Roberto Ranzani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Ranzani
Roberto Ranzani.jpg
Ranzani alla SPAL, campionato di Serie B 1964-1965
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Carriera
Giovanili
???? Concordia Robecco
Squadre di club1
1959-1961 Magenta 50 (2)
1961-1963 SPAL 2 (0)
1963-1964 Mestrina 34 (0)
1964-1965 SPAL 23 (0)
1965-1966 Genoa 20 (0)
1966-1967 SPAL 8 (0)
1967-1968 Reggiana 26 (1)
1968-1970 SPAL 42 (0)
1970-1976 Benevento 207 (1)
1976-1977 Crotone 38 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Ranzani (Robecco sul Naviglio, 6 dicembre 1942Ferrara, 30 marzo 2016) è stato un dirigente sportivo e calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Scoperto giovanissimo da Paolo Mazza, arrivò alla SPAL verso la fine degli anni cinquanta ed esordì in Serie A a Torino contro la Juventus il 20 gennaio 1962. Ceduto in prestito alla Mestrina, tornò alla SPAL e giocò come titolare in Serie B.

Ceduto in comproprietà al Genoa in cambio di Antonio Colombo nel 1965, tornò a Ferrara l'anno successivo. Militò quindi nella Reggiana nel 1966-1967, poi di nuovo alla SPAL e venne ceduto definitivamente al Benevento in Serie D assieme a Giorgio Fogar nel 1970. Concluse nel 1976 la sua carriera di calciatore in Serie C nel Crotone.

Ranzani ha giocato 10 partite in Serie A, 100 in Serie B (segnando una rete), oltre 200 in Serie C e un centinaio di gare in Serie D.

Dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dismessa l'attività di calciatore, diventò dirigente sportivo iniziando proprio con il Crotone} nel 1977 per proseguire con il Cosenza che lo ebbe dirigente in tre occasioni, nel 1979, dal 1984 al 1991 e con cui conquistò la Serie B nel 1988, infine nel 1994. Fu poi a Campobasso nel 1980, alla Casertana nel 1981, al Perugia nel 1992 e al Ravenna nel 1995. Tornò quindi a Ferrara con la SPAL in due occasioni: nel 1997 fino al 2000 e nel 2002 sino al 2007. Dopo avere svolto per alcuni anni la professione di procuratore sportivo per conto di diversi calciatori, nell'estate 2012 ritornò alla SPAL nelle vesti di azionista di minoranza (5%) e presidente. Nella sua carriera da Direttore Sportivo vanta 5 promozioni tra i professionisti (Cosenza 2 volte, Ravenna, SPAL e Perugia) e una sola retrocessione (Avellino 1991/92).

È scomparso improvvisamente il 30 marzo 2016 a Ferrara, sua città d'adozione, all'età di 73 anni.[1]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Benevento: 1973-1974

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spal: ci ha lasciato Roberto Ranzani, su Telestense.it, 30 marzo 2016. URL consultato il 30 marzo 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.
  • Giancarlo Ateri "Origine e storia del calcio robecchese, 2014.