Piero Aiello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piero Aiello

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
- Alternativa Popolare-Centristi per l'Europa-NCD (Dal 15/11/2013 a fine legislatura)

In precedenza:

- Il Popolo della Libertà (Da inizio legislatura al 14/11/2013)

Coalizione Coalizione di centro-destra del 2013
Circoscrizione Regione Calabria
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Alternativa Popolare (Dal 2017)
In precedenza:
Democrazia Cristiana (Fino al 1994)
Centro Cristiano Democratico (1994-1999)
Forza Italia (1999-2009)
Il Popolo della Libertà (2009-2013)
Nuovo Centrodestra (2013-2017)
Titolo di studio Laurea in Medicina
Professione Medico, Dirigente Sanitario

Pietro Aiello detto Piero (Ardore, 30 giugno 1956) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Ardore, vive a Catanzaro.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Già esponente della DC, nel 1994 aderisce al Centro Cristiano Democratico. Nel 1999 passa a Forza Italia e quindi nel PdL, per poi aderire nel 2013 al Nuovo Centrodestra e quindi ad Alternativa Popolare.

Consigliere regionale della calabria (1995-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni regionali in Calabria del 1995 viene eletto consigliere nelle liste del Centro Cristiano Democratico in provincia di Catanzaro.

Nel 1999 abbandona il CCD ed aderisce a Forza Italia; ricandidato alle regionali del 2000 viene rieletto consigliere tra le fila di Forza Italia, venendo poi riconfermato anche alle regionali del 2005.

Alle regionali del 2010 viene eletto per la quarta volta consigliere tra le fila del Popolo della Libertà, venendo poi nominato Assessore regionale nella giunta guidata da Giuseppe Scopelliti.[1]

Elezione a senatore[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 è candidato al Senato della Repubblica, in regione Calabria, nelle liste del Popolo della Libertà (in quarta posizione), venendo eletto senatore della XVII Legislatura.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà[2], aderisce al Nuovo Centrodestra guidato da Angelino Alfano[3][4].

Il 18 marzo 2017, con lo scioglimento del Nuovo Centrodestra, confluisce in Alternativa Popolare.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]