Ahmed Sanjar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ahmed Muʿizz al-Dīn Ahmad-e Sanjar, anche Ahmad Sindjar (1085Merv, 8 maggio 1157), fu l'ultimo sultano della dinastia Selgiuchide.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Regnò dal 1118 al 1153 e fu inizialmente scià del Khorasan, fin quando acquisì il territorio restante dopo la morte di Mehmed I. Era figlio di Malik Shah I e partecipò alle guerre di successione contro i suoi tre fratelli e uno zio, cioè Mahmud I, Barkiyaruq, Malik Shah II e Mehmed I.

Nel 1096, il fratello Muhammad I gli affidò il governo della provincia del Khorasan.[1] Negli anni successivi Ahmed Sanjar divenne il capo della maggior parte dell’Impero persiano fissando la sua capitale a Nishapur. Un certo numero di governatori si rivoltò contro di lui, continuando la scissione del Grande Impero selgiuchide che era iniziata con le guerre dinastiche.

Nel 1102, respinse l'invasione proveniente dalla Kashgaria, uccidendo Jibrail Arslan Khan vicino Termez. [1] Sanjar intraprese poi una campagna per eliminare gli Assassini di Alamut, e con successo li eliminò da un certo numero di loro roccaforti. [2]

Tuttavia, un aneddoto racconta che mentre marciava verso la loro roccaforte di Alamut, Sanjar si svegliò un giorno, trovando un pugnale accanto al suo giaciglio, e infilzato sulla lama c'era un messaggio di Ḥasan-i Ṣabbāḥ che gli proponeva la pace.

Sanjar, scioccato da questo evento, inviò emissari ad Ḥasan ed entrambi decisero di fare la pace.[3]

Nel 1141, Sanjar preoccupato per l'espansione dei mongoli Kara Khitay che avevano appena occupato la Transoxiana, marciò contro di essi e li affrontò in battaglia presso Samarcanda nella Battaglia di Qatwan.

Subì una disastrosa sconfitta - la sua prima - e riuscì a fuggire con soli quindici cavalieri della sua guardia, perdendo tutto il territorio selgiuchide a est della Syr Darya (Jaxartes), la Corasmia (Khwarezm) che divenne Stato vassallo dei Kara Khitay e iniziò una campagna di aggressione contro Sanjar. [4] [5]

Ahmed Sanjar fu catturato nel 1153 dai turchi Oghuz del Khuttal e del Tokharistan che lo tennero prigioniero fino al 1156. [6]

Morì l'anno successivo e fu sepolto a Merv, dove la sua tomba fu distrutta dai mongoli durante la loro invasione dell'Impero Corasmio.

Ahmed Sanjar sposò Turkan Khatun 1156) da cui ebbe due figlie che divennero le mogli di suo nipote Mahmud. Dopo la sua morte Ahmed Sanjar sposò Rusudan, figlia di Demetrios I di Georgia, vedova del sultano Masud Temirek, da cui non ebbe figli.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Grousset, René (1970) The Empire of the Steppes, Rutgers University Press, New Brunswick, New Jersey, USA, [http://books.google.co.uk/books?id=CHzGvqRbV_IC&pg=PA169 p.ISBN 0-8135-0627-1
  2. ^ (EN) Franzius, Enno (1969), History of the Order of Assassins (Storia dell'Ordine degli Assassini), Funk e Wagnalls, New York, p. 59, OCLC 23676
  3. ^ (EN) Lewis, Bernard (1968) The Assassins: A Radical Sect in Islam (Gli Assassini: Una setta radicale nell’Islam) Basic Books, New York, p. 30, OCLC 436364
  4. ^ Ibn al-Athir è citato da (DE) Zarncke, Friedrich (1879) Der Priester Johannes S. Heizel, Leipzig, (EN) p. 856-857 [http://www.worldcat.org/oISBN 0-521-24304-1
  5. ^ (EN) Liao Shih (the official history of the Khitan Dynasty) cited by Wittfogel, Karl A. and Feng Chia-Sheng (1949) History of Chinese Society: Liao, 907-1125 American Philosophical Society, Philadelphia, p.856-857]
  6. ^ (EN) Sinor, Denis (1990) The Cambridge History of Early Inner Asia Cambridge University Press, Cambridge, England,p. 639 [http://www.worldcat.org/oclc/9811810 OCLC 9.811.810
Predecessore Sultano selgiuchide Successore
Muhammad I 1118 - 1153 L'Impero corasmio assorbe l'Impero selgiuchide