Risonanza magnetica della mammella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Risonanza magnetica della mammella
Procedura diagnostica Mri of breast cancer.jpg
Risonanza magnetica della mammella che mostra un'area (molto chiara) dove vi è un tumore
Tipo Imaging biomedico
ICD-9-CM 88.92 e 88.97

La risonanza magnetica della mammella è una tecnica di imaging biomedico che utilizza la risonanza magnetica, con l'ausilio di un mezzo di contrasto iniettato per via venosa, per lo studio della mammella. È un esame alternativo o complementare alla tradizionale mammografia e ha mostrato notevoli progressi nella diagnosi del tumore al seno.

Confronto con altre tecnologie[modifica | modifica wikitesto]

La letteratura disponibile suggerisce che la sensibilità della risonanza magnetica della mammella con mezzo di contrasto nella rilevazione del tumore è notevolmente superiore a quella di una mammografia tradizioanle o di una ecografia e viene generalmente considerata pari al 94%.[1]

La specificità (la probabilità che una lesione evidenziata siacancerogena e non un falso positivo) è modesta (tra il 37% e il 97% [1]) quindi un risultato positivo alla risonanza magnetica non deve essere interpretato come una diagnosi definitiva.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina