Philipp Bargfrede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Philipp Bargfrede
Bargfrede.png
Bargfrede in azione con la maglia del Werder Brema.
Nazionalità Germania Germania
Altezza 174 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Werder Brema Werder Brema
Carriera
Giovanili
1995-2004
2004-2008
TuS 1906 Heeslingen
Werder Brema Werder Brema
Squadre di club1
2007-2008 Werder Brema II Werder Brema II 19 (1)
2008- Werder Brema Werder Brema 121 (4)
Nazionale
2009 Germania Germania U-21 4 (1)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 maggio 2015

Philipp Bargfrede (Zeven, 3 marzo 1989) è un calciatore tedesco, centrocampista del Werder Brema.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha un fratello minore di nome Bent, anch'egli calciatore. Suo padre Hans-Jürgen è un allenatore di calcio ed ex calciatore, che ha vestito le maglie di Werder Brema, St. Pauli e Preußen Münster.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Può essere schierato sia come mediano sia come interno di centrocampo. Nonostante la statura non molto elevata, è in possesso di una buona forza fisica e di un discreto tiro dalla distanza.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato per le giovanili dell'Heeslingen nell'estate del 2004 viene acquistato dal Werder Brema, dove compie tutta la trafila delle giovanili sino ad essere aggregato alla prima squadra per la stagione 2008-2009. Tuttavia debutta con la prima squadra solamente nella stagione 2009-2010, quando nel corso della partita contro l'Union Berlino, valida per il primo turno della Coppa di Germania 2009-2010, subentra dalla panchina al posto di Mesut Özil. Il debutto in Bundesliga avviene invece alla prima giornata, contro l'Eintracht Francoforte, quando nella ripresa subentra a Tim Borowski. Alla quarta giornata di campionato, contro l'Hertha Berlino, viene schierato per la prima volta titolare dal tecnico Thomas Schaaf, e da quel momento in poi, grazie alle sue buone prestazioni, diventa un pilastro del centrocampo dei biancoverdi che a fine anno centreranno il terzo posto in campionato. Nella stagione 2010-2011 continua ad essere titolare nella squadra, racimolando 28 presenze in Bundesliga e ricevendo ben 8 cartellini gialli. Nella stagione 2011-2012 non viene più schierato da interno di centrocampo bensì come mediano davanti alla difesa; a fine stagione colleziona solo 23 presenze, essendo stato fermato da un infortunio. Nella stagione 2012-2013 il tecnico Thomas Schaaf decide di cambiare modulo passando dal 4-4-2 al 4-3-3, e anche a causa dell'arrivo di Kevin De Bruyne, perde il suo posto da titolare, in quanto gli viene preferito Zlatko Junuzović. Colleziona solo 13 presenze anche a causa di un infortunio che lo ha tenuto fermo per quasi tutta la stagione. Dopo aver saltato la prima parte della stagione 2013-2014 a causa di un altro infortunio, torna in campo per la partita contro l'Hoffenheim valida per la quattordicesima giornata di campionato, finita 4-4 e in cui segna proprio la rete del 4-4 definitivo. Chiude la stagione, sinora la migliore dal punto di vista realizzativo, con 20 presenze e 3 reti. Dopo aver accusato l'ennesimo infortunio, esordisce nella stagione 2014-2015 solo alla quattordicesima giornata, entrando dalla panchina nel corso della partita persa per 5-2 contro l'Eintracht Francoforte. Successivamente si riappropria del suo posto da titolare a discapito di Felix Kroos.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]