Valentina Nappi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Valentina Nappi
Valentina Nappi 2017.jpg
Valentina Nappi agli AVN Awards, gennaio 2017
Dati biografici
NazionalitàItalia Italia
Dati fisici
Altezza165 cm
Peso50 kg
Etniaitaliani
Occhimarroni
Capellicastani
Seno naturale
Misure86-61-89
Dati professionali
Altri pseudonimiValentina, Valentina B, Valentina Noon
Sito ufficiale

Valentina Nappi (Scafati, 6 novembre 1990) è un'attrice pornografica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rimase orfana di padre a 15 anni[1] e conseguì la maturità artistica[2] prima di frequentare studi universitari in design[2].

Fu avviata alla pornografia da Rocco Siffredi nel 2011, che la convocò qualche mese dopo avere ricevuto una sua e-mail in cui si dichiarava disponibile a entrare nell'industria per adulti[3]; Siffredi la fece esordire in Rocco's POV Volume 24 e successivamente fu suo partner in Rocco's Bitches in Uniform (2012) per Evil Angel.

Sempre nel 2012 apparve nell'edizione italiana di Playboy[4] mentre nel novembre 2013 fu Penthouse Pet negli Stati Uniti guadagnando anche la copertina del numero di quel mese della rivista[5]. Nel settembre 2015 comparve sulla copertina di Hustler's Taboo.

Dal 2014 collabora con la rivista MicroMega che ospita i suoi articoli all'interno del proprio blog d'autore.

Ha all'attivo oltre quattrocento scene con diverse case di produzione tra cui Brazzers, Dogfart, Elegant Angel, Evil Angel, Digital Playground e Jules Jordan.

Si dichiara bisessuale[6], oltre che atea[7], e dal settembre 2020 è sposata con Giovanni Lagnese, suo compagno di vita da circa 10 anni[8].

Il 22 dicembre 2020 ha ventilato una pausa dall'attività pornografica, motivata dal rifiuto dei circuiti di carta di credito VISA e MasterCard di pagare i servizi offerti da MindGeek ― la società editrice di Pornhub, Brazzers, Digital Playground e altri media pornografici ― che, secondo quanto Nappi afferma, le garantisce circa il 90% delle entrate economiche[9].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Anal Debauchery 3 (2012)
  • The Cult (2012)
  • Hooked Up (2012)
  • Lip Service (2012)
  • Popolana (2012)
  • Rocco's Abbondanza 2: Big Boob Bonanza (2012)
  • Whore Hotel (2012)
  • Anal Buffet 8 (2013)
  • Ass Party 6 (2013)
  • Bitches in Uniform 2 (2013)
  • Christoph's Anal Attraction (2013)
  • Club Pink Velvet: The Beginning (2013)
  • Fuck My Ass (2013)
  • Girl/Boy (2013)
  • Pornstar First Encounters (2013)
  • Private Gold 161: Sexy, Horny and Homeless (2013)
  • Private Specials 75: 7 Anal Nympho Nurses (2013)
  • Private Specials 78: Ass Hunting in Venice (2013)
  • Rocco's World: Feet Obsession 2 (2013)
  • Sloppy Head #5 (2013)
  • Soaking Wet (2013)
  • Sweet Petite (2013)
  • Women Seeking Women 96 (2013)
  • Young Harlots: Forbidden Fruit (2013)
  • XXX Fucktory: The Auditions (2014)
  • MILF Soup 31 (2014)
  • Members Only (2014)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il dramma di Valentina Nappi: "Mio padre è morto quando avevo 15 anni", in Today, 12 novembre 2014. URL consultato il 24 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2020).
  2. ^ a b "Il porno è liberta, il problema dell'Italia sono certe madri e le femministe", in TiscaliNews, Tiscali, 23 dicembre 2016. URL consultato il 24 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2016).
  3. ^ Valentina Nappi a cuore aperto: la mail a Rocco, il rapporto con mia madre e il futuro da regista, in Today, 25 luglio 2012. URL consultato l'8 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  4. ^ Valentina Nappi. La vocazione per il porno, in Playboy Italia, n. 36, Milano, Parcle Group srl, 2012, p. 128, ISSN 1125-6672 (WC · ACNP).
  5. ^ Massimiliano Grimaldi, Selfie durante l'orgasmo, Valentina Nappi sconvolge il web, in Ottopagine, 27 maggio 2016. URL consultato il 24 aprile 2020 (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2016).
  6. ^ Irene Graziosi, La prima volta di Valentina Nappi col porno, in Vice, 27 novembre 2018. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  7. ^ Alcide Pierantozzi, Dialogo sui massimi sistemi con Valentina Nappi, in Studio, Studio Editoriale, 13 ottobre 2016. URL consultato il 12 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2020).
  8. ^ Eva E. Zuccari, La pornostar Valentina Nappi si è sposata ma rassicura i fan: Non mi ritiro, in Today, 3 settembre 2020. URL consultato il 6 settembre 2020.
  9. ^ Valentina Nappi si ritira e accusa Visa e Mastercard: “Non riceverò più 1$ da Pornhub”, in Radio Deejay, 22 dicembre 2020. URL consultato il 26 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2020).
  10. ^ (EN) AVN Award Winners 2016: See Who Won In Porn At The Raciest Ceremony In Entertainment, in Enstarz, 24 gennaio 2016. URL consultato l'8 aprile 2017.
  11. ^ Valentina Nappi, arriva l'importante riconoscimento internazionale, in NapoliToday, 19 gennaio 2017. URL consultato l'8 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN2637158005994902100006 · GND (DE1203168098