Paolo Becchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Aureliano Becchi (Genova, 16 giugno 1955) è un filosofo, accademico e blogger italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia, si è poi trasferito in Germania, dove ha collaborato come assistente alla cattedra di filosofia e sociologia del diritto della facoltà di giurisprudenza dell'Università del Saarland, e in seguito come borsista per il Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD). Attualmente è professore ordinario di filosofia del diritto presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università di Genova. Inoltre fino al 2017 è stato professore presso l'Università di Lucerna[1]. Al settembre 2010 aveva prodotto circa 200 pubblicazioni su temi concernenti la filosofia del diritto, la storia della cultura giuridica e la bioetica[2]. È il maggiore studioso italiano del pensiero di Hans Jonas[3].

Si è occupato anche di Immanuel Kant e di Georg Wilhelm Friedrich Hegel dal punto di vista etico e politico, come dimostrano i numerosi articoli scientifici e volumi pubblicati.

Nel 2013 si avvicina al Movimento 5 Stelle, venendo definito dalla stampa l'«ideologo del movimento»[4], ma a gennaio del 2016 lo abbandona criticandolo duramente[5][6] e scrivendo ad aprile il libro Cinquestelle & Associati. Successivamente ha focalizzato il discorso politico sulla categoria del sovranismo ed in particolare sul concetto di sovranismo debole, detto althusiano; coniugando così, istanze federaliste e sovraniste in linea con la Lega di Matteo Salvini[7][8], unitamente alle polemiche sulla gestione sanitaria per il COVID-19 e allo scetticismo di matrice antivaccinista, ai quali ha dedicato un paio di pubblicazioni.

Fino alla metà del 2018 era noto al pubblico del piccolo schermo per le interviste e i talk show in cui dibatteva[9].

È stato editorialista di Il Sole 24 Ore e attualmente di Libero, oltre ad avere un blog sul sito de Il Fatto Quotidiano.

A seguito della morte di David Sassoli, postula in un tweet l'ipotesi che essa fosse dovuta alla somministrazione del richiamo del vaccino contro la COVID-19 e aggiungendo "Costringete la gente a vaccinarsi e a morire. State costruendo una tirannia sanitaria mai esistita prima."[10] In realtà la salute di Sassoli era da anni debilitata a causa di un mieloma, per il quale era stato sottoposto anche a un trapianto di midollo; la sua condizione si è poi aggravata rapidamente in seguito a una polmonite da legionella contratta nel novembre 2021: ricoverato il 26 dicembre 2021 nel reparto di Oncoematologia dell’Istituto Tumori Friulano ad Aviano, Sassoli lì muore l'11 gennaio 2022.[11] L'Università di Genova ha preso subito le distanze dalle esternazioni di Becchi.[12]

I suoi interventi di natura politica sono raccolti nel suo blog.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Morte cerebrale e trapianto di organi. Una questione di etica giuridica (Morcelliana, 2008)
  • Vergeltung und Prävention. Italienische Aufklärung (Filangieri) und deutscher Idealismus (Kant - Hegel) im Vergleich, in Archiv für Rechts- und Sozialphilosophie 88.4 (2002): 549-568.
  • Quando finisce la vita. La morale e il diritto di fronte alla morte (Aracne, 2009)
  • Giuristi e prìncipi. Alle origini del diritto moderno (Aracne, 2010)
  • Kant diverso (Morcelliana, 2011)
  • Il principio dignità umana (Morcelliana, 2013)
  • Nuovi scritti corsari (Adagio Editore, 2013)
  • I figli delle stelle. L'Italia in moVimento (Adagio Editore, 2014)
  • Colpo di Stato permanente (Marsilio Editori, 2014)
  • Apocalypse Euro con Alessandro Bianchi (Arianna Editore, 2014)
  • Oltre l'Euro con Alessandro Bianchi (Arianna Editore, 2015)
  • Napolitano, re nella Repubblica. Per una messa in stato d’accusa (Mimesis, 2015)
  • Cinquestelle & Associati. Il MoVimento dopo Grillo (Kaos, 2016)
  • Referendum costituzionale. Sì o no. Le ragioni per il no e il testo della «controriforma» (Arianna Editore, 2016)
  • Come finisce una democrazia. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi (Arianna Editore, 2017)
  • Italia sovrana (Sperling & Kupfer, 2018)
  • (con Giuseppe Palma) Democrazia in quarantena. Come un virus ha travolto il Paese (Historica Edizioni, 2020)
  • L'incubo di Foucault. La costruzione di una emergenza sanitaria (Lastarìa Edizioni, 2020)
  • Paolo Becchi, Nicola Trevisan e Giovanni Zibordi, Stop Vax. I fatti che vi tengono nascosti, Byoblu Edizioni, 2021, ISBN 9791280657084.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Sektion RF. Personelles (PDF), in ALUMNI Inside. Newsletter für Ehemalige der Universität Luzern, 2 (26 giugno), 2017, p. 1.
  2. ^ Biografia e pubblicazioni (PDF), su Università di Genova (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2013).
  3. ^ Corrado Ocone, Umanesimo e sostenibilità. La filosofia di Conte letta da Ocone, in Formiche.net, 31 agosto 2019. URL consultato l'8 dicembre 2021.
  4. ^ M5S, Grillo scomunica (di nuovo) Becchi: "Non ci rappresenta". Lui: "Tolgo il disturbo", in Il Fatto Quotidiano, 11 febbraio 2014.
  5. ^ Giovanni Bucchi, Perché dico addio al Movimento 5 Stelle. Parla Paolo Becchi, su Formiche.net, 5 gennaio 2016.
  6. ^ M5S, Becchi lascia il Movimento: "È diventato partito stampella di Renzi. È finito il sogno", in Il Fatto Quotidiano, 5 gennaio 2016. URL consultato il 9 gennaio 2019.
  7. ^ Paolo Becchi, Per un'idea 'federativa' di Stato nazionale, in ParadoXa, XI, 2 (aprile-giugno), 2017, pp. 157-169.
  8. ^ Becchi, l’ex ideologo del Movimento Cinque Stelle, ora tifa per Salvini, in Il Secolo d'Italia, 18 febbraio 2017.
  9. ^ Skytg24, Becchi: "Repubblica? Il giornale dell'orfano". Bellasio lascia lo studio. La redazione della tv si scusa con Calabresi, in Il Fatto Quotidiano, 7 giugno 2018.
  10. ^ Tweet, 11 gennaio 2022
  11. ^ Paolo Conti, David Sassoli, il mieloma, il trapianto di midollo e le falsità dei no vax, su Corriere della Sera, 1º dicembre 2022. URL consultato il 12 gennaio 2022.
  12. ^ Filippo Serio, Morte Sassoli, frasi choc del prof. Becchi: Unige prende le distanze, su www.primocanale.it. URL consultato il 12 gennaio 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29549223 · ISNI (EN0000 0001 0883 1202 · SBN IT\ICCU\CFIV\037467 · LCCN (ENn85065675 · GND (DE121914208 · BNF (FRcb120313333 (data) · BNE (ESXX5134981 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n85065675