Alessandra Codazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Alessandra Codazzi
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Alessandra Codazzi
Luogo nascita Reggio nell'Emilia
Data nascita 11 novembre 1921
Luogo morte Roma
Data morte 5 maggio 2010
Titolo di studio laurea in lettere e filosofia
Professione sindacalista
Partito Democrazia Cristiana
Legislatura VII, VIII, IX
Gruppo Democratico cristiano
Circoscrizione Treviso – Castelfranco Veneto
Regione Veneto
Incarichi parlamentari
  • Direttivo Gruppo DC del Senato
  • Membro Commissione Parità della Presidenza del Consiglio
  • Membro della Commissione Parità del Ministero del Lavoro

Alessandra Codazzi, detta Sandra (Reggio nell'Emilia, 11 novembre 1921Roma, 5 maggio 2010), è stata una partigiana, sindacalista e senatrice italiana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primogenita di sette fratelli e figlia del colonnello Alberto Codazzi, discendente di Agostino Codazzi, geografo ed eroe nazionale in Venezuela e in Colombia. Durante la seconda guerra mondiale è stata partigiana facendo la portaordini per la brigata partigiana di ispirazione cattolica Fiamme Verdi nascosta nell'Appennino reggiano, assumendo il nome di "Rosario"[1] per evitare di essere catturata dai nazifascisti. Laureatasi in lettere e filosofia all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, allieva di Giuseppe Dossetti, è entrata dapprima nell'Azione Cattolica e poco dopo nella CISL di Giulio Pastore, dove ha frequentato il "Corso lungo" presso il Centro Studi della CISL a Firenze con il professor Mario Romani. Nella CISL si è occupata delle donne e dei diritti dei lavoratori sino a divenire segretario nazionale della categoria dei tessili. Nel 1976 è stata eletta senatrice per la Democrazia Cristiana fino al 1987.

Ha lavorato e ha avuto rapporti di stretta amicizia con le colleghe Anna Gabriella Ceccatelli, Tina Anselmi e Nilde Iotti.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Sintesi delle discussioni di gruppo: sezione migrazioni interne stagionali (1962)
  • con Lorenzo Rota e Marzio Bastianoni, La donna in agricoltura (1976)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ provincia.re.it. URL consultato il 26 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]