2+5 missione Hydra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da 2+5: missione Hydra)
2+5 missione Hydra
Titolo originale 2+5 missione Hydra
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1966
Durata 89 minuti
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantascienza
Regia Pietro Francisci
Soggetto Fernando Paolo Girolami (storia)
Sceneggiatura Pietro Francisci, Ian Danby
Produttore Aldo Calamara, Ermanno Curti
Fotografia Giulio Albonico, Silvano Ippoliti
Montaggio Pietro Francisci
Musiche Nico Fidenco
Scenografia Gianfranco Ramacci (scenografo), Rosario Maggio D'Aloisio (arredamento)
Costumi Gaia Romanini
Trucco Anna Cristofani, Cesare Paciotti, Euclide Santoli
Interpreti e personaggi

2+5 missione Hydra è un film di fantascienza italiano del 1966 diretto da Pietro Francisci.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno 1964, dopo un terremoto, i giornali danno notizia di un avvistamento UFO da parte di un contadino nella zona di Morino. Il professor Solmi, insieme alla figlia Luisa e all’assistente Baldi, vengono convocati per studiare l’origine di una strana macchia che sembra corrodere il terreno. L’anomalia è dovuta alla presenta di una navicella spaziale proveniente dalla costellazione Hydra. Gli alieni sono giunti sulla Terra per capire se lo sviluppo tecnologico e scientifico della razza umana possa minacciare la pace dell’Universo, e qui vi è rimasta intrappolata a causa di un'avaria.

Tenendo due membri della spedizione e Luisa in ostaggio, gli alieni costringono Solmi a riparare l’astronave. Dopo un fallito tentativo di avvertire la polizia la navicella parte alla volta del pianeta Hydra. Il viaggio dovrebbe durare solo un paio di giorni, dato che la navicella viaggia a una velocità molto superiore a quella della luce, ma una ribellione dei prigionieri fa deviare la rotta verso un pianeta sconosciuto.

Scampata un'aggressione da parte dei nativi di quel mondo, la navicella riparte verso il pianeta Hydra, ma la scoperta di una navicella sovietica abbandonata nello spazio li riporta sulla Terra. A causa della dilatazione del tempo, dal momento che l'astronave viaggia a una velocità superiore a quella della luce, in base alla teoria della relatività ristretta di Albert Einstein, quando atterrano sono trascorsi numerosi anni, perciò il pianeta appare ora come un cumulo di macerie a seguito di una catastrofe nucleare avvenuta tempo addietro.

L'equipaggio decide così di tornare su Hydra, ma anche qui, per la medesima causa, vi giungono dopo numerose decadi, quando anche questo pianeta è radicalmente mutato: i governanti hanno deciso di abbandonare il pianeta lasciando a sé stessa quella parte della popolazione ritenuta da loro indegna di continuare la specie.

I membri dell'astronave decidono così di rimanere per ricominciare da zero e dare vita a un nuovo mondo composto da terrestri e alieni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Titoli alternativi[modifica | modifica wikitesto]

  • Encuentros en las galaxias (Spagna)
  • Destination: planète Hydra (Francia)
  • Starbird (Francia, titolo home video)
  • Star Pilot (Stati Uniti)
  • Raumschiff Terra zum Planeten der Affen (Germania Ovest, titolo home video)

Home video[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in home video in DVD dalla Sinister Film.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata composta da Nico Fidenco ed eseguita dall'orchestra diretta da Roby Poitevin e dal coro de I Cantori Moderni di Alessandro Alessandroni, ed è stata pubblicata solamente nel 2010 in CD dalla Digitmovies con numero di catalogo CDDM161, recuperando i nastri monoaurali conservati negli archivi della CAM e sotto la supervisione di Fidenco stesso.[1][2][3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Musiche di Nico Fidenco.

  1. Astronave aliena (Prologo) – 0:55
  2. 2+5 missione Hydra (Titoli) – 1:44
  3. Hydra Shake – 1:51
  4. Space Bossa – 1:40
  5. Swing a go go – 1:33
  6. Space Bossa (Versione 2) – 1:19
  7. Estasi aliena – 2:39
  8. Galassia lontana – 1:56
  9. Momento nostalgico – 1:30
  10. Ultraspazio – 3:03
  11. Segnali – 2:18
  12. Paura e amore – 2:03
  13. Space Bossa (Versione 3) – 1:43
  14. Minaccia aliena – 3:28
  15. Antica leggenda – 0:49
  16. Strana dimensione – 2:01
  17. Pericolo – 1:12
  18. Un mondo lontanissimo – 2:20
  19. Lotta – 2:07
  20. Estasi aliena (Ripresa 2) – 1:43
  21. Tensione nello spazio – 1:50
  22. Bellezza aliena – 2:07
  23. Un mondo lontanissimo (Ripresa 2) – 1:59
  24. Ultraspazio (Ripresa 2) – 1:44
  25. Ultima missione – 1:21
  26. 2+5 missione Hydra (Finale) – 4:30

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nico Fidenco – 2+5 Missione Hydra (Original Soundtrack) in Discogs, Zink Media, Inc.
  2. ^ 2+5: Missione Hydra (1966) in Soundtrack Collectors
  3. ^ (EN) Nico Fidenco / Original Soundtrack - Missione Hydra Soundtrack CD in CD Universe

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]