Xevious

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Xevious
Titolo originale ゼビウス Zebiusu
Sviluppo Namco
Pubblicazione Namco, Atari, U.S. Gold
Ideazione Masanobu Endō
Data di pubblicazione Arcade: 1982
NES, X1, Apple: 1984
PC-88, PC-98: 1985
C64, CPC: 1986
ZX, ST: 1987
Genere Sparatutto a scorrimento
Tema Fantascienza
Modalità di gioco Giocatore singolo, 2 alternati
Piattaforma Arcade, Amstrad CPC, Apple II, Atari 7800, Atari ST, Commodore 64, NEC PC-8801, NEC PC-9801, Nintendo Entertainment System, Sharp X1, ZX Spectrum
Distribuzione digitale Virtual Console
Supporto Cartuccia, cassetta, dischetto
Periferiche di input Joystick, tastiera
Seguito da Super Xevious
Specifiche arcade
CPU Tre Z80 a 3,072 MHz;
tre MB884x a 1,536 MHz
Processore audio Namco 3-channel WSG, circuiti discreti (per le esplosioni)
Schermo Verticale raster
Risoluzione 288 x 224 a 60,6 Hz
Periferica di input Joystick a 8 direzioni, due pulsanti

Xevious è un videogioco arcade prodotto da Namco, progettato da Masanobu Endō, e pubblicato nel 1982 (in occidente fu distribuito da Atari). Il gioco utilizza la piattaforma hardware Namco Galaga. Fu uno dei primi giochi sparatutto a scorrimento verticale, e influenzò i giochi successivi del genere. La grafica era rivoluzionaria, con un uso accurato delle ombre e della tecnica del palette shifting che forniva al giocatore un'illusione di tridimensionalità senza precedenti. Xevious fu anche il primo videogioco ad avere un proprio spot televisivo.[1]

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore utilizza un joystick a otto direzioni per pilotare un'astronave da combattimento chiamata Solvalou, sopra un ambiente terrestre a scorrimento costante verso l'alto. Due tasti consentono di fare fuoco con un laser di prua e sganciare bombe per colpire gli obiettivi di terra o di mare. Le bombe si possono centrare sul bersaglio grazie a un mirino posto più avanti del muso dell'astronave, a distanza fissa.

Gli avversari sono macchinari alieni, solitamente con forme geometriche e di colore grigio. Contro la Solvalou fanno fuoco astronavi nemiche di diversi tipi, letali anche in caso di scontro, e difese contraeree sia mobili che stanziali. In alcune aree compaiono astronavi-madre giganti ottagonali, chiamate Andor-Genesis, che il giocatore può distruggere del tutto solo colpendole ripetutamente con le bombe nel loro nucleo centrale; sono l'unico caso di oggetti volanti vulnerabili alle bombe. Altro avversario caratteristico sono degli specchi volanti e rotanti (Bacula), che attraversano lo schermo e si possono soltanto evitare in quanto indistruttibili; e cupole sotterranee invisibili, che si possono individuare solo perché il mirino cambia colore quando le rileva.

A differenza di altri arcade classici, Xevious non ha veri e propri livelli distinti; il movimento della Solvalou attraversa, senza interruzioni, 16 aree, dopodiché il gioco ricomincia dall'area 7 e così all'infinito. Il territorio sorvolato è costituito perlopiù da foresta e prato, con qualche superficie acquatica, strade e aeroporti. A un certo punto nel gioco, la Solvalou sorvola le linee di Nazca.

Successo[modifica | modifica wikitesto]

Xevious fu distribuito in tutto il mondo. In Giappone divenne un vero e proprio oggetto di culto; i musicisti Haruomi Hosono e Keisuke Kuwata resero omaggio al gioco: Hosono produsse un album di musica tratta dai videogiochi Namco, in cui Xevious era il pezzo centrale. Nel booklet di un successivo singolo, Hosono incluse un racconto di fantascienza ambientato nel mondo di Xevious.[2]

All'originale si sono ispirati molti seguiti, remake e spin off, nessuno dei quali ha ottenuto un successo paragonabile:

Il gioco originale appare in diverse raccolte Namco Museum. È inoltre incluso in Ridge Racer 7 come mini-gioco all'avvio della partita o selezionabile dai menu di gioco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Xevious, in Killer List of Videogames, The International Arcade Museum.
  2. ^ Xevious, HardcoreGaming101. URL consultato il 09/03/2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]