Alfredo Panzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« L'undici di luglio, alle ore due del pomeriggio, io varcavo finalmente, dall'alto della mia bicicletta, il vecchio dazio milanese di Porta Romana. La meta del mio viaggio era lontana: una borgata di pescatori sull'Adriatico, dove io ero atteso in una casetta sul mare: questa borgata supponiamo che sia non lungi dall'antico pineto di Cervia e che, per l'aere puro, abbia il nome di Bellaria. »
(Alfredo Panzini, La lanterna di Diogene, 1907)
Alfredo Panzini

Alfredo Panzini (Senigallia, 31 dicembre 1863Roma, 10 aprile 1939) è stato uno scrittore, critico letterario e lessicografo italiano.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Nato da padre romagnolo e madre marchigiana, trascorse buona parte della sua giovinezza a Rimini, per frequentare poi l'allora Convitto Nazionale M. Foscarini, a Venezia. Si laureò in Lettere a Bologna, avendo come maestri il Carducci e l'Acri. Compilò il noto Dizionario Moderno, edito da Hoepli nel 1905. Panzini raccolse una vastissima e significativa messe di neologismi scientifici, giornalistici e di costume. L'opera è stata ripubblicata, in edizioni sempre rinnovate, fino al 1963. Nel 1925 fu tra i firmatari del Manifesto degli intellettuali fascisti, redatto da Giovanni Gentile. Fu per quarant'anni professore del Liceo ginnasio statale Terenzio Mamiani di Roma e nel 1929 divenne accademico d'Italia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Il libro dei morti, Milano, 1893;
  • Piccole storie del mondo grande, Milano, 1901;
  • Lepida et trìstia, Milano, 1901;
  • Figurine del mondo vecchio e del secolo nuovo, Milano, 19xx;
  • Dove passa la storia, Milano, 19xx;
  • La lanterna di Diogene, Milano, Treves, 1907;
  • Le fiabe della virtù, Milano, 1911;
  • Che cos'è l'amore, Milano, Società Editrice Italiana, 1912;
  • Santippe, Roma, 1913;
  • La Madonna di Mamà, Milano, Treves, 1916;
  • Novelle d' ambo i sessi, Milano, 1919;
  • Ultimi viaggi di un povero letterato, Milano, 1919;
  • Io cerco moglie! , Milano, 1920;
  • Il diavolo nella mia libreria, Milano, 1920;
  • Signorine, Milano, 1921;
  • Il mondo è rotondo, Milano, 1921;
  • II padrone sono me!, Milano, 1922;
  • Diario sentimentale della guerra 1914-1918, Milano, 1923;
  • La vera istoria dei tre colori, Milano, 1924;
  • La pulcella senza pulcellaggio, Milano, 1929;
  • l giorni del sole e del grano, Milano, 1929;
  • Il libro dei morti e dei vivi, Milano, 1930;
  • La sventurata Irminda, Milano, 1932;
  • Rose d'ogni mese , Milano, 1933;
  • Il bacio di Lesbia, Milano, 1937;
  • La valigetta misteriosa e altri racconti , Milano, 1942; (postumo)
  • La cicuta, i gigli e le rose, Milano, 1950 (postumo);
  • Scritti scelti, Milano, Mondadori, 1958;
  • Opere scelte, a cura di G. Bellonci, Milano, 1970.

Saggi letterari[modifica | modifica wikitesto]

  • L'evoluzione di Giosuè Carducci
  • La bella storia di Orlando innamorato e poi furioso
  • Sigismondo Malatesta

Saggi storici[modifica | modifica wikitesto]

  • Il conte di Cavour
  • Il 1859. Da Plombières a Villafranca, Milano 1909

Saggi sulla lingua[modifica | modifica wikitesto]

  • Dizionario moderno. Supplemento ai Dizionari italiani, 1905 (edizioni successive: 1908, 1918, 1923, 1927, 1931, 1935. Postume: 1942, 1950, 1963)
  • Guida alla grammatica italiana.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maura Del Serra, L'elegia sinottica di Panzini, in AA.VV., Panzini nella cultura letteraria italiana fra '800 e '900, a.c. di E. Grassi, Rimini, Maggioli, 1985, pp. 225-240.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71475732 SBN: IT\ICCU\CFIV\009200