Ćevapčići

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ćevapčići
Ćevapčići Neugilching.jpg
Origini
IPA /tɕɛv̞ǎptʃitɕi/
Luoghi d'origine Serbia Serbia
Croazia Croazia
Slovenia Slovenia
Regioni Bosnia-Erzegovina
provincia di Trieste
provincia di Gorizia
provincia di Udine
Carinzia
Diffusione regionale
Zona di produzione
Dettagli
Categoria secondo piatto
Ingredienti principali
 
Piatto di ćevapčići

I ćevapčići sono un piatto a base di carne trita, variamente speziata, tipico della cucina dei paesi della penisola balcanica. Sono ampiamente diffusi anche in parte del Nord-Est italiano (nelle province di Trieste e Gorizia) e in parte dell'Austria[1].

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Si presentano come polpettine cilindriche del diametro di un paio di centimetri e della lunghezza di 7/8 centimetri. Sono solitamente composti di carne di manzo e agnello, condita di sale. Vengono serviti cotti al barbecue, sulla griglia o alla piastra. Solitamente si gustano con cipolla tagliata a dadini o anelli, ed ajvar, una salsa piccante preparata con peperoni rossi macinati e spezie. Una variante li vede infarinati e rosolati in padella. A richiesta è possibile averli con una pallina di formaggio.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

La denominazione deriva dal termine persiano kebab, insieme al diminutivo delle lingue slave -čići (in croato, bosniaco: ćevapčići/ćevapi; in sloveno: čevapčiči/čevapi). In alcune zone, come la Serbia, vengono chiamati anche solamente Ćevapi, senza il diminutivo con cui sono maggiormente conosciuti all'estero e, in particolar modo, in Italia.

Le origini dei Ćevapčići[modifica | modifica sorgente]

Secondo quanto riporta Branislav Nušić, i ćevapčići vennero serviti per la prima volta a Belgrado intorno al 1860 nella trattoria "Da Tanasko Rajic" nei pressi del Grande Mercato (oggi Piazza degli Studenti). Il proprietario della trattoria, il padrone Živko (che si suppone abbia avuto origini dalla regione di Leskovac), secondo le parole di Nušić, si era così arricchito che con il guadagno riuscì a costruire una chiesa nella sua regione d'origine.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Annalisa Barbagli, Stefania Barzini, Tipico italiano, Giunti Editore, 2011, pp. 56-58, ISBN 880976543-5. "ancora oggi è un piatto molto in voga a Trieste dove queste polpettine vengono chiamate familiarmente civa o ciba...e in Austria [dove vengono servite] con un misto di carni di maiale"

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cucina Portale Cucina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cucina