio Alfredo Gualberti Calandrina
Ausiliari Stanislaw Dowlaszewicz Billman, O.F.M.Conv.,
Braulio Sáez García, O.C.D.,
René Leigue Cesari
Arcivescovi emeriti cardinale Julio Terrazas Sandoval, C.SS.R.
Sacerdoti 194 di cui 66 secolari e 128 regolari
9.304 battezzati per sacerdote
Religiosi 217 uomini, 572 donne
Diaconi 6 permanenti
Abitanti 2.291.000
Battezzati 1.805.000 (78,8% del totale)
Superficie 50.000 km² in Bolivia
Parrocchie 72
Erezione 5 luglio 1605
Rito romano
Cattedrale San Lorenzo
Indirizzo Casilla 25, Calle Ingavi 49, Santa Cruz, Bolivia
Dati dall'Annuario Pontificio 2011 * *
Chiesa cattolica in Bolivia

L'arcidiocesi di Santa Cruz de la Sierra (in latino: Archidioecesis Sanctae Crucis de Sierra) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica. Nel 2010 contava 1.805.000 battezzati su 2.291.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Sergio Alfredo Gualberti Calandrina.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende le seguenti province del dipartimento boliviano di Santa Cruz: Andrés Ibáñez, Ignacio Warnes, Obispo Santistevan, Sara, Ichilo, Vallegrande, Florida e Manuel Caballero. Comprende anche una piccola parte della provincia di Cordillera.

Sede arcivescovile è la città di Santa Cruz de la Sierra, dove si trova la cattedrale di San Lorenzo.

Il territorio è suddiviso in 72 parrocchie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La diocesi di Santa Cruz de la Sierra fu eretta il 5 luglio 1605, ricavandone il territorio dalla diocesi di La Plata o Charcas (oggi arcidiocesi di Sucre). Originariamente era suffraganea dell'arcidiocesi di Lima.

Il 20 luglio 1609 entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di La Plata o Charcas.

Nel 1649 fu istituito il seminario diocesano, dedicato a san Giovanni Battista, che restò in funzione fino al 1661. Successivamente il seminario fu riaperto nel 1770.

Il 1º dicembre 1917, il 22 maggio 1919 e il 27 gennaio 1930 cedette porzioni del suo territorio a vantaggio dell'erezione dei vicariati apostolici rispettivamente di El Beni, del Chaco (oggi vicariato apostolico di Camiri) e di Chiquitos (oggi diocesi di San Ignacio de Velasco).

Il 30 luglio 1975 è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana con la bolla Quo gravius di papa Paolo VI.

Cronotassi dei vescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Calderón de León † (4 luglio 1605 - 1621 deceduto)
  • Fernando de Ocampo, O.F.M.Obs. † (1621 succeduto - 1632 deceduto)
  • Juan de Zapata y Figueroa † (9 luglio 1635 - 1648 deceduto)
  • Juan de Arguinao y Gutiérrez, O.P. † (10 settembre 1646 - 10 novembre 1659 nominato arcivescovo di Santafé en Nueva Granada)
  • Juan de Riviera (Ribera), O.S.A. † (17 novembre 1659 - 1666 deceduto)
  • Bernardino de Cárdenas Ponce, O.F.M.Obs. † (7 giugno 1666 - 1668 deceduto)
    • Sede vacante (1668-1672)
  • Juan de Isturrizaga, O.P. † (16 maggio 1672 - 1675 deceduto)
    • Sede vacante (1675-1680)
  • Pedro Cárdenas y Arbieto † (13 maggio 1680 - 30 maggio 1684 deceduto)
  • Juan de los Ríos y Berriz, O.P. † (28 aprile 1687 - 2 maggio 1692 deceduto)
    • Sede vacante (1692-1699)
    • Miguel Álvarez de Toledo, O. de M. † (1697 - ?) (vescovo eletto)
  • Juan Francisco de Padilla y San Martín, O. de M. † (1º giugno 1699 - 1705 deceduto)
  • Pedro Vázquez de Velasco † (22 febbraio 1706 - 1710 deceduto)
    • Sede vacante (1710-1714)
  • Jaime de Mimbela, O.P. † (26 febbraio 1714 - 20 marzo 1720 nominato vescovo di Trujillo)
  • Juan Cabero y Toledo † (15 aprile 1720 - 11 giugno 1725 nominato vescovo di Arequipa)
    • Juan de Moncada Hurtado de Figueroa † (11 giugno 1725 - dicembre 1725 deceduto) (vescovo eletto)
  • Miguel Bernardino de la Fuente y Rojas † (24 aprile 1728 - 7 agosto 1741 nominato vescovo di Huamanga)
  • Andrés de Vergara y Uribe † (7 agosto 1741 - 1744 deceduto)
  • Juan Pablo de Olmedo † (23 agosto 1745 - 1755 deceduto)
  • Fernando José Pérez de Oblitas † (7 aprile 1756 - 1760 deceduto)
  • Francisco Ramón Herboso y Figueroa † (6 aprile 1761 - 16 settembre 1776 nominato arcivescovo di La Plata o Charcas)
  • Juan Domingo González de la Reguera † (16 dicembre 1776 - 18 settembre 1780 nominato arcivescovo di Lima)
  • Alejandro José de Ochoa † (25 febbraio 1782 - 11 aprile 1791 nominato vescovo di La Paz)
  • José Ramón de Estrada y Orgas † (11 aprile 1791 - 1792 deceduto)
  • Manuel Nicolás de Rojas y Argandoña † (18 dicembre 1795 - 24 maggio 1803 deceduto)
    • Sede vacante (1803-1807)
    • Antonio de San Fermín, O. Carm. † (23 settembre 1805 - 1806 deceduto) (vescovo eletto)
  • Francisco Javier Aldazábal † (23 marzo 1807 - 24 giugno 1812 deceduto)
    • Sede vacante (1812-1835)
    • Agustín Francisco de Otondo, C.O. † (1816 - 13 giugno 1826 deceduto) (amministratore apostolico)
  • José Manuel Fernández de Córdoba y Meló † (24 luglio 1835 - 13 luglio 1840 nominato vescovo di La Paz)
    • Sede vacante (1840-1846)
    • Francisco León de Aguirre † (13 luglio 1840 - 21 dicembre 1841 dimesso) (vescovo eletto)
  • Manuel Ángel del Prado Cárdenas † (19 gennaio 1846 - 28 settembre 1855 nominato arcivescovo di La Plata o Charcas)
  • Agustín Gómez Cabezas y Sildo † (19 gennaio 1856 - 23 maggio 1860 deceduto)
    • Sede vacante (1860-1869)
  • Francisco Javier Rodríguez † (22 novembre 1869 - 16 maggio 1877 deceduto)
  • Juan José Baldivia Morales † (15 luglio 1878 - 1º giugno 1891 nominato vescovo di La Paz)
  • José Belisario Santistevan † (1º giugno 1891 succeduto - 30 marzo 1931 deceduto)
  • Daniel Rivero Rivero † (30 marzo 1931 succeduto - 3 febbraio 1940 nominato arcivescovo di Sucre)
  • Augustín Arce Mostajo † (3 dicembre 1940 - 22 maggio 1958 dimesso)
  • Luis Aníbal Rodríguez Pardo † (22 maggio 1958 - 6 febbraio 1991 ritirato)
  • Julio Terrazas Sandoval, C.SS.R. (6 febbraio 1991 - 25 maggio 2013 ritirato)
  • Sergio Alfredo Gualberti Calandrina, succeduto il 25 maggio 2013

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2010 su una popolazione di 2.291.000 persone contava 1.805.000 battezzati, corrispondenti al 78,8% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 150.000 153.000 98,0 43 23 20 3.488 29
1966 375.000 390.000 96,2 61 8 53 6.147 78 154 30
1970 380.000 400.000 95,0 92 13 79 4.130 119 167 30
1976 425.000 465.000 91,4 92 10 82 4.619 124 203 31
1980 620.500 640.000 97,0 91 13 78 6.818 1 116 230 33
1990 1.167.000 1.297.000 90,0 121 7 114 9.644 4 182 253 44
1999 1.300.000 1.600.000 81,3 150 28 122 8.666 5 196 481 55
2000 1.350.000 1.650.000 81,8 164 44 120 8.231 5 166 421 59
2001 1.380.000 1.520.000 90,8 158 37 121 8.734 2 205 466 60
2002 1.400.000 2.033.739 68,8 177 30 147 7.909 2 241 505 75
2003 1.550.000 2.033.739 76,2 202 36 166 7.673 5 254 589 75
2004 1.600.000 2.033.739 78,7 189 51 138 8.465 5 218 494 70
2010 1.805.000 2.291.000 78,8 194 66 128 9.304 6 217 572 72

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

diocesi Portale Diocesi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diocesi