Anna Maria Tarantola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Maria Tarantola
Anna Maria Tarantola.JPG

Presidente della RAI
In carica
Inizio mandato 10 luglio 2012
Predecessore Paolo Garimberti

Dati generali
Alma mater Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Anna Maria Tarantola (Casalpusterlengo, 3 febbraio 1945) è una manager italiana, già dirigente della Banca d'Italia, presidente della RAI dal giugno 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Maria Tarantola è coniugata con il commercialista milanese Carlo Ronchi. La coppia ha due figlie Paola Emilia (che lavora presso la società Prometeia) e Cristina. A proposito di ciò, nel suo percorso professionale ha spesso fatto dichiarazioni in difesa delle donne, dichiarando come sia impensabile che le donne, in virtù della loro capacità di partorire, debbano scegliere tra vita professionale e familiare, ed ha spesso denunciato i pregiudizi che esistono ancora oggi nel mercato del lavoro.[1]

Studi[modifica | modifica wikitesto]

Ha conseguito la laurea in economia e commercio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano nel 1969; ha proseguito gli studi presso la London School of Economics ottenendo un master. Durante il periodo di studi presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore ha soggiornato presso il collegio femminile Marianum, istituzione storica dell'ateneo milanese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

È stata assunta alla Banca d'Italia nel 1971 nell'Ufficio Vigilanza della sede di Milano. Nel 1996 divenne direttrice della succursale di Varese e nel 1998 torna a Milano per dirigere la Direzione Intermedia di Vigilanza - Cambi. Successivamente lavora come dirigente a Brescia e Bologna.[1] Nel 2006 diventa Funzionaria Generale della Banca D'Italia, carica che ricopre fino al 2009, quando diventa vicedirettrice generale.[1]

Ha insegnato controlli pubblici nel settore creditizio presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Nel mese di Giugno 2014 viene indagata dalla Gdf per usura, oltre ai vertici di Mps, Unicredit, Bnl,e BpBari, in qualità di ex capo della Vigilanza di Bankitalia. Anche il ministro dell'Economia del governo Letta Fabrizio Saccomanni, ex dg di Bankitalia, viene indagato.

Presidenza della Rai[modifica | modifica wikitesto]

L'8 giugno 2012 è stata nominata dal governo Monti presidente della RAI.[2] Il 10 luglio, la sua nomina è stata ratificata dalla maggioranza del consiglio di amministrazione della RAI. Il 12 luglio 2012 la nomina è stata ratificata dalla commissione parlamentare di vigilanza, dopo un vivace dibattito per la modifica dei poteri all'interno dell'azienda voluti da Monti non previsti nella cosiddetta legge Gasparri del 2004.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27/12/1994[3]
Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27/12/2005[3]
Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— Roma, 26/2/2009[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Chi è Anna Maria Tarantola in tg1.rai.it
  2. ^ Rai: Anna Maria Tarantola nuovo presidente. URL consultato il 9 giugno 2012.
  3. ^ a b c Scheda onorificenze, dal sito della Presidenza della Repubblica Italiana

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della RAI Successore
Paolo Garimberti 2012 in carica