Suo marito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Suo marito (Giustino Roncella nato Boggiolo)
Luigi Pirandello 1907.jpg
AutoreLuigi Pirandello
1ª ed. originale1911
Genereromanzo
Lingua originale italiano
ProtagonistiGiustino Boggiolo, Silvia Roncella

Suo marito, pubblicato anche con il titolo Giustino Roncella nato Boggiolo, è un romanzo scritto da Luigi Pirandello nel 1911.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Giustino Boggiolo, un modesto impiegato fornito di una cultura altrettanto modesta, sposa la giovane scrittrice Silvia Roncella e, dopo che questa diventa celebre, rivela uno straordinario fiuto negli affari, prendendo tutte le iniziative di contratto con gli editori, i critici, i giornalisti, i traduttori e il pubblico, per reclamizzare e far fruttare la produzione letteraria della moglie.

Pirandello nel 1908 circa

Questa sua frenetica attività di agente pubblicitario lo espone alla malignità dei colleghi d'ufficio, che lo ridicolizzano appioppandogli il nomignolo di Roncello e facendogli trovare i biglietti da visita intestati a Giustino Roncella nato Boggiolo. Silvia, che vede il ridicolo della situazione, si distacca sempre più dal marito e si separa da lui, cedendo al corteggiamento di un maturo scrittore, Maurizio Gueli, né si ricongiunge più col marito quando perde l'amore del Gueli e le muore il figlio, sicché sia Giustino sia lei restano soli, ciascuno per la propria strada, chiusi nel proprio dramma interiore.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

All'interno del romanzo è rilevabile il tema del relativismo psicologico interpersonale, che mette capo all'incomunicabilità tra gli uomini (vedi Luigi Pirandello/Il pensiero). Se da principio al lettore è offerto il punto di vista della moglie, che non si sente riconosciuta nella propria individualità e si ritiene strumentalizzata dal marito, al punto da ritenere sbagliata la loro stessa unione (in questa prima parte sono notevoli le analogie con Casa di bambola di Henrik Ibsen, pur senza che si possa dare per certa un'effettiva derivazione di Suo marito dal dramma), in una seconda parte il punto di vista del marito emerge, con la conseguenza che agli occhi del lettore non esistono più una ragione e un torto: Giustino e Silvia propongono due versioni degli stessi eventi che sono entrambe verità, tema ricorrente inmoltissime delle sue opere, tra cui il dramma:"Così è (se vi pare)", trasposizione teatrale della novella:"La signora Frola e il signor Ponza, suo genero" scritta nel 1917 e anche specialmente nel romanzo:"L'esclusa"(Col famoso motto in latino:"NIHIL-MIHI-CONSCIO") o per alcuni tratti nel romanzo:"Uno,nessuno e centomila".

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

L'opera fu pubblicata con il titolo di Suo marito dallo stesso autore nel 1911. In seguito l'autore ne fece una revisione, ma non ne pubblicò altre versioni perché temeva che la vicenda fosse riferibile alle figure di Grazia Deledda e di suo marito.

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura