Serhij Volodymyrovyč Loznycja

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Sergei Loznitsa)
Jump to navigation Jump to search
Serhij Volodymyrovyč Loznycja

Serhij Volodymyrovyč Loznycja in ucraino: Сергій Володимирович Лозниця? (Baranavičy, 5 settembre 1964) è un regista ucraino.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Bielorussia quando questa faceva parte dell'Unione Sovietica, si è trasferito da piccolo in Ucraina.[2] Ha studiato e ha lavorato nel mondo della matematica.[2] Nel 1991 è entrato a far parte della VGIK, scuola cinematografica di Mosca. Si è formato con Nana Džordžadze e si è laureato nel 1997. Prima del 2000 lavora come regista di film-documentari a San Pietroburgo, mentre nel 2001 si è trasferito con la famiglia in Germania.[2]

Nel 2010 il suo film My Joy viene selezionato per partecipare in concorso al Festival di Cannes 2010. Vince il Premio FIPRESCI.[3] Anche nel 2012 compete per la Palma d'oro al Festival di Cannes 2012 con Anime nella nebbia. Ottiene la nomination agli European Film Awards 2013 nella categoria "miglior cortometraggio". Tra i suoi documentari vi sono Maidan (proiettato fuori concorso al Festival di Cannes 2014), Ponts de Sarajevo (collaborativo), Northern Light e Austerlitz (presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2016).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi
Documentari
  • Poselennja (2002)
  • Pejzaž (2003)
  • Blokada (2006)
  • Predstavlennja (2008)
  • Sweet Sixties (2008)
  • Northern Light (2008)
  • Maidan (2014)
  • The Old Jewish Cemetery (2014)
  • Sobytie (2015)
  • Austerlitz (2016)
  • Den' Pobedy (2018)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN141195215 · ISNI (EN0000 0001 1882 2633 · LCCN (ENno2006109238 · GND (DE1016900767 · BNF (FRcb15987845x (data)