Tommy Rettig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Tommy Rettig con il cane Lassie nell'omonima serie televisiva (1955)

Tommy Rettig, nato Thomas Noel Rettig (Queens, 10 dicembre 1941Marina del Rey, 15 febbraio 1996), è stato un attore, ingegnere e programmatore statunitense.

È principalmente noto al grande pubblico per aver interpretato il personaggio di Jeff Miller, il ragazzino protagonista delle prime tre stagioni della serie televisiva Lassie, dal 1954 al 1957.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni e la carriera da attore[modifica | modifica wikitesto]

Nacque da Elias Rettig, di religione ebraica, e da Rosemary Nibali, italoamericana cattolica, a Jackson Heights, Queens, New York[1]. Iniziò la sua carriera artistica all'età di sei anni, in tournée con Mary Martin nel musical Annie Get Your Gun, nel quale recitava il ruolo del piccolo Jake.

Prima del suo ruolo più famoso, quello di Jeff Miller nella serie Lassie, Rettig apparve in diciotto film, tra i quali sono da ricordare Solo per te ho vissuto (1953), Le 5000 dita del Dr. T (1953), scritto dal fumettista Dr. Seuss, e La magnifica preda (1954), con Marilyn Monroe e Robert Mitchum. Fu l'ottima intesa con un cane sul set del film Le 5000 dita del Dr. T a convincere l'animal trainer Rudd Weatherwax a proporre Rettig per un'audizione nel ruolo del padrone di Lassie, nella serie in cui Weatherwax mise a disposizione i suoi collie per il cane protagonista.

Malgrado il grande successo di pubblico, Rettig successivamente dichiarò che avrebbe desiderato vivere una normale vita da adolescente e, dopo quattro stagioni della serie televisiva, egli rescisse il contratto, dimostrandosi anche piuttosto critico circa il trattamento e i compensi ricevuti dai bambini prodigio del cinema nella sua epoca.

Nel 1959 si diplomò alla University High School di Los Angeles. Nel 1964-1965 prese parte con Tony Dow alla soap opera per ragazzi Never Too Young[2]. Col gruppo "The TR-4", egli registrò anche una canzone col medesimo titolo per conto della "Velvet Tone"[3].

Dopo la carriera di attore[modifica | modifica wikitesto]

Divenuto adulto, Rettig contribuì a fondare un'organizzazione di sostegno ai giovani in difficoltà, utilizzando la sua immagine di bambino prodigio per promuovere campagne di sensibilizzazione al problema della droga. Successivamente decise di occuparsi di tecnologia, distinguendosi per essere tra i primi a esplorare il mondo dei personal computer agli albori della loro comparsa sul mercato.

Durante i suoi ultimi 15 anni di vita, Rettig divenne noto in particolare come programmatore di database, autore ed esperto nel settore. Prima impiegato alla Ashton-Tate, successivamente si specializzò in dBASE, Clipper, FoxBASE e FoxPro.

Gli ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Rettig fece un'ultima apparizione in un episodio della serie televisiva The New Lassie, con Jon Provost (che andò in onda il 25 ottobre 1991), al fianco di altre star che avevano partecipato in passato a produzioni su Lassie, come Roddy McDowall, interprete del film Torna a casa Lassie (1943), e June Lockhart, protagonista de Il figlio di Lassie (1945).

Morì all'età di 54 anni per un infarto. I suoi funerali si tennero a Marina del Rey (California), dove Rettig risiedeva dalla fine degli anni ottanta[4], e vi presero parte l'attore e musicista Roger Clinton Jr., fratello dell'allora presidente statunitense Bill Clinton, e molte star del cinema.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "TOMMY RETTIG, PLAYED JEFF IN ORIGINAL CAST OF TELEVISION'S 'LASSIE'", Rocky Mountain News, 18 febbraio 1996. Accesso 10 dicembre 2007
  2. ^ Never Too Young on ABC, TV Guide. URL consultato il 15 ottobre 2008.
  3. ^ Jimmy Velvet, Inside the Dream, Velvet-Roese, 2007.
  4. ^ Jeff Miller reminiscence

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN14801073 · LCCN: (ENn84204231 · ISNI: (EN0000 0000 6304 9021 · GND: (DE1055080031
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie