Francesco Acri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Acri

Francesco Acri (Catanzaro, 19 marzo 1834Bologna, 21 novembre 1913) è stato un filosofo e storico della filosofia italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureatosi in giurisprudenza a Napoli nel 1857, allievo a Berlino dello studioso di Aristotele e Kant Friedrich Adolf Trendelenburg, fu docente di storia della filosofia dapprima all'Università di Palermo e, dal 1871, all'Università di Bologna, dove rimase fino al 1911.

Legato allo spiritualismo rosminiano, polemizzò con gli hegeliani e coi positivisti, in un lungo contraddittorio col suo predecessore nella cattedra bolognese, Francesco Fiorentino.

Clericale in politica, eletto consigliere comunale di Bologna nel 1895, si batté contro il divorzio e per l'introduzione del catechismo nelle scuole, oltre ad essere strenuo difensore della partecipazione dei cattolici alla vita pubblica.

Tra i suoi maggiori impegni di scrittore, la traduzione e il commento dei Dialoghi di Platone (varie edizioni parziali, raccolte in tre volumi fra il 1913 e il 1915).

È sepolto alla Certosa di Bologna. Nella lapide a lui dedicata si legge il seguente testo:

FRANCESCO ACRI DAL 1871 PROFESSORE ALL'UNIVERSITÀ
DI STORIA DELLA FILOSOFIA
NOBILE CUORE E ALTO INGEGNO
PADRE TRA I FIGLIUOLI E I NIPOTI SUOI
PADRE TRA GLI SCOLARI
SPECULATORE DI VERITÀ SEGUACE DI BONTÀ
AMICO DI BELLEZZA
FILOSOFO E ARTISTA
ITALIANO DI ANIMA E DI LINGUA
DEVOTO A Platone A TOMMASO A DANTE
DALLA FEDE
A CUI GLI PARVE FACILE CONCILIARE LA SCIENZA
IN CUI RIPOSÒ L'INTELLETTO E L'AFFETTO

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Abbozzo d'una teorica delle idee, Palermo, 1870
  • Videmus in aenigmate: delle idee e prima della relazione tra la coscienza e il corpo secondo i filosofi naturali, Bologna, 1907
  • Amore, dolore, fede, Bologna, 1908
  • Dialettica turbata, Bologna, 1911
  • Dialettica serena, Rocca San Casciano, 1917 (postumo)
  • La Eucarestia e la scienza, Chieti, 1897
  • San Tommaso e Aristotele, Bologna, 1908
  • Della teoria dell'idee secondo Giambattista Vico, Bologna, 1873
  • Della relazione fra la coscienza e il corpo secondo le dottrine chiamate positive, Bologna, 1880
  • Dell'insegnamento di religione nelle scuole primarie: lettera del prof. Acri ai membri del Congresso pedagogico di Bologna, Modena, 1874

Traduzioni[modifica | modifica sorgente]

  • Platone, Dialoghi, 1913-15, 3 voll.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Antonino Anile, Francesco Acri: il filosofo, il cristiano, Roma, Libreria Ed. religiosa Ferrari, 1924.
  • L. Monetti, Saggio sul pensiero filosofico di Francesco Acri, Torino, 1957
  • L. Malusa, Persona, sistema e sviluppo della filosofia nella storiografia filosofica di Francesco Acri, in «AA. VV., Vetera novis augere. Studi in onore di C. Giacon», Roma, 1982
  • F. Farnè, Il problema esistenziale nel pensiero di Francesco Acri, L'Aquila, 1984
  • S. Blasucci, Francesco Acri: la fortuna e l'opera, Roma-Bari, 1992
  • Renato Serra, Francesco Acri, in Scritti, t. II, a cura di G De Robertis, A Grilli, Firenze, Le Monnier, 1938

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 30343628 LCCN: n94088767 SBN: IT\ICCU\RAVV\043354