Radiografia dell'addome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Radiografia dell'addome
Procedura diagnostica Constipation.JPG
Radiografia dell'addome ("in bianco", ovvero senza mezzo di contrasto, in un caso di costipazione
Tipo Esame radiologico
Anestesia No
ICD-9-CM 87.7

In medicina, una radiografia dell'addome (chiamata anche diretta addome o addome in bianco) a significare che non viene utilizzato il mezzo di contrasto) è una tecnica di imaging medico utilizzata per l'esame diagnostico dell'addome.

solitamente essa consiste in una radiografia planare frontale centrata sull'addome, con il paziente in posizione supina. Spesso l'esame è completato da ua radiografia del torace in posizione eretta (per escludere aria sotto il diaframma o eziologie toraciche che si presentano come dolori addominali) e una radiografia in piedi dell'addome (per differenziare l'ostruzione da ileo esaminando i livelli gastrointestinali di aria/acqua).

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

La radiografia dell'addome non viene tipicamente usata per studiare patologie di molto organi addominali, quali i reni, gli ureteri e la vescica, poiché queste strutture sono difficili da valutare con questa metodica (ad esempio, i reni non possono essere visibili a causa del gas intestinale sovrastante).[1]

Invece, viene utilizzata per studiare le condizioni gastrointestinali come ad esempio una occlusione intestinale e i calcoli biliari e, in talune circostanze, anche i calcoli renali. La radiografia dell'addome può diagnosticare la costipazione, essendo le feci facilmente visibili. Può, inoltre, essere molto utile per valutare il corretto posizionamento dei dispositivi a permanenza, come uno stent ureterale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Medicina