Roberto Maltagliati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Maltagliati
Robertomaltagliati.png
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex Difensore)
Ritirato 2008 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1989-1992 Corsico 64+ (2+)
1992-1993 Solbiatese 34 (0)
1993-1994 Parma 10 (0)
1994-2000 Torino 173 (1)
2000-2002 Piacenza 32 (1)
2002-2004 Ancona 56 (0)
2004-2005 Cagliari 46 (0)
2005-2007 Spezia 41 (0)
2007-2008 Canavese 13 (0)
Carriera da allenatore
2012 non conosciuta Equipe Lombardia
2012-2013 Varese Giovanili
2014 Spezia Primavera
2014 non conosciuta Equipe Lombardia
2014-2015 Flamurtari Valona Vice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Roberto Maltagliati (Cuggiono, 7 aprile 1969) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Difensore centrale forte fisicamente e abile di testa[1], accusava limiti nel gioco in velocità[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esordio nei dilettanti del Corsico dove milita tre stagioni, e una stagione in Serie C2 nella Solbiatese, viene acquistato già ventiquattrenne dal Parma, militante in Serie A[3]. Esordisce nella massima serie il 2 gennaio 1994, nel pareggio esterno a Piacenza, e a fine stagione totalizza 10 presenze.

Nell'estate 1994 viene ceduto al Torino[4], sempre in Serie A. Nella ringiovanita formazione di Rosario Rampanti[5] gioca da titolare la prima delle sue sette stagioni in maglia granata, di cui diventa una bandiera. Con il Torino vive la retrocessione in Serie B nel 1996 e conquista la promozione nella massima serie tre anni più tardi, con Emiliano Mondonico. Con la maglia granata disputa complessivamente 173 partite di campionato, con un'unica rete, nel 3-3 casalingo contro il Monza del 3 aprile 1999[6].

Dopo una nuova retrocessione in cadetteria, nel settembre 2000 si trasferisce al Piacenza[7], a causa di contrasti con la dirigenza[8]. In Emilia contribuisce con 26 presenze e 1 gol alla promozione in Serie A, e colleziona altre 6 presenze l'anno successivo, prima di passare in gennaio all'Ancona[9], con cui ottiene una nuova promozione nella massima serie al termine della stagione 2002-2003[10].

Inizia la stagione 2003-2004 ancora nell'Ancona, prima di tornare in Serie B con il Cagliari nel gennaio successivo[11]. In Sardegna conquista la sua quarta promozione personale nella massima serie, dove è titolare per tutto il campionato 2004-2005. Al termine della stagione non viene confermato[12] e scende in Serie C1 con la maglia dello Spezia[13]. Conquista la promozione in Serie B nella stagione 2005-2006 e la salvezza in quella successiva, nella quale è poco impiegato.

Conclude la carriera nel 2008, dopo una stagione nel Canavese, neopromosso in Lega Pro Seconda Divisione.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio 2012 diventa l'allenatore dell'Équipe Lombardia, formazione che raccoglie diversi giocatori disoccupati[14]. Già nel mese successivo, tuttavia, viene assunto dal Varese come assistente di Maurizio Ganz per la formazione Berretti[15].

Nel febbraio 2014 subentra all'esonerato Davide Cei alla guida della Primavera dello Spezia, società di cui era già collaboratore tecnico[16]. A fine stagione torna all'Équipe Lombardia come collaboratore di Emiliano Mondonico[17].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Spezia: 2005-2006
Spezia: 2006
Corsico: 1991-1992

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Parma: 1993

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

Corsico: 1989-1990

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]