Regulus ignicapilla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Regulus ignicapillus)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Fiorrancino
Firecrest - Appenines - Italy S4E5222 (17014042119).jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Reguloidea
Famiglia Regulidae
Genere Regulus
Specie R. ignicapilla
Nomenclatura binomiale
Regulus ignicapilla
(Temminck, 1820)
Sinonimi

Regulus ignicapillus

Areale
Regulus ignicapilla -approx range map.png

     Areale di residenza

     Areale di nidificazione

     Areale di svernamento

Il fiorrancino (Regulus ignicapilla (Temminck, 1820)) è un uccello passeriforme della famiglia dei Regulidi[2].

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

L'epiteto specifico, ignicapilla, deriva dall'unione delle parole latine ignis ("fuoco") e capillus ("capelli"), col significato di "dai capelli rossi", in riferimento alla livrea di questi uccelli: il loro nome comune è anch'esso un riferimento alla livrea, rappresentando una macedonia delle parole fiore e arancino.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Maschio in Bulgaria.
Femmina in natura.

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura 9 cm di lunghezza (di cui la metà spetta alla coda), per 5-7 g di peso e un'apertura alare di 11 cm[3]: il becco misura 1 cm di lunghezza, il tarso 1,8 cm. Tali misure lo rendono (assieme all'affine regolo) il più piccolo uccello italiano.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di uccelli dall'aspetto massiccio e paffuto, muniti di grande testa arrotondata e incassata nel torso, becco corto e sottile, zampe robuste e coda dalla punta forcuta.

Il piumaggio si presenta di colore verde oliva su dorso, codione e ali (queste ultime con copritrici e remiganti nerastre, le prime orlate di grigio-biancastro), testa e ventre di color grigio cenere, petto e fianchi grigio-biancastri (con petto più chiaro, soprattutto nei maschi), mentre gola e scapole presentano sfumature aranciate. Sulla faccia è presente una banda nera che forma una mascherina fra i lati del becco e l'orecchio, sormontata da un sopracciglio bianco, così come bianca è la guancia: la coda è anch'essa nera, così come nera è una banda che partendo dalla fronte raggiunge la tempia, circondando il vertice, che è di un inconfondibile colore arancio.
Il dimorfismo sessuale è presente ma non evidentissimo, con le femmine munite di mascherina facciale e di banda arancio cefalica meno estese. In ambedue i sessi, gli occhi sono di colore bruno scuro, il becco è di colore nero e le zampe sono di colore arancio-nerastro.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Maschio canta in natura.

Il fiorrancino è un uccelletto diurno e dal metabolismo velocissimo, che lo rende un animale estremamente attivo e alla perenne ricerca di cibo, sondando le fessure della corteccia col becco sottile per snidare le prede. Ciononostante, non è molto semplice osservarlo, sebbene non sia eccessivamente timido e si avvicini senza grossi problemi all'uomo, mentre è facile udirne il richiamo, forte, più monotono e meno persistente di quello del regolo, consistente in un'unica nota ripetuta in crescendo[3].
Questi uccelli, durante l'inverno, si riuniscono in stormi misti assieme a varie specie di paridi e silvidi[4]

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Esempalre in cerca di cibo.

Si tratta di uccelli quasi esclusivamente insettivori[5], che si nutrono soprattutto di piccoli artropodi dall'esoscheletro non eccessivamente rigido, come collemboli, afidi e ragni (nella ragnatela dei quali essi sono stati talvolta trovati imprigionati, probabilmente mentre cercavano di piluccare le prede agonizzanti rimaste impigliate [3]), nonché di bruchi e larve. Le prede di maggiori dimensioni vengono stordite sbattendole più volte contro un ramo prima di essere consumate.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione riproduttiva va da aprile ad agosto: si tratta di uccelli rigorosamente monogami, i cui maschi corteggiano le femmine cantando con le penne arancioni della testa erette, tenendo il becco diretto verso la potenziale partner per mostrarle il caratteristico pattern facciale fino a quando essa non manifesta le sue intenzioni allontanandosi o accovacciandosi per permettergli di accoppiarsi con essa. Durante il periodo degli amori, i maschi divengono territoriali, difendendo aree di circa mezzo ettaro da intrusi conspecifici e talvolta anche da maschi di specie affine, come i regoli[6].

Nido in museo a Barcellona.

Il nido è a forma di coppa, presenta margini molto alti e viene costruito dalla sola femmina con ragnatele, muschio e licheni, foderandone l'interno con piumino e pelame: esso viene ubicato sulla punta di un ramo di conifera fra i 2,5 e i 20 m d'altezza[3], possibilmente nei pressi di un nido di astore in modo tale da tenere lontani eventuali predatori o ladri di uova[7]. Un nido misura in media 8 cm di diametro, 5-7 di altezza e 2 cm di spessore[3].

All'interno del nido, la femmina depone 7-12 uova di colore rosato con lieve pezzatura rossiccia sul polo ottuso[8], di circa 14 × 11 mm per 0,7 g di peso, il 5% dei quali è rappresentato dal guscio[9].

Le uova vengono covate dalla sola femmina per 14-16 giorni, al termine delle quali schiudono pulli ciechi ed implumi: per il primo periodo di vita essi vengono nutriti dalla sola femmina, la quale utilizza quasi esclusivamente collemboli per i primi cinque giorni di vita, ed in seguito anche afidi e piccoli gusci di chiocciola per integrare l'apporto di calcio. A 8-10 giorni di vita i nidiacei s'involano, pur continuando a venire imbeccati da ambedue i genitori (anche il maschio partecipa alle cure parentali quando i piccoli escono dal nido) ancora per qualche giorno, anche con cibi generalmente evitati dagli esemplari adulti (falene, bruchi, opilionidi, forbicine e millepiedi)[3].

La maturità sessuale viene raggiunta attorno all'anno di vita: l'aspettativa di vita del fiorrancino in natura è di due anni[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Femmina a Caldas da Rainha.
Esemplare sugli Appennini.

Il fiorrancino è diffuso in quasi tutta Europa, oltre che in Maghreb e penisola anatolica, spingendosi ad est fino all'Abcasia e risultando residente nel nord della penisola iberica, alle Baleari, in gran parte della Francia (compresa la Corsica), in Belgio, Svizzera, Grecia, Germania occidentale, Paesi Bassi ed Inghilterra meridionali, Crimea e sulle maggiori catene montuose (arco alpino, Appennini, Alpi Dinariche, Carpazi, monti dell'Atlante e monti del Ponto): durante l'estate, i fiorrancini migrano in direttrice nord-est per riprodursi nelle pianure dell'Est Europa, raggiungendo le sponde sud-orientali del mar Baltico, la Bielorussia e l'Ucraina occidentale, mentre durante l'inverno alcune popolazioni montane scendono più a valle, svernando in Galles, Cornovaglia, Normandia, penisola iberica centrale e meridionale, Pianura Padana, Romania e penisola anatolica. Esemplari in dispersione sono stati registrati in Fennoscandia, Estonia, Cipro, Egitto ed in Libano, ma si tratta di casi isolati[3]. In generale, si può dire che l'areale di residenza del fiorrancino sia compreso fra le isoterme dei 16 e dei 24 °C (valori in luglio)[10].
In Italia, il fiorrancino è residente lungo l'arco alpino ed in tutto il territorio peninsulare, oltre che in Sardegna, mentre in Sicilia, Puglia, Calabria e Pianura Padana questi uccelli sono presenti solo come visitatori invernali. Nell'arcipelago toscano nidifica sicuramente all'Elba e probabilmente a Capraia, Giglio e Gorgona, e sverna a Giannutri e Pianosa.

Il fiorrancino ha esteso il suo areale nel corso dell'ultimo secolo, venendo osservato e divenendo in seguito residente e riproduttore prima in Regno Unito (seconda metà dell'800) Francia settentrionale, Paesi Bassi (1928) e Danimarca (1961)[11].

Esemplare canta in Galizia.
Esemplare al suolo nel West Sussex.

L'habitat ideale di questi uccelli è rappresentato dai boschi temperati misti di latifoglie (con preferenza per le aree a prevalenza di quercia da sughero e ontano, faggio o agrifoglio), con presenza di sottobosco a prevalenza di ginepro, edera e rosa canina: nelle aree di macchia mediterranea favorisce invece le pinete. In ambedue i casi, essi tendono a vivere nelle aree di collina sotto i 1300 m di quota, pur essendo osservabili fino a circa 2800 m di quota[3].
Il fiorrancino non è strettamente dipendente dalla presenza di boschi maturi, colonizzando senza problemi le aree giovani di foresta secondaria e i campi di taglio in ricrescita[12]: inoltre, questi uccelli si dimostrano poco timorosi dell'uomo, spingendosi nelle aree urbanizzate a colonizzare parchi e giardini alberati[13][14].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Maschio impagliato della sottospecie balearicus.

Se ne riconoscono quattro sottospecie[2]:

Alcuni autori riconoscerebbero anche una quinta sottospecie, R. i. laeneni del Nordafrica, generalmente considerata un sinonimo di R. i. balearicus[3].

Il fiorrancino di Madeira veniva in passato classificato come sottospecie del fiorrancino comune, mentre alcuni autori considererebbero la sottospecie teneriffae del regolo una sottospecie di fiorrancino[15].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) BirdLife International (2012), Regulus ignicapilla, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.1, IUCN, 2017.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Regulidae, in IOC World Bird Names (ver 6.2), International Ornithologists’ Union, 2016. URL consultato l'8 maggio 2014.
  3. ^ a b c d e f g h i j (EN) Common Firecrest (Regulus ignicapilla), su Handbook of the Birds of the World. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  4. ^ Herrera, C. M., Ecological aspects of heterospecific flocks formation in a Mediterranean passerine bird community (PDF), in Oikos, vol. 33, nº 1, 1979, p. 85–96, DOI:10.2307/3544516.
  5. ^ Jordano, P., Frugivory, external morphology and digestive system in Mediterranean sylviid warblers Sylvia spp. (PDF), in Ibis, vol. 129, 1987, p. 175–189, DOI:10.1111/j.1474-919x.1987.tb03199.x.
  6. ^ (DE) Becker, P. H., Verhalten auf Lautäußerungen der Zwillingsart, interspezifische Territorialität und Habitatansprüche von Winter- und Sommergoldhähnchen (Regulus regulus, R. ignicapillus), in Journal fũr Ornithologie, vol. 118, nº 3, 1977, p. 233–260, DOI:10.1007/BF01643534.
  7. ^ Mawson, G., Apparent nesting association of Northern Goshawks and Firecrests, in British Birds, vol. 103, 2010, p. 243–244.
  8. ^ Seebohm, H., Coloured Figures of the Eggs of British Birds, Sheffield: Pawson and Brailsford, 1896, p. 209, fig. 53.
  9. ^ British Trust for Ornithology, Firecrest Regulus ignicapilla [Temminck, 1820], su BTOWeb BirdFacts. URL consultato il 17 dicembre 2017.
  10. ^ Snow, D. & Perrins, C. M., The Birds of the Western Palearctic concise edition, Oxford University Press, 1998, p. 1346–1348, ISBN 0-19-850188-9.
  11. ^ Fiedler, W., Recent changes in migratory behaviour of birds: a compilation of field observations and ringing data, 2003, p. 21-29, ISBN 3-540-43408-9.
  12. ^ Telleria, J. L. & Santos, T., Effects of forest fragmentation on a guild of wintering passerines: the role of habitat selection (PDF), in Biological Conservation, vol. 71, 1995, p. 61–67, DOI:10.1016/0006-3207(94)00021-H.
  13. ^ Palomino, D.; Carrascal, L. M., Urban influence on birds at a regional scale: A case study with the avifauna of northern Madrid province (PDF), in Landscape and Urban Planning, vol. 77, 2006, p. 276–290, DOI:10.1016/j.landurbplan.2005.04.003.
  14. ^ Witt, K.; Mitschke, A, A.; Luniak, M., A comparison of common breeding bird populations in Hamburg, Berlin and Warsaw, in Acta Ornithologica, vol. 40, nº 2, 2005, p. 139–146, DOI:10.3161/000164505775247737.
  15. ^ Löhrl, H.; Thaler, E.; Christie, D. A., Status and behaviour of the Tenerife Kinglet, in British Birds, vol. 89, 1996, p. 379–386.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli