USS Princeton (1843)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altre navi con questo nome, vedi USS Princeton.
USS Princeton
USS Princeton (1843).jpg
Litografia della USS Princeton, di Nathaniel Currier, 1844
Descrizione generale
Flag of the United States.svg
Tipocorazzata
In servizio conFlag of the United States.svg U.S. Navy
Ordine18 novembre 1841
CantierePhiladelphia Navy Yard
Impostazione20 ottobre 1842
Varo5 settembre 1843
Consegna9 settembre 1843
Viaggio inaugurale12 ottobre 1843
Destino finaleSmantellamente nel 1849
Caratteristiche generali
Dislocamento710 tonnellate (700 LT)
Lunghezza50 m
Larghezza9,3 m
Pescaggio5,2 m
PropulsioneVapore:
Velocitànodi (13 km/h)
Equipaggio166 ufficiali
Armamento
Artiglieria2 canne lisce da 300 millimetri (12 in)
12 carronate da 19 chilogrammi (42 pdr)

fonti nel corpo del testo

voci di navi da battaglia presenti su Wikipedia

La prima USS Princeton era una nave da guerra con elica a vapore della United States Navy. Comandata dal capitano Robert Field Stockton, Princeton fu varata il 5 settembre 1843.

La reputazione della nave nella Marina non si è mai ripresa da un incidente devastante all'inizio del suo servizio. Il 28 febbraio 1844, durante una crociera sul fiume Potomac per dignitari che includeva una dimostrazione delle sue due armi pesanti, una di esse esplose uccidendo sei persone, tra cui il Segretario di Stato Abel Parker Upshur, il Segretario della Marina Thomas Walker Gilmer e altri alti funzionari federali. Il Presidente John Tyler, che era a bordo ma sottocoperta, non fu ferito.

Storia iniziale[modifica | modifica wikitesto]

La USS Princeton fu impostata il 20 ottobre 1842 presso il Philadelphia Navy Yard di Filadelfia come una corvetta di 710 tonnellate (700 LT). Il progettista della nave e principale supervisore della costruzione fu l'inventore svedese John Ericsson, che in seguito progettò la USS Monitor. La costruzione fu in parte supervisionata dal capitano Stockton che si era assicurato il sostegno politico per la costruzione della nave. La nave prese il nome da Princeton, New Jersey, luogo di una vittoria americana nella guerra d'indipendenza americana e città natale dell'illustre famiglia Stockton. La nave fu battezzata con una bottiglia di whisky americano e varata il 5 settembre 1843. Fu assegnata al comando del capitano Stockton il 9 settembre 1843.

La USS Princeton fece un viaggio di prova sul fiume Delaware il 12 ottobre 1843. Partita da Filadelfia il 17 ottobre per una prova in mare, si recò a New York, dove si impegnò in una gara di velocità con il piroscafo britannico SS Great Western, migliorandola con facilità, e da lì tornò a Filadelfia il 20 ottobre per finire l'allestimento. Il 22 novembre, il capitano Stockton ha riferito:

(EN)

«Princeton will be ready for sea in a week.»

(IT)

«Princeton sarà pronta per il mare in una settimana.»

(Robert Field Stockton)

Il 28 novembre, ha arredato la nave e ha ricevuto i visitatori a bordo per l'ispezione. Il 30 novembre, ha trainato la USS Raritan lungo il fiume Delaware e successivamente è tornata al Philadelphia Navy Yard. La USS Princeton salpò il 1º gennaio 1844 per New York, dove ricevette i suoi due grandi cannoni, denominati Peacemaker e Oregon. La nave fu spedita a Washington D.C., alla fine di gennaio, arrivando il 13 febbraio. Gli abitanti di Washington mostrarono grande interesse per la nave e i suoi armamenti. Ha fatto viaggi di prova con passeggeri a bordo lungo il fiume Potomac il 16, 18 e 20 febbraio, durante i quali il Peacemaker ha sparato più volte.[1] L'amministrazione Tyler ha promosso la nave come parte della sua campagna per l'espansione navale e il Congresso venne aggiornato al 20 febbraio, in modo che i membri potessero visitare la nave. L'ex presidente John Quincy Adams, ora deputato e scettico sull'espansione territoriale e sugli armamenti necessari per sostenerla, ha detto che la Marina ha accolto i politici "per bruciare le loro anime con ardore patriottico per una guerra navale".[2][3]

Progettazione[modifica | modifica wikitesto]

I macchinari[modifica | modifica wikitesto]

La USS Princeton includeva le primissime eliche a vite azionate da un motore montato interamente sotto la linea di galleggiamento per evitare la vulnerabilità delle ruote a pale e dei motori superiori alle armi da fuoco.[4] I suoi due motori a leva vibrante sono stati costruiti da Merrick & Towne e progettati da Ericsson.[8] Bruciavano carbone fossile e guidavano una elica a sei pale di 4,3 metri (14 ft) di diametro. Il motore era abbastanza piccolo da essere posto sotto la linea di galleggiamento. Ericsson ha anche progettato il fumaiolo della nave, un telemetro migliorato e sistemi di rinculo per i cannoni principali.

Le armi[modifica | modifica wikitesto]

USS Princeton e USS Raritan

Dodici carronate da 19 chilogrammi (42 lb) sono state montate all'interno dello scafo in ferro della nave. Ericsson aveva progettato la nave per montare un cannone lungo, chiamato Oregon, costruito in Inghilterra utilizzando la moderna tecnologia per sparare colpi da 102 chilogrammi (225 lb) e 300 millimetri (12 in) di diametro. Il capitano Stockton voleva che la sua nave portasse due cannoni lunghi e fece costruire il secondo, chiamato Peacemaker, a Filadelfia. I due cannoni sparavano gli stessi proiettili, ma il Peacemaker fu costruito con una tecnologia di forgiatura più vecchia, creando un'arma più grande dall'aspetto più imponente, ma con una forza inferiore.[9] Entrambi i cannoni sono stati montati sulla USS Princeton. Sebbene l'Oregon fosse stato sottoposto a test intensivi ed era stato rinforzato per prevenire crepe dannose per l'integrità del cannone, Stockton si precipitò con il Peacemaker e lo montò senza molte prove. Secondo Kilner, il Peacemaker ha "sparato solo cinque volte prima di certificarlo come accurato e completamente provato".

L'Oregon, originariamente chiamato The Orator, era un'arma a canna liscia ad avancarica in ferro battuto ed era in grado di sparare un colpo da 8,0 chilometri (5 mi) con una carica di 23 chilogrammi (50 lb). Fu prodotto presso il Mersey Iron Works di Liverpool, in Inghilterra, e spedito negli Stati Uniti nel 1841. Il progetto era rivoluzionario in quanto utilizzava la "costruzione composta" per collocare cerchi di ferro rovente intorno all'estremità della culatta dell'arma, che pretendeva l'arma e aumentava notevolmente la retrocarica che la culatta poteva sopportare.

Il Peacemaker era un altro caricatore ad avancarica da 300 millimetri (12 in) realizzato da Hogg & DeLamater di New York, sotto la progettazione e la direzione del capitano Stockton. Tentando di copiare lOregon, ma non comprendendo l'importanza della costruzione del telaio di Ericsson, Stockton invece lo rafforzò pesantemente alla culatta semplicemente rendendo il metallo dell'arma più spesso, fino a raggiungere un peso di oltre 12 000 chilogrammi (27 000 lb). Questo ha prodotto un'arma che aveva la tipica debolezza di un'arma in ferro battuto, essendo la culatta incapace di resistere alle forze trasversali della carica. Ciò significava quasi certamente che prima o poi sarebbe scoppiato.

1844 - Incidente del Peacemaker[modifica | modifica wikitesto]

Litografia contemporanea Currier & Ives raffigurante l'esplosione

Il presidente Tyler ha ospitato un ricevimento pubblico per Stockton nella East Room della Casa Bianca il 27 febbraio 1844.[10] Il 28 febbraio l'USS Princeton partì da Alexandria, Virginia, in una crociera di piacere e dimostrazione lungo il Potomac con il Presidente John Tyler, membri del suo gabinetto, l'ex First lady Dolley Payne Todd Madison, il senatore del Missouri Thomas Hart Benton e circa quattrocento ospiti a bordo. Il capitano Stockton ha deciso di sparare con il più grande dei suoi cannoni, Peacemaker, per impressionare i suoi ospiti. Peacemaker sparò tre volte durante il viaggio a valle ed è stato caricato per fare un saluto a George Washington mentre la nave passava Monte Vernon durante il viaggio di ritorno. Gli ospiti a bordo hanno visto il primo set di spari e poi si sono ritirati sottocoperta per il pranzo e il rinfresco.[11]

Il segretario Gilmer ha esortato coloro che erano a bordo a vedere un ultimo colpo con il Peacemaker. Quando il capitano Stockton tirò il cordino di tiro, il cannone scoppiò. Il suo lato sinistro aveva fallito, spruzzando metallo caldo attraverso il ponte[9] e schegge nella folla. Immediatamente uccisi furono il segretario della Marina Gilmer; il segretario di Stato Upshur; il capitano Beverley Kennon,[13] che era il capo del Bureau of Construction, Equipment and Repairs; Virgil Maxcy, un avvocato e politico del Maryland con decenni di esperienza come titolare di uno stato e di un ufficio federale;[14] David Gardiner,[16] un avvocato e politico di New York; e il valletto del presidente, uno schiavo nero di nome Armistead.[18] Altre sedici - venti persone rimasero ferite, tra cui diversi membri dell'equipaggio della nave, il senatore Benton e il capitano Stockton.[19][20] Il Presidente era sottocoperta e non fu ferito.[21]

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Piuttosto che attribuire la responsabilità dell'esplosione alle persone, il giorno dopo Tyler scrisse al Congresso che il disastro "deve essere considerato come una delle vittime che, in misura maggiore o minore, si occupano di ogni servizio, e che sono invariabilmente incidenti per gli affari temporali dell'umanità".[22] Egli ha detto che non dovrebbe essere permesso di influenzare la loro valutazione positiva di Stockton e dei suoi miglioramenti nella costruzione navale.[23]

RFStockton.jpg
Cap. Robert Stockton
Johntyler.jpg
Presidente John Tyler
Julia Tyler.gif
First lady Julia Tyler

I piani per la costruzione di altre navi modellate sulla Princeton furono prontamente abbandonati, ma Tyler ottenne l'approvazione del Congresso per la costruzione di un singolo cannone sulle dimensioni del Peacemaker, che sparò una volta e non fu mai montato.[23] Un tribunale d'inchiesta ha indagato sulle cause dell'esplosione e ha scoperto che tutte le persone coinvolte avevano preso le precauzioni del caso.[23] Su richiesta di Stockton, la commissione per le scienze e le arti del Franklin Institute ha condotto una propria indagine, che ha criticato molti dettagli del processo di produzione, così come l'uso della banda saldata per il rinforzo piuttosto che la tecnica di restringimento usata sull'Oregon.[23] Ericsson, che Stockton aveva originariamente pagato 1.150 dollari per la progettazione e l’allestimento di Princeton, ha cercato altri 15.000 dollari per i suoi ulteriori sforzi e per la sue competenze aggiuntive. Ha citato in giudizio Stockton per il pagamento e ha vinto in tribunale, ma i fondi non sono mai stati stanziati.[23] Stockton ha continuato a servire come governatore militare della California e senatore degli Stati Uniti dal New Jersey.[24] Ericsson ha avuto una brillante carriera nel design navale ed è conosciuto soprattutto per il suo lavoro alla USS Monitor, la prima nave da guerra corazzata della Marina Militare degli Stati Uniti.

Per succedere a Gilmer come Segretario della Marina, Tyler nominò John Young Mason, un altro virginiano.[9] Come suo nuovo segretario di Stato, Tyler ha nominato John Caldwell Calhoun della Carolina del Sud, come il suo predecessore un sostenitore dei diritti degli stati, l'annullamento della legge federale da parte degli stati, l'annessione del Texas e la sua ammissione nell'unione come stato schiavo.[25] Ma dove Gilmer e Upshur avevano sostenuto l'annessione come causa nazionale, Calhoun riformulava la discussione politica. Per frustrazione di Tyler, ha promosso l'annessione del Texas mentre "celebrava direttamente, senza ambiguità e a pieno ritmo la schiavitù e celebrava il vantaggio settoriale", cioè l'importanza del Texas per la sopravvivenza a lungo termine della schiavitù negli Stati Uniti.[25][26] Upshur stava per ottenere l'approvazione del Senato di un trattato che annetteva il Texas quando morì. Sotto Calhoun l’annessione fu ritardata e divenne una questione principale nelle elezioni presidenziali del 1844.[10]

Julia Gardiner Tyler, che si trovava sottocoperta sulla Princeton quando suo padre David morì nell'esplosione del Peacemaker, divenne First lady degli Stati Uniti quattro mesi dopo. Aveva rifiutato la proposta di matrimonio del Presidente Tyler un anno prima, e qualche volta nel 1843 hanno accettato di sposarsi ma non hanno fissato una data. Il Presidente aveva perso la sua prima moglie nel settembre 1842, e al momento dell'esplosione aveva quasi 54 anni. Julia non aveva ancora 24 anni. Più tardi spiegò che la morte del padre cambiò i suoi sentimenti per il presidente: "Dopo aver perso mio padre, mi sono sentita diversamente nei confronti del presidente. Sembrava riempire il posto ed essere più gradevole sotto ogni punto di vista di quanto lo fosse o potesse essere qualsiasi uomo più giovane".[27] Poiché era rimasto vedovo da meno di due anni e suo padre era morto da poco tempo, si sposarono alla presenza di pochi membri della famiglia a New York City il 26 giugno 1844. Alla cerimonia seguì un annuncio pubblico.[28] Hanno avuto sette figli prima che Tyler morisse nel 1862, e sua moglie non si risposò mai più. Nel 1888, Julia Gardiner Tyler disse alla giornalista Nelly Bly che al momento dell'esplosione del Peacemaker "Sono svenuta e non mi sono ripresa fino a quando qualcuno mi stava portando fuori dalla nave, e ho lottato in modo da farci quasi sbattere entrambi fuori dalla passerella". Ha detto di aver saputo più tardi che il presidente Tyler era il suo salvatore.[29] Alcuni storici mettono in discussione il suo racconto.[30]

Il disastro del Peacemaker ha indotto a riesaminare il processo di produzione dei cannoni. Questo ha portato allo sviluppo di nuove tecniche che hanno prodotto cannoni più forti e strutturalmente più solidi, come il sistema pionieristico di Thomas Rodman.[31]

Storia successiva[modifica | modifica wikitesto]

Durante la costruzione e negli anni successivi, Stockton ha tentato di ottenere il credito completo per la progettazione e la costruzione di Princeton.

La campana della USS Princeton al Stockton St. and Bayard Ln. a Princeton, New Jersey

La USS Princeton fu impiegata presso l’Home Squadron dal 1845 al 1847. In seguito servì nel Mediterraneo dal 17 agosto 1847 al 24 giugno 1849. Al suo ritorno dall'Europa, è stata esaminata e fu scoperto che c’era bisogno di 68.000 dollari (2,05 milioni di dollari in termini attuali) per riparazioni per restituirle il suo stato originale. Il prezzo è stato ritenuto inaccettabile ed è stato ordinato una seconda indagine.[32] Il suo destino era ormai certo a causa del suo legname in decomposizione, fu smantellata al Boston Navy Yard in ottobre e novembre.[33][34]

Lascito[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1851, i suoi motori semi-cilindrici di Ericsson e alcuni legnami utilizzabili furono incorporati nella costruzione della seconda USS Princeton.[35]

L'Oregon è esposto all'interno del cancello principale della United States Naval Academy ad Annapolis, Maryland.[36]

La campana della nave fu esposta durante il Jamestown Exposition del 1907.[37] Fu poi installata nel portico della Thomson Hall della Princeton University,[38] che fu costruita come residenza privata nel 1825 dal padre di Robert Stockton, Richard.[39] Attualmente è esposta all'esterno presso il Princeton Battle Monument, vicino al municipio di Princeton.[40]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kerry S. Walters, Explosion on the Potomac: The 1844 Calamity Aboard the USS Princeton, su The Cupola, The History Press, 2013. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  2. ^ Karp, pp. 92-93
  3. ^ (EN) John Quincy Adams, Memoirs of John Quincy Adams: Comprising Portions of His Diary from 1795 to 1848, vol. 11, Lippincott, 1876, pp. 515-516. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  4. ^ (EN) Robert J. Rayback, Millard Fillmore: a biography of a President, Newtown, American Political Biography Press, 1992, p. 300, ISBN 0945707045, OCLC 26756867. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  5. ^ (EN) Edwin Hubbard e William Blanchard Towne, The Towne Family Memorial, Chicago, Fergus Printing Company, 1880, pp. 88-90, LCCN 09014537, OCLC 17567745. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  6. ^ (EN) Karl Jack Bauer e Stephen S. Roberts, Register of ships of the U.S. Navy, 1775-1990: major combatants, New York, Greenwood Press, 1991, pp. 53-54, ISBN 9780313262029, LCCN 91025241, OCLC 24010356. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  7. ^ Daniel R. Goodwin, Obituary Notice of Samuel Vaughan Merrick, Esq, in Proceedings of the American Philosophical Society, vol. 11, nº 81, Filadelfia, 16 dicembre 1870, pp. 584–596.
  8. ^ Merrick & Towne era una fonderia con sede a Filadelfia, fondata da John Henry Towne e da S. V. Verrick,[5] nota anche per la costruzione dei motori dell'USS Mississippi.[6] In seguito fu rinominata in Merrick & Sons.[7]
  9. ^ a b c (EN) John M. Taylor, The Old Navy: The Princeton Disaster, in Proceedings, vol. 110, nº 979, United States Naval Institute, settembre 1984, pp. 148-149. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  10. ^ a b Karp, p. 93
  11. ^ (EN) Ann Blackman, Fatal Cruise of the Princeton, su Military.com, settembre 2005. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  12. ^ (EN) The National Cyclopaedia of American Biography: Permanent series, vol. 4, New York, J.T. White, 1897, p. 552. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  13. ^ Beverley Kennon (1793-1844) prestò servizio nella marina americana e vide l'azione durante la seconda guerra barbaresca (1815-1816). Ha avuto il comando di diverse navi a partire dal 1830 ed inseguito gli è stata data la responsabilità del Washington Navy Yard dall'aprile 1841 al marzo 1843, quando divenne capo del Navy's Bureau of Construction, Equipment and Repairs. Fu amico di Upshur per tutta la vita.[12]
  14. ^ Nato nel 1785, la sua carriera federale includeva il servizio come procuratore del Tesoro americano dal 1830 al 1837 e Chargé d'Affaires in Belgio dal 1837 al 1842. Fu alleato politico di Calhoun e sostenitore del reinsediamento dei neri liberi in Africa.
  15. ^ (EN) Obituary (PDF), in The New York Times, 10 maggio 1892.
  16. ^ Gestiva le proprietà che la sua ricca moglie aveva ereditato e aveva servito per quattro anni nel Senato dello Stato di New York. I conti contemporanei si riferiscono a lui come al colonnello David Gardiner, ma questo è stato un errore. Suo figlio, David L. Gardiner, era stato recentemente nominato aiutante di campo di Tyler con il grado di colonnello.[15]
  17. ^ (EN) Jesse J. Holland, The invisibles: the untold story of African American slaves in the White House, Guilford, Lyons Press, 2016, pp. 175-178, ISBN 9781493008469, OCLC 991173064. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  18. ^ Il deputato George Sykes del New Jersey, testimone oculare, ha descritto Armistead come "un nero robusto di 23 o 24 anni" e ha riferito che ha vissuto per breve tempo dopo l'esplosione e che "né il chirurgo del Princeton né nessun'altra persona poteva scoprire la minima lesione o ferita su di lui".[17]
  19. ^ (EN) United States Congress House Committee on Naval Affairs, Accident on Steam-ship "Princeton"...: Report [of] the Committee on Naval Affairs, to Whom Were Referred Certain Communications from the War and Navy Departments on the Subject of Large Wrought-iron Guns..., Washington, Blair & Rives, 1844, LCCN 19004938. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  20. ^ (EN) Further Particulars of the Accident on Board the Princeton, in Baltimore Sun (Baltimora), 1º marzo 1844, p. 2.
  21. ^ (EN) Robert W. Merry, A country of vast designs: James K. Polk, the Mexican War, and the conquest of the American continent, 1ª ed., New York, Simon & Schuster, 2009, pp. 65-66, ISBN 9780743297431, OCLC 310397742. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  22. ^ (EN) William M. Evan e Mark Manion, Minding the machines: preventing technological disasters, Upper Saddle River, Prentice Hall PTR, 2002, p. 216, ISBN 0130656461, LCCN 2001054867, OCLC 48140683. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  23. ^ a b c d e (EN) Lee M. Pearson, The "Princeton" and the "Peacemaker": A Study in Nineteenth-Century Naval Research and Development Procedures, in Technology and Culture, vol. 7, nº 2, Johns Hopkins University Press e Society for the History of Technology, primavera 1966, pp. 163-183, DOI:10.2307/3102081, JSTOR 3102081. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  24. ^ (EN) STOCKTON, Robert Field, su Biographical Directory of the United States Congress. The Historian of the United States Senate. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  25. ^ a b (EN) Joel H. Silbey, Storm over Texas : the Annexation Controversy and the Road to Civil War., Oxford, Oxford University Press, 1º agosto 2005, pp. 39-41, ISBN 9780198031925, OCLC 437109250. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  26. ^ (EN) Edward P. Crapol, John Tyler, the Accidental President, University of North Carolina Press, 1º gennaio 2012, pp. 209-226, ISBN 9780807882726, LCCN 2005037963, OCLC 772844959. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  27. ^ (EN) Dorothy Schneider e Carl J. Schneider, First ladies: a biographical dictionary, 3ª ed., New York, Facts On File, 2010, ISBN 9781438127507, OCLC 607552600. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  28. ^ (EN) Kerry Walters, An Explosion That Changed the Nation, in HuffPost, 26 agosto 2013. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  29. ^ (EN) Lawrence L. Knutson, D.C. Disaster Concluded in a Romance, in Los Angeles Times, 5 marzo 2000. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  30. ^ (EN) Doug Wead, All the Presidents' Children: Triumph and Tragedy in the Lives of America's First Families, Atria Books, 6 gennaio 2004, p. 406, ISBN 9780743446334, LCCN 2003537537. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  31. ^ (EN) Jeff Kinard, Artillery: An Illustrated History of Its Impact, Santa Barbara, ABC-CLIO, 2007, pp. 194-195, ISBN 9781851095568, LCCN 2006103178, OCLC 77520740. URL consultato il 5 gennaio 2019.
  32. ^ (EN) The Steam-Frigate Princeton, in The Republic, vol. 1, nº 75, 10 settembre 1849, p. 2. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  33. ^ (EN) Steam Frigate Princeton, in Richmond Enquirer, vol. XLVL, nº 51, 26 ottobre 1849, p. 2. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  34. ^ (EN) The Princeton, in Wilmington Journal, vol. 6, nº 11, 23 novembre 1849, p. 3. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  35. ^ (EN) Princeton II (Scew Streamer), su DANFS, U. S. Naval History and Heritage Command. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  36. ^ (EN) Craig L. Symonds, Decision at Sea: Five Naval Battles That Shaped American History, New York, Oxford University Press, ottobre 2006, p. 100, ISBN 9780195312119, LCCN 2004029394, OCLC 73953994. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  37. ^ (EN) NH 2082-A Bell of USS Princeton (1843-1849), su NH Series, U. S. Naval History and Heritage Command. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  38. ^ (EN) Can't You Hear..., in Princeton Alumni Weekly, vol. 30, nº 16, Princeton, Princeton University Press, 31 gennaio 1930, p. 430. URL consultato l'11 gennaio 2019.
  39. ^ (EN) M. Halsey Thomas, Princeton in 1874: A Bird's Eye View, in Princeton History, nº 1, Princeton, The Historical Society of Princeton, 1971. URL consultato l'11 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2015).
  40. ^ (EN) Gary Nigh, The Princeton Bell, su The Historical Marker Database, 22 agosto 2008. URL consultato l'11 gennaio 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 42°22′28.56″N 71°02′52.8″W / 42.3746°N 71.048°W42.3746; -71.048