Paolo Becchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Becchi (Genova, 16 giugno 1955) è un filosofo e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia, si è poi trasferito in Germania dove ha collaborato come assistente alla cattedra di Filosofia e Sociologia del Diritto della Facoltà di Giurisprudenza dell'Università del Saarland, e in seguito come borsista per il Deutscher Akademischer Austauschdienst (DAAD)[1]. Attualmente è professore ordinario di Filosofia del Diritto presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Genova.[1] e co-direttore dell'Istituto per gli studi giuridici Lucernaiuris dell'Università di Lucerna[2]. Ha prodotto circa 200 pubblicazioni su temi concernenti la filosofia del diritto, la storia della cultura giuridica e la bioetica[1].

Negli ultimi anni ha abbandonato i temi di bioetica, dedicandosi all'analisi della politica italiana e guadagnando grande risalto mediatico per il supporto vantato col Movimento 5 Stelle,[3] le sue posizioni politiche sono state però sconfessate da Grillo; che ha più volte dichiarato che Becchi non rappresenta in alcun modo il movimento.[4] Dal 31 dicembre 2015, Becchi ha continuato a rilasciare interviste attaccando Grillo e il M5S;[5] ha espresso le sue idee in diverse opere fra cui Nuovi scritti corsari, Colpo di Stato permanente e Apocalypse Euro oltre che in diversi articoli come blogger per Il Fatto Quotidiano.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Morte cerebrale e trapianto di organi. Una questione di etica giuridica (Morcelliana, 2008)
  • Vergeltung und Prävention. Italienische Aufklärung (Filangieri) und deutscher Idealismus (Kant - Hegel) im Vergleich, in Archiv für Rechts- und Sozialphilosophie 88.4 (2002): 549-568.
  • Nuovi scritti corsari (Adagio Editore, 2013)
  • I figli delle stelle. L'Italia in moVimento (Adagio Editore, 2014)
  • Colpo di Stato permanente (Marsilio Editori, 2014)
  • Apocalypse Euro con Alessandro Bianchi (Arianna Editore, 2014)
  • Oltre l'Euro con Alessandro Bianchi (Arianna Editore, 2015)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]