Paid My Dues

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paid My Dues
Paidues.PNG
Screenshot del video
ArtistaAnastacia
Tipo albumSingolo
Pubblicazione6 novembre 2001
Durata3:22
Album di provenienzaFreak of Nature
GenereSoul
Pop
EtichettaEpic Records
ProduttoreRichie Jones, Ric Wake
Registrazione2001
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[3]
(Vendite: 15.000+)
Belgio Belgio[4]
(Vendite: 25,000+)
Germania Germania[5]
(Vendite: 250,000+)
Norvegia Norvegia[6]
(Vendite: 5,000+)
Svizzera Svizzera[7]
(Vendite: 20.000+)
Dischi di platinoFrancia Francia[1]
(Vendite: 250.000+) Italia Italia[2]
(vendite: 60 000+)
Anastacia - cronologia
Singolo precedente
(2001)
Singolo successivo
(2002)

Paid My Dues è il primo singolo estratto dal secondo album della cantautrice statunitense Anastacia, Freak of Nature. La canzone è stata scritta dalla stessa Anastacia insieme a Lamenga Kafi, Greg Lawson, Damon Sharpe e prodotto da Ric Wake e Richie Jones. La canzone è diventata un enorme successo in gran parte dei paesi d'Europa. In Portogallo, in Italia, in Germania e in Francia il singolo è rimasto in classifica per un anno intero. In Italia, la canzone, oltre ad arrivare alla vetta dei singoli, è stata per 6 mesi la colonna sonora della compagnia di telefonia mobile Omnitel, ad oggi Vodafone Italia.

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Diretto da Liz Friedlander, il video di Paid My Dues è stato girato a Los Angeles. Il video comincia con la cantante all'interno di uno specchio virtuale. Poi la scena si sposta e si vede Anastacia preparare una valigia e poi farsi strada in una strada affollata. La scena si sposta nuovamente in una discoteca, dove la cantante si fa strada fra le gente per arrivare sul palco; quando vi arriva, entra in un altro specchio ed è teletrasportata su un altro palco, dove termina la canzone.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

UK CD single
  1. "Paid My Dues" – 3:20
  2. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Mix) – 5:35
  3. "I Dreamed You" – 5:08
European CD single
  1. "Paid My Dues" – 3:20
  2. "Funk Medley" (Live from Amsterdam) ("Sexy Mother Fucker", "Underdog", "Play That Funky Music") – 7:30
European CD maxi single
  1. "Paid My Dues" – 3:20
  2. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Mix) – 5:25
  3. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Dub Mix) – 5:23
  4. "Funk Medley" (Live from Amsterdam) ("Sexy Mother Fucker", "Underdog", "Play That Funky Music") – 7:30
Australian CD single
  1. "Paid My Dues" – 3:20
  2. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Mix) – 5:25
  3. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Dub Mix) – 5:23
  4. "I Dreamed You" – 5:08
  5. "Funk Medley" (Live from Amsterdam) ("Sexy Mother Fucker", "Underdog", "Play That Funky Music") – 7:30
U.S. 12" single
A1. "Paid My Dues" – 3:20
A2. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Mix) – 5:25
B1. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Dub Mix) – 5:23
B2. "Funk Medley" (Live from Amsterdam) ("Sexy Mother Fucker", "Underdog", "Play That Funky Music") – 7:30
UK 12" promo single
A. "Paid My Dues" (The S-Man's Darkstar Mix) – 5:25
B. "Paid My Dues" – 3:20
UK 12" promo single – Blaze Remixes
A. "Paid My Dues" (Shelter Vocal Mix) – 8:10
B. "Paid My Dues" (Shelter Dub Mix) – 6:08

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Chart (2001/2002) Massima
posizione
Australia[8] 39
Austria[9] 3
Belgio (Flanders)[10] 6
Belgio (Wallonia)[11] 16
Danimarca[12] 1
Paesi Bassi[13] 4
Europa[14] 2
Finlandia[15] 18
Francia[16] 10
Germania[17] 3
Ungheria[18] 17
Italia[19] 1
Nuova Zelanda[20] 24
Norvegia[20] 1
Romania[21] 3
Spagna[19] 7
Svezia[22] 2
Svizzera[23] 1
Regno Unito[24] 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Certifications Singles Argent – année 2002, in SNEP, 17 aprile 2002. URL consultato il 20 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 4 aprile 2012).
  2. ^ mjj.freeforumzone.com, http://mjj.freeforumzone.com/mobile/discussione.aspx?idd=663234.
  3. ^ (DE) IFPI Austria – Gold & Platin Datenbank, in IFPI, 29 marzo 2002. URL consultato il 20 giugno 2009.
  4. ^ (NL) Ultratop – Goud en platina – Singles – 2002, in Ultratop, 18 febbraio 2002. URL consultato il 20 giugno 2009.
  5. ^ (DE) IFPI Germany – Gold/Platin-Datenbank, in Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 20 giugno 2009.
  6. ^ (NO) IFPI Norway – Salgstrofeer, in IFPI. URL consultato il 20 giugno 2009 (archiviato dall'url originale l'8 novembre 2012).
  7. ^ Swiss Certifications – Awards 2001, in swisscharts.com. URL consultato il 20 giugno 2009.
  8. ^ Anastacia – Paid My Dues, in Australian Recording Industry Association, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  9. ^ (DE) Anastacia – Paid My Dues, in IFPI Austria, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  10. ^ (NL) Anastacia – Paid My Dues, in Ultratop, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  11. ^ (FR) Anastacia – Paid My Dues, in Ultratop, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  12. ^ Anastacia – Paid My Dues, in IFPI Denmark, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  13. ^ (NL) Nederlandse Top 40 – week 1 – 2002, in Radio 538, top40.nl. URL consultato il 20 giugno 2009.
  14. ^ European Top 20 Charts – Week Commencing 28th January 2002 (PDF), in Music & Media, Pandora Archive. URL consultato il 22 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2002).
  15. ^ Anastacia – Paid My Dues, in YLE, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  16. ^ (FR) Anastacia – Paid My Dues, in Syndicat National de l'Édition Phonographique, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  17. ^ (DE) Anastacia: Paid My Dues, in Media Control, PhonoNet GmbH. URL consultato il 20 giugno 2009.
  18. ^ (HU) Single (track) Top 10 lista – 2002. 20. hét, Mahasz. URL consultato il 10 giugno 2011.
  19. ^ a b Paul Sexton, Anastacia, Sting Still Strong On Euro Chart, in Billboard, AllBusiness.com, 4 gennaio 2002. URL consultato il 31 dicembre 2009.
  20. ^ a b Anastacia – Paid My Dues, in Recording Industry Association of New Zealand, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  21. ^ (EN) Romanian Top 100, su rt100.ro. URL consultato il 10 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2005).
  22. ^ Anastacia – Paid My Dues, in Swedish Recording Industry Association, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  23. ^ Anastacia – Paid My Dues, in Media Control, Hung Medien. URL consultato il 10 giugno 2011.
  24. ^ Chart Stats – Anastacia – Paid My Dues, in The Official Charts Company, Chart Stats. URL consultato il 20 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 23 luglio 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica