Sandro Delmastro delle Vedove

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sandro Delmastro delle Vedove

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XIII, XIV
Gruppo
parlamentare
Alleanza Nazionale
Coalizione Casa delle Libertà
Circoscrizione II (PIEMONTE 2)
Collegio 12 Cossato
Incarichi parlamentari
  • VII COMMISSIONE (CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE)
  • IX COMMISSIONE (TRASPORTI, POSTE E TELECOMUNICAZIONI)
  • COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE CAUSE DELL'OCCULTAMENTO DI FASCICOLI RELATIVI A CRIMINI NAZIFASCISTI

Dati generali
Partito politico Alleanza Nazionale
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza.
Professione Avvocato.

Sandro Delmastro delle Vedove (Lozzolo, 24 aprile 1947) è un avvocato e politico italiano.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Eletto deputato nella XIII e XIV legislatura nelle file di Alleanza Nazionale, dal 1995 al 1999 e dal 1999 al 2004, è stato consigliere comunale di Biella e della Provincia di Biella.[1]

Nel 2003, viene accusato di falso per aver fatto introdurre nel carcere di Torino una giornalista del quotidiano Libero presentandola come una sua collaboratrice[2].

Dal giugno del 2009 è consigliere comunale di maggioranza a Borgosesia in forza a una Lista Civica collegata al Popolo della Libertà e alla Lega Nord.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie