Siero convalescente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il siero convalescente (o siero immune o iperimmune), o antisiero, è il siero prelevato da un paziente in fase di remissione (convalescenza) da un’infezione, utile a fini terapeutici. Essendo ricco di anticorpi specifici, può essere somministrato ad altri pazienti affetti dalla stessa patologia infettiva per favorirne la guarigione: questa cura è detta sieroterapia.[1]

Una versione analoga per quanto riguarda il contenuto anticorpale è il plasma stesso da cui deriva, che viene quindi chiamato plasma convalescente o “iperimmune”.

Nella sua accezione antica con «siero convalescente» ci si riferiva al siero derivato da un singolo paziente convalescente, prelevato per trattare un solo altro paziente; invece nella sua accezione moderna il termine si riferisce ad un plasmaderivato (contenente immunoglobuline iperimmuni) prodotto dal frazionamento industriale del plasma donato da un pool di qualche migliaio di convalescenti, sottoposto ad inattivazione patogeni con solvente/detergente, ed a contenuto anticorpale standardizzato, ma contenente solo anticorpi di classe IgG.[senza fonte]

Utilizzo clinico[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni esempi di siero iperimmune usato a scopo profilattico (post-esposizione) o terapeutico sono terapie contro epatite B, rabbia, tetano, Varicella zoster virus, Virus Ebola.[2]

Cytomegalovirus[modifica | modifica wikitesto]

Una sperimentazione di immunoglobuline iperimmuni in madri con infezione da cytomegalovirus non ha dato significativi segni di diminuzione del rischio di infezione congenita.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SIEROTERAPIA in "Enciclopedia Italiana", su treccani.it. URL consultato il 1º maggio 2020.
  2. ^ Natalya M. Kudoyarova-Zubavichene Kudoyarova‐Zubavichene, Nikolai N. Sergeyev, Alexander A. Chepurnov e Sergey V. Netesov, Preparation and Use of Hyperimmune Serum for Prophylaxis and Therapy of Ebola Virus Infections, in The Journal of Infectious Diseases, vol. 179, 1999, pp. S218–23, DOI:10.1086/514294, PMID 9988187.
  3. ^ Maria Grazia Revello, Tiziana Lazzarotto, Brunella Guerra, Arsenio Spinillo, Enrico Ferrazzi, Alessandra Kustermann, Secondo Guaschino, Patrizia Vergani, Tullia Todros, Tiziana Frusca, Alessia Arossa, Milena Furione, Vanina Rognoni, Nicola Rizzo, Liliana Gabrielli, Catherine Klersy e Giuseppe Gerna, A Randomized Trial of Hyperimmune Globulin to Prevent Congenital Cytomegalovirus (PDF), in New England Journal of Medicine, vol. 370, n. 14, 2014, pp. 1316-1326, DOI:10.1056/NEJMoa1310214, ISSN 0028-4793 (WC · ACNP), PMID 24693891.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85064539 · GND (DE4142741-5 · NDL (ENJA00567588
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina