Antonio Veranzio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Veranzio
Antun Vrančić
cardinale di Santa Romana Chiesa
Antun Vrancic by Martin Rota.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Nato 29 maggio 1504,
Sebenico (Šibenik)
Ordinato presbitero ca. 1530
Consacrato vescovo 3 agosto 1554
Creato cardinale 5 giugno 1573 da papa Gregorio XIII
Deceduto 15 giugno 1573, Prešov

Antonio Veranzio (Antonius Verantius, Antun Vrančić, Antal Verancsics, Anton Wranczy; Sebenico, 29 maggio 1504Prešov, 15 giugno 1573) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, originario della Dalmazia, Croazia, nominato cardinale da papa Gregorio XIII.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Sebenico il 29 maggio 1504.

Studiò a Padova, Vienna e Cracovia.

Il 3 agosto 1554 fu eletto vescovo di Cinquechiese e trasferito ad Eger il 17 luglio 1560, fu ordinato vescovo il 21 settembre 1561.

Nell'agosto 1567, circa un anno dopo la conquista ottomana di Szigetvár, fu inviato ad Istanbul, insieme allo stiriano Christoph Teuffenbach, per un'ambasciata al sultano Selim II da parte dell'imperatore Massimiliano II, riguardante l'inizio di negoziati di pace fra la Monarchia asburgica e l'Impero ottomano.

Fu promosso alla sede primaziale e metropolitana di Strigonio il 25 settembre 1570.

Papa Gregorio XIII lo elevò al rango di cardinale il 5 giugno 1573.

Morì pochi giorni dopo, il 15 giugno 1573, all'età di 69 anni, prima di riceverne la notizia.

Suo nipote fu l'umanista e inventore dalmata Fausto Veranzio (Faust Vrančić).

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 136422 LCCN: n/85/326695