Santuario dei Santi Medici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santuario dei Santi Medici
Chiesa santi medici ruvo di puglia.JPG
Il prospetto
StatoItalia Italia
RegionePuglia Puglia
LocalitàRuvo di Puglia-Stemma.png Ruvo di Puglia
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareCosma e Damiano
Diocesi Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi
Stile architettoniconeoclassico
Inizio costruzioneXIV secolo
CompletamentoXIV secolo

Coordinate: 41°06′59.04″N 16°29′07.43″E / 41.116399°N 16.485398°E41.116399; 16.485398

Il santuario dei Santi Medici, già chiesa della Madonna di San Luca, è un luogo di culto cattolico di Ruvo di Puglia sito in via Le Monache.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il santuario dedicato ai santi Medici, Cosma e Damiano, trova posto in quella che è sempre stata la chiesa di Santa Maria di San Luca, originariamente di proprietà della famiglia Mazzacane, poi dei Caputi e fino al 1923 dei Testini quando la chiesa fu donata al capitolo Cattedrale[1]. Tuttavia nel 1952 il vescovo Aurelio Marena, in virtù del sempre più fervente culto nei confronti dei santi Cosma e Damiano, fece restaurare la chiesa e insediare il gruppo in cartapesta raffigurante i Santi Medici dai quali il tempio da allora prese il nome[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il prospetto presenta un portale d'ingresso architravato e sovrastato da un timpano su cui poggia una finestra delimitata dalle paraste. La facciata rettangolare culmina con un timpano più grande.

All'interno della chiesa è conservato, oltre al gruppo scultoreo già citato dei Santi Medici, un busto di Fabrizio Caputi e un mausoleo lapideo delle famiglie Mazzacane e Caputi[1]. Nell'unica navata sono inoltre affisse due tele raffiguranti la Madonna del Rosario, il Sacro Cuore di Gesù, sant'Antonio da Padova e san Giuseppe dell'artista Giuseppina Pansini[1][2]. In due teche sono invece custodite tre piccole statue in cartapesta raffiguranti santa Rita da Cascia, Gesù al Calvario e il Santissimo Salvatore, ispirato all'immagine miracolosa di Andria[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Chiesa dei Ss. Medici, su ruvolive.it, 2012.
  2. ^ a b Nella Chiesa dei SS. Medici, la Novena a Gesù Salvatore, su ilsedente.altervista.org, 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]